Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:08
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Opinioni

Disastro La Russa: manganella “Bella Ciao” ma colpisce Meloni

LA VIDEOLETTERA DI RICCARDO BOCCA: 10 GIUGNO 2021

Carissimo Ignazio La Russa,
le invio questa videolettera perché lei nei giorni scorsi ha manganellato duramente la proposta di eseguire durante le cerimonie del 25 aprile – quelle contro l’occupazione nazista e contro il regime fascista – la canzone “Bella Ciao” subito dopo l’inno nazionale.

D’accordo: era prevedibile che l’idea non piacesse a lei, che di secondo nome fa Benito e che vicepresiede il Senato sotto la griffe di Fratelli d’Italia. Tantopiù che l’idea veniva da un parlamentare del Pd, seguito da Leu, Movimento 5 Stelle e Italia Viva.

E però lei si è spinto oltre, dicendo che “Bella ciao” non è una canzone in generale dei partigiani, ma in particolare dei partigiani comunisti.

Una querelle inutile, va sottolineato, dato che quelle parole e note furono poco frequentate durante la Resistenza, diventando molto popolari dopo la fine della guerra. E comunque il tema in questione non è questo. Il problema, caro La Russa, è la sua incapacità storico-culturale di comprendere cosa rappresenti oggi “Bella Ciao” per tutti gli italiani democratici.

Cantarla o fischiettarla il 25 aprile – ma non soltanto il 25 aprile – è sinonimo luminoso di libertà, di contrasto deciso a qualunque forma di dittatura e violenza, ma anche di amore verso la nostra patria e di slancio al punto da sacrificare sé stessi. Valori toccanti per qualunque nostro connazionale, eppure da lei liquidati con il bollino rosso del “comunismo”.

Atteggiamento peraltro gemello di quello tenuto dal suo collega di partito Fabio Rampelli, il quale ha presentato un’interrogazione parlamentare contro la scelta di una professoressa di far studiare ed eseguire ai propri studenti la canzone “Bella ciao”.

Salti nel buio di una miopia che porta dritti in un passato triste e divisivo, e non certo alla costruzione di un futuro insieme. E anche un danno pesante alla sua capo-partito Giorgia Meloni, che tanto si impegna sui media a superare il tempo delle camicie nere.

La videolettera di Riccardo Bocca: puntate precedenti
1. Sprofondo D’Urso, la gente ha fame di decenza | VIDEO
2. Tra i giornalisti come Sorgi e la realtà c’è un milione di euro di distanza | VIDEO

3. Il doppio errore dei maestrini di Propaganda Live | VIDEO
4. Caro Di Maio, la strategia del silenzio sul caso Zaki è solo l’ennesimo regalo all’Egitto | VIDEO

5. Pio e Amedeo, gli arroganti dell’ignoranza | VIDEO
6. Andrea Agnelli, l’arroganza dei poteri morti | VIDEO

7. Aiutaci a togliere il vitalizio a Formigoni | VIDEO
8. Caro Miguel Bosé, non stonare sul Covid | VIDEO

9. Meloni tace, il nazifascismo brinda | VIDEO
10. Quanto è bravo Renzi a farsi detestare | VIDEO

11. Si scrive Moratti, si legge incubo | VIDEO
12. Da Draghi a Zoro, ecco il marketing del compagno Letta | VIDEO

13. Direttore o direttrice? È la paura che ingessa la lingua | VIDEO
14. Caro Conte, per salvare il M5S non basterà il “populismo sano”. Serviranno i fatti | VIDEO

15. Giorgia Meloni, due volte vittima. Prima degli insulti e poi dei distinguo | VIDEO
16. Che pena i sarcasmi sulla statura di Brunetta. Semmai il problema è cosa sa fare | VIDEO

17. Caro Draghi, lei è il medico del pronto soccorso ma è la politica che deve resuscitare | VIDEO
18. Massimo Boldi oggi fa ridere solo quando parla di politica | VIDEO

19. Caro Amadeus, il tuo Sanremo non sarà solo uno show ma anche un salvagente dell’anima | VIDEO
20. Biden e il dolce stil novo di cui abbiamo disperatamente bisogno | VIDEO

21. La parabola di Renzi, da mister Rottamatore a picconatore di sé stesso | VIDEO
22. L’errore di San Patrignano, che non fa i conti col suo passato controverso | VIDEO
23. La lezione di Alex Zanardi in questo Natale amaro | VIDEO
24. “Caro Fedez, la beneficenza non è un reality show” | VIDEO

25. “Caro Mauro Corona, nessuno è affranto per la tua assenza dalla tv” | VIDEO
26. “Caro Pirlo, l’improvvisazione è un lusso anche per un predestinato” | VIDEO

27. “Cari virologi, siete i testimonial del caos” | VIDEO
28. “Caro Fabrizio Corona, tu non sei l’Italia” | VIDEO

Ti potrebbe interessare
Opinioni / La Turchia batte l’Italia nella corsa alla ricostruzione in Libia
Opinioni / Armi, odio e fake news: negli Usa la politica si fa violenta (di A. Stille)
Opinioni / Non tagliamo le ali della Repubblica (di G. Bettini)
Ti potrebbe interessare
Opinioni / La Turchia batte l’Italia nella corsa alla ricostruzione in Libia
Opinioni / Armi, odio e fake news: negli Usa la politica si fa violenta (di A. Stille)
Opinioni / Non tagliamo le ali della Repubblica (di G. Bettini)
Opinioni / Ranucci parla di politica e a certi politici non piace: ecco perché lo ricoprono di fango
Opinioni / Il virus muta e fa paura, ma cosa stanno facendo i governi e le BigPharma?
Opinioni / Il super green pass è l’ultima trovata di un governo che non ha il coraggio di imporre il vaccino obbligatorio
Opinioni / Quando il femminicida era un eroe. E vinceva pure l’Oscar (di V. Magrelli)
Opinioni / Gli afghani non possono più permettersi neppure le cure mediche (di W. Samadi)
Opinioni / «Matteo ha perso la testa» (di G. Gambino)
Opinioni / Il Vaticano guarda al successore di Mattarella: ecco i preferiti tra i potenti del clero