Covid ultime 24h
casi +23.641
deceduti +307
tamponi +355.024
terapie intensive +46

La videolettera di Riccardo Bocca: che pena i sarcasmi sulla statura di Brunetta. Semmai il problema è cosa sa fare

Di Riccardo Bocca
Pubblicato il 18 Feb. 2021 alle 10:16 Aggiornato il 24 Feb. 2021 alle 15:49
354

La videolettera di Riccardo Bocca: 18 febbraio 2021

Carissimo Renato Brunetta,
le invio questa videolettera perché lei all’improvviso è tornato al centro dell’attenzione pubblica entrando nel Governo Draghi: quello atteso da tutti come il club dei “migliori” che dovrebbe prendere per mano il Paese e condurlo verso la salvezza.

Nessuno, a dire il vero, aveva pensato a lei come stella di questo dream team. E invece eccola qua, direttamente dai tempi d’oro – per lei – dell’ultimo Governo Berlusconi, a riaffrontare la sfida delle sfide: rendere performante la Pubblica Amministrazione.

Come e se riuscirà nel compito, si vedrà. Nel frattempo l’accoglienza che le è stata riservata dal solito circo degli haters, da qualche vignettista e – diciamolo – anche da qualche opinionista in deficit di buongusto è stata avvilente. Ancora una volta, infatti, è stata derisa la sua statura e si è praticato il gioco del body shaming.

Che pena, che amarezza e che vergogna per tutti noi. È triste che nel 2021 si ricorra allo sfottò fisico per denigrare chi non è gradito e tentare così di minarne l’autorevolezza. Eppure questo è stato lo spettacolo sotto i nostri occhi. Un attacco sciagurato, per volgarità e miopia.

Eppure, caro Brunetta, sarebbe bastato per celebrare in salsa amara il suo ritorno in poltrona ricordare quando invocò in pompa magna il licenziamento dei “fannulloni” statali, oppure quando allegramente diede dei “panzoni” ai poliziotti al lavoro in ufficio, salvo poi scrivere una riforma della Pubblica Amministrazione baciata dal fallimento.

Premesse che sovrastano – e di molto – il dettaglio della sua statura. E che, all’inizio del Governo Draghi, ci portano a riflettere sul senso profondo dell’aggettivo “migliori”: così facile da evocare e così difficile invece da rispettare.

Messaggio politico elettorale. Committente: Tobia Zevi

La videolettera di Riccardo Bocca: puntate precedenti
1. Caro Draghi, lei è il medico del pronto soccorso ma è la politica che deve resuscitare | VIDEO
2. Massimo Boldi oggi fa ridere solo quando parla di politica | VIDEO

3. Caro Amadeus, il tuo Sanremo non sarà solo uno show ma anche un salvagente dell’anima | VIDEO
4. Biden e il dolce stil novo di cui abbiamo disperatamente bisogno | VIDEO

5. La parabola di Renzi, da mister Rottamatore a picconatore di sé stesso | VIDEO
6. L’errore di San Patrignano, che non fa i conti col suo passato controverso | VIDEO

7. La lezione di Alex Zanardi in questo Natale amaro | VIDEO
8. “Caro Fedez, la beneficenza non è un reality show” | VIDEO

9. “Caro Mauro Corona, nessuno è affranto per la tua assenza dalla tv” | VIDEO
10. “Caro Pirlo, l’improvvisazione è un lusso anche per un predestinato” | VIDEO

11. “Cari virologi, siete i testimonial del caos” | VIDEO
12. “Caro Fabrizio Corona, tu non sei l’Italia” | VIDEO

13. “Caro Signorini, fermati: il tuo Gf Vip ha abbattuto il muro della decenza” | VIDEO
14. “Caro Gigi Proietti, non ti perdoniamo: ci lasci soli in un baratro di mediocrità” | VIDEO

15. Vittorio Sgarbi e il grottesco sonno della ragione | VIDEO
16. “Caro Conte, le non decisioni fanno calare il consenso” | VIDEO

17. “Caro Tiziano Ferro, le tasse si pagano: perché non chiedi scusa?” | VIDEO
18.  “Caro Beppe Grillo, il M5S è diventato un reality di faide interne | VIDEO

19. “Chiara Ferragni inventa un nuovo mestiere: la professionista del bene” | VIDEO
20.  “Caro Salvini, dietro il flop del voto c’è il fallimento della sua icona di superuomo” | VIDEO

354
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.