Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 20:48
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Opinioni

La videolettera di Riccardo Bocca: “Chiara Ferragni inventa un nuovo mestiere: la professionista del bene”

 

La videolettera di Riccardo Bocca: 1 ottobre 2020

Carissima Chiara Ferragni,
le invio questa videolettera perché non passa un giorno, un’ora, un solo secondo senza che si parli di lei, quasi l’Italia intera fosse ipnotizzata dal suo modo di agire sulla scena pubblica. Tutti a parlare di lei, e lei che tira i fili di una storia – la sua – che ha avuto una svolta improvvisa.

Fino a cinque minuti fa, è il caso di ricordarlo, lei era una manager di successo che alternava il business da influencer a performance demenziali come affittare un supermercato e festeggiare il compleanno del suo Fedez lanciandovi cibo addosso. La vecchia Chiara, o meglio quella giovane e spontanea. Niente a che vedere con la sua versione attuale. Da un lato splendida mamma che su Instagram espone all’infinito sé stessa e il proprio bambino, dall’altro lato personaggio che ha focalizzato il suo nuovo profilo pubblico: quello dell’angelo del bene pronto 24 ore su 24 a spiccare il volo.

Nell’ordine, ha lanciato una raccolta fondi per contrastare l’emergenza Covid, ha mostrato la sua cellulite per difendere la normalità dei corpi femminili, ha promosso a colpi di selfie i musei, si è schierata contro la cultura fascista e – naturale epilogo – ha prestato il suo volto a una versione postmoderna di Madonna del 1600 regalando visibilità alla nostra arte contemporanea.

Tutte mosse brillanti, condivisibili, applaudibili! Ma soprattutto perfette per quel mercato delle emozioni dove lei, cara Ferragni, sa fare acquisti con destrezza. Quanto è miope ridurre tutto questo a un eccesso di protagonismo o di cinismo. Che errore! Che autogol al novantesimo! Lei davvero si sente l’angelo del bene, e sempre di più si comporterà come tale. Perché ha capito il segreto dei segreti: ossia che l’esercizio professionale della bontà e la sua comunicazione urbi et orbi vincono sempre: nel cuore delle persone, in tv, sui social e – perché no – anche nell’intimo del portafoglio. Ancora una volta, insomma, ha inventato un nuovo mestiere. Impressionante, certo, ma comunque nuovo.

Leggi anche: La videolettera di Riccardo Bocca: “Caro Salvini, dietro il flop del voto c’è il fallimento della sua icona di superuomo” | VIDEO

Ti potrebbe interessare
Opinioni / O Draghi o morte: il Pd ha deciso di suicidarsi in nome di una figura che non c’entra nulla con la sinistra (di G. Gambino)
Opinioni / Caro Letta, la sinistra non si fa con la destra (di R. Bertoni)
Opinioni / Ecco perché ai giovani lasceremo in eredità un mondo migliore (di D. De Masi)
Ti potrebbe interessare
Opinioni / O Draghi o morte: il Pd ha deciso di suicidarsi in nome di una figura che non c’entra nulla con la sinistra (di G. Gambino)
Opinioni / Caro Letta, la sinistra non si fa con la destra (di R. Bertoni)
Opinioni / Ecco perché ai giovani lasceremo in eredità un mondo migliore (di D. De Masi)
Opinioni / Una nuova visione del mondo: per salvare il Pianeta dobbiamo cambiare il modello sociale ed economico (di G. Gambino)
Opinioni / Non le basta vincere: Meloni vuole pure i pieni poteri per cambiare la Costituzione (di M. Ainis)
Opinioni / L’abitudine al male e la feroce indifferenza di chi non ha fermato l’omicidio di Alika
Opinioni / Lavoro e Ambiente: ecco il nostro programma elettorale (di N. Fratoianni)
Opinioni / Al voto sarà o noi o Meloni. Ma il dialogo col M5S deve continuare (di F. Boccia)
Opinioni / Tutti pazzi per Mario Draghi: ma tutti chi? (di V. Petrini)
Opinioni / Anima e masochismo: se il Pd strizza l’occhio a chi ha devastato la sua stessa casa (di G. Gambino)