Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 14:26
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Opinioni

La videolettera di Riccardo Bocca: “Caro Tiziano Ferro, le tasse si pagano: perché non chiedi scusa?”

La videolettera di Riccardo Bocca: 15 ottobre 2020

Carissimo Tiziano Ferro, le invio questa videolettera perché lei è tra gli artisti più amati del nostro Paese, celebrato dal pubblico e apprezzato dalla critica per la qualità dei suoi brani. Soltanto che adesso è inciampato. Anzi, è proprio caduto. E su un tema cruciale: le tasse.

Quelle tasse, per essere molto esplicito, che lei avrebbe dovuto pagare allo Stato italiano e invece non ha versato. Una brutta storia: non soltanto per tutti i connazionali che si sono sentiti traditi da un proprio idolo, ma anche per il modo in cui lei si è comportato: trasferendosi altrove, in Gran Bretagna, lontano dalla portata del fisco italico.

Ora la Cassazione parla tecnicamente e drasticamente della “natura fittizia del trasferimento della sua residenza fiscale”. Nero su bianco. E aggiunge anche, per dare un senso sociale a questa sua decisione, che un personaggio come lei – famosissimo, una star da palcoscenico – avrebbe l’obbligo di avere un’elevata coscienza etica.

Parole che fanno male, caro Tiziano Ferro, quasi quanto i 6 milioni di euro che dovrà versare alle casse pubbliche, ma che contengono un messaggio chiaro e forte: basta alle scorciatoie in nome delle proprie tasche, e tolleranza zero verso quella che la Cassazione ha definito “la natura dolosa” delle sue azioni.

Pensare che in passato lei ha definito “sciacalli” coloro che l’hanno attaccata in questa vicenda. E sicuramente ci sarà stato qualcuno che ha brindato con cinismo alle sue sventure attuali. Ma lei non badi a questa gente misera. Guardi piuttosto a se stesso – dentro il grande artista – e s’interroghi se non sia il caso di chiedere scusa.

Sbagliare è umano. Può anche essere umano essere convinti di non avere sbagliato ma averlo fatto lo stesso. Ma si può uscire, per citare un suo successo, da queste sere nere: basta accettare ciò che ha scritto la Cassazione e capire il senso di questa canzone amara: le tasse si pagano. In Italia. Tutte.

Leggi anche: 
1. La videolettera di Riccardo Bocca: “Caro Salvini, dietro il flop del voto c’è il fallimento della sua icona di superuomo” | VIDEO
2. La videolettera di Riccardo Bocca: “Chiara Ferragni inventa un nuovo mestiere: la professionista del bene” | VIDEO
3. La videolettera di Riccardo Bocca: “Caro Beppe Grillo, il M5S è diventato un reality di faide interne | VIDEO

Ti potrebbe interessare
Opinioni / Sempre più polarizzati: nel mondo non c'è spazio per le sfumature
Opinioni / Biden dalla parte dei più deboli: stop ai brevetti e tasse alle multinazionali
Opinioni / Demurtas, l’avvocato-pastore (che ha letto Gramsci) e il caos dentro il Movimento “Cinque teste”
Ti potrebbe interessare
Opinioni / Sempre più polarizzati: nel mondo non c'è spazio per le sfumature
Opinioni / Biden dalla parte dei più deboli: stop ai brevetti e tasse alle multinazionali
Opinioni / Demurtas, l’avvocato-pastore (che ha letto Gramsci) e il caos dentro il Movimento “Cinque teste”
Opinioni / Pio e Amedeo, gli arroganti dell’ignoranza: la videolettera di Riccardo Bocca
Opinioni / Caro Conte, anche tu hai tenuto i porti chiusi (di G. Cavalli)
Opinioni / Perché Pio e Amedeo non sono neppure un’unghia di Checco Zalone (di S. Lucarelli)
Opinioni / I poveri sono falliti e i ricchi sono radical chic: così Salvini non risponde mai nel merito a chi lo critica (di G. Cavalli)
Opinioni / Chi ha paura della Tampon Tax
Opinioni / Il monologo di Fedez contro Draghi, Lega e Rai è una rivoluzione underground
Opinioni / Su Fedez vi state ponendo le domande sbagliate (di G. Cavalli)