Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 00:30

Discutiamo!

Discutiamo! su TPI: raccolta firme e dibattito sul futuro della sinistra

“Abbiamo aperto e dato vita a questo spazio per raccogliere adesioni e tenere aperto un dibattito sul futuro della sinistra in Italia. Noi abbiamo fatto un appello. Lo trovate qui, insieme ai punti di vista e alle opinioni di militanti e cittadini”. Nadia Urbinati, Piero Ignazi, Stefano Bonaga. Per lasciare la tua firma, aderire all’iniziativa e condividere il tuo pensiero scrivi a discutiamo@tpi.it

La forza della Ragione e Il coraggio della politica

Al di là delle convulsioni passate e presenti del suo gruppo dirigente, il PD ha comunque rappresentato e ancora rappresenta un riferimento per quei cittadini che si ispirano a valori democratici, progressisti, inclusivi, di uguaglianza e giustizia sociale. Si tratta di una constituency idealmente più ampia di quella elettorale, a dimostrazione del fatto che l’esistenza e il destino di questo partito coinvolge tutti coloro che si identificano con quei valori, al di là delle insoddisfazioni per come , spesso, sono rappresentati. E’ su queste premesse che ci sentiamo in dovere di lanciare pubblicamente un allarme che contrasti lo sfaldamento clamorosamente emerso di un partito la cui dirigenza sembra ormai dirigere solo se stessa. E in più sbandando da ogni parte.

Le improvvise dimissioni di Nicola Zingaretti (che sembra siano dovute a una reale esasperazione/disperazione personale), comunicate direttamente sui social, e dunque non solo annunciate a un pubblico indeterminato e generico, vengono motivate, cosa grave e inaudita, descrivendo il personale politico del proprio partito come carrieristico e litigioso, al punto che il segretario stesso dichiara di vergognarsene. Tali dimissioni anomale ci sembrano l’ultima occasione per indurre finalmente a una rivolta della Ragione o almeno della ragionevolezza, i cittadini.

La stessa ragionevolezza che si perse nel 2018 quando Matteo Renzi dopo aver portato il Pd al suo minimo storico rimase abbarbicato alla poltrona di segretario per molti mesi invece di dimettersi subito ed eventualmente abbandonare la politica come promise di fare. Rimane anche scarsamente ragionevole e comprensibile come siano rimasti in ruoli decisionali all’interno del Pd i tanti amici di Renzi che non lo hanno seguito fuori dal partito ma hanno continuato ad alimentare una fronda interna sempre più insidiosa..

E infine, come è possibile che la “responsabilità” verso il governo del paese del PD abbia praticamente annullato la sua funzione storica di sorveglianza critica del potere sociale e di promozione e organizzazione della partecipazione dei cittadini? I cittadini non hanno solo bisogni e diritti ma anche disponibilità, capacità e forza per contribuire al consolidamento di una società democratica più inclusiva e giusta. L’abbandono dei territori alle logiche dei potentati locali e delle relazioni sociali a quelle degli interessi finanziari e imprenditoriali è, da questa prospettiva, una delle più profonde ragioni dello sragionamento” del partito.

Dissociato dalla realtà, il PD si trova cosi fazionalizzato dalla lotta delle correnti interne , incapace di confrontarsi con i cittadini e di coinvolgerli in iniziative pubbliche: il grottesco homo homini lupus fra correnti e gruppi dirigenti li condanna alla impotenza operativa, mentre umilia la “potenza” dei loro naturali committenti, i cittadini. Il tema più volte rimpianto o auspicato della identità del partito non può essere affrontato con la semplice riorganizzazione interna e con la formulazione di un nuovo programma.

L’identità di un partito si configura oltre che in principi condivisi e obiettivi dichiarati, con la capacità di sviluppare quell’energia collettiva capace di realizzarli. Dunque una identità teorico-pratica che emerge non solo in cosa si intende fare ma nello sperimentare come riuscire a farlo. Allora come hanno suggerito di fare Gianni Cuperlo e Giuseppe Provenzano, discutiamo, pensiamo, proponiamo iniziative compatibili con la presente drammatica condizione di separazione dei corpi fisici data dal confinamento causa pandemia.

Svegliamoci allora dal sonno dell’irragionevolezza e attiviamoci al massimo della nostra creatività, capacità e responsabilità, per il necessario ritorno del “buon senso” e del coraggio nella Politica.

Per lasciare la tua firma, aderire all’iniziativa e condividere il tuo pensiero scrivi a discutiamo@tpi.it

Discutiamo! / La sinistra deve guidare la battaglia per ridare dignità al mondo del lavoro in Europa (di H. Bierbaum)
Discutiamo! / Cittadini, il futuro non è un destino ineluttabile. Ribelliamoci e scriviamolo (di S. Bonaga)
Discutiamo! / Sinistra, sveglia! Nell’esaltazione delle competenze vincono gli interessi dei più forti (di N. Fratoianni)
Discutiamo! / Per sconfiggere il populismo bisogna ripartire dalla cittadinanza attiva (di S. Bonaga)
Discutiamo! / Pd, Letta ha il cacciavite per assemblare, ma non l’anima per sentire (di M. Revelli)
Discutiamo! / Come la pensate: l'intervento di Domenico Epaminonda
Discutiamo! / Pd, una musica leggerissima senza voglia di niente. Letta torni allo spirito di Piazza Grande (di M. Smeriglio)
Discutiamo! / C’è un popolo che attende di essere rappresentato: basta con le alchimie di Palazzo (di L. Zacchetti)
Discutiamo! / Caro PD, guarda al futuro e non restare ancorato ai fantasmi del passato (di S. Mentana)
Discutiamo! / Letta, cominciamo a parlare la lingua dei lavoratori: diritti e salari dignitosi (di N. Urbinati)
Discutiamo! / Anna Finocchiaro e Nadia Urbinati: “L’assenza di donne nelle istituzioni è sintomo della democrazia malata” | VIDEO
Discutiamo! / Come la pensate: l'intervento di Licia Accardo
Discutiamo! / Le due vite di Enrico Letta (di R. Bertoni)
Discutiamo! / Stefano Bonaga, Piero Ignazi e Nadia Urbinati lanciano su TPI la piattaforma democratica Discutiamo!
Discutiamo! / La forza della Ragione e il coraggio della politica (di S. Bonaga, P. Ignazi e N. Urbinati)
Discutiamo! / La sinistra e l’ardire del cambiare linguaggi (di Alessandro Bergonzoni)
Discutiamo! / Come la pensate: l'intervento di Antonio Pizzo
Discutiamo! / Come la pensate: l’intervento di Antonio Mumolo
Discutiamo! / La rabbia è giovane ma questo è un Paese per nati vecchi (di M. Tarantino)
Discutiamo! / Come la pensate: l'intervento di Renzo Tiberi
Discutiamo! / Come la pensate: l'intervento di Aldo Ciani
Discutiamo! / Come la pensate: l'intervento di Enrico Scoppola
Discutiamo! / Come la pensate: l'intervento di Giuseppe Vitiello
Discutiamo! / Come la pensate: le risposte all’appello di Urbinati, Bonaga e Ignazi sul futuro della sinistra