Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 12:54
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Opinioni

La videolettera di Riccardo Bocca: “Caro Salvini, dietro il flop del voto c’è il fallimento della sua icona di superuomo”

La videolettera di Riccardo Bocca: 24 settembre 2020

Carissimo Matteo Salvini,
Le invio questa videolettera perché, tra tutte le sciagure che potevano capitarle per questo referendum costituzionale e il voto locale, le è piombata addosso la peggiore. Ovvero risultare opaco, usurato e soprattutto superato. Proprio lei che è il fuoriclasse dello stare sempre sopra le righe, dell’energia brutale contro tutto e tutti, si è ritrovato a balbettare sulla sua seconda rivoluzione fallita: dopo quella dell’Emilia-Romagna, quella nella rossa Toscana, che resta comunque rossa.

Sono trascorsi secoli dall’estate del Papeete, quando sull’onda di un’arroganza e di una goliardia tipica da cinepattone, non puntav a una marcia su Roma ma alla conquista dell’intero Paese. Altro che poteri forti, oggi il suo destino è quello di barcollare tra uno spintone dell’alleata Giorgia Meloni e uno sgambetto del compagno di partito Zaia.

videolettera riccardo bocca

Il fatto, caro Salvini, è che lei sembra sempre spargere pensieri fake. Non è credibile quando riempie di coccole il Meridione dopo averlo massacrato di insulti, non è credibile quando brandisce il rosario in situazioni che sembrano più strumentali che vocazionali. Non parliamo poi di quando dice di essere tranquillo per le sue inchieste giudiziarie. E non voglio parlare assolutamente di come cerca di coprire l’aggressività verso i migranti con un paio di occhiali da “cumenda”.

Tutto odora di marketing e manipolazione. Strumenti profondamente stonati dopo il lockdown e i 35mila morti che stiamo ancora piangendo. Questo è il momento della calma, della ragionevolezza, della progettualità a lungo termine e della condivisione. Tutte materie in cui lei sarebbe non solo rimandato a settembre, ma anche bocciato.

Questo non significa che il suo personaggio sia al crepuscolo politico, né tantomeno che la sua Lega – quella che lei ha portato dal 3 al 30% – abbia esaurito la propria spinta propulsiva. Però dietro a questo dato elettorale c’è qualcosa di più profondo e grave: il fallimento della sua icona di superuomo. Quello che corre da una piazza all’altra. La recita è finita, il circo populista sbanda, è tempo di realtà.

Leggi anche: Riccardo Bocca sbarca su TPI con la sua videolettera

Ti potrebbe interessare
Opinioni / I talebani hanno spento anche la musica (di W. Samadi)
Opinioni / “Nimbus project”, il lato oscuro di Amazon (di Giulio Gambino)
Opinioni / A Bonomi danno fastidio le richieste dei partiti ma sfortunatamente per lui siamo in democrazia (di G. Cavalli)
Ti potrebbe interessare
Opinioni / I talebani hanno spento anche la musica (di W. Samadi)
Opinioni / “Nimbus project”, il lato oscuro di Amazon (di Giulio Gambino)
Opinioni / A Bonomi danno fastidio le richieste dei partiti ma sfortunatamente per lui siamo in democrazia (di G. Cavalli)
Opinioni / Quello della Polonia è un attacco allo stato di diritto che l’Unione Europea non può ignorare
Opinioni / Un patto con voi lettori (di Giulio Gambino)
Opinioni / Tutti lavorano alle elezioni anticipate ma nessuno lo dice: le danze avranno inizio col nuovo Capo dello Stato
Opinioni / L’ex senatore di Forza Italia Pittelli è stato nuovamente arrestato per mafia, ma la politica fa finta di non vedere
Opinioni / Da Calenda a Renzi fino a pezzi di Forza Italia: iniziate le manovre per la nascita di un grande centro
Opinioni / Al collegio di Roma Uno la candidatura di Conte potrebbe suggellare l’alleanza giallorossa, ma non senza problemi
Opinioni / Salvini voleva "prendersi il Paese", ma non è riuscito a conquistare neanche Varese (di G. Cavalli)