Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 15:49
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Discutiamo!

Come la pensate: le risposte all’appello di Urbinati, Bonaga e Ignazi sul futuro della sinistra. L’intervento di Aldo Ciani

Immagine di copertina
Illustrazione di Emanuele Fucecchi

Pubblichiamo di seguito l’intervento di Aldo Ciani in merito all’appello sul futuro della sinistra “La forza della Ragione e il coraggio della politica” [Leggi qui], lanciato da Nadia Urbinati, Stefano Bonaga e Pietro Ignazi. Per lasciare la tua firma, aderire all’iniziativa e condividere il tuo pensiero scrivi a discutiamo@tpi.it

Discutiamo: il futuro della sinistra | Leggi tutti gli interventi

L’intervento di Aldo Ciani
Ci risiamo: un partito senza guida, un avvenire incerto, ma soprattutto un popolo ferito, privato dell’unica ragione per la quale esistete: la rappresentanza. Eh già, a noi che teniamo al bene comune, che abbiamo a cuore l’ecologia, la solidarietà, che vorremmo far crescere i nostri figli in una città più sicure, i nostri anziani in città meno ostili, i nostri amici disabili in città meno complicate chi ci rappresenta?

Noi che viviamo in periferia e ci dipingono come bestie esotiche, noi che se siamo fortunati incontriamo un Buzzi che ci mette a lavorare in una cooperativa, e se ci va male un Carminati che ci mette in mano una pistola, che non vogliamo essere lo sfondo delle manifestazioni di Forza Nuova ma nemmeno le vedove di un mondo che non c’è più e mai più ci sarà, se abbiamo un problema a chi dobbiamo rivolgerci?

Certo l’uomo forte ha il suo fascino, la ruspa, oppure gli opposti che si giustificano; il competente e quello che ha frequentato l’università della strada. Poi c’è una via stretta e faticosa, che è stare un mezzo agli altri, ascoltarli, condividere percorsi, immaginare soluzioni. Certo studiare, vedere cosa ha funzionato altrove, aggiustare quello che non è da buttare, non avere paura di percorrere strade inedite. Mediando tra interessi spesso contrapposti (a volte solo per pigrizia e ideologia).

Diritto alla casa, ambiente, impiego pubblico e produttività, grandi catene e commercio al dettaglio, assistenza di prossimità e imprenditoria dell’assistenza. La politica deve tornare a comporre gli interessi, non agitare le curve. Certo mediare proponendo un orizzonte, sulla base di una forte idealità, ma sapendo che non si governa sulle macerie degli interessi altrui, anche di quelli più lontani e meno empatici.

E poi saper leggere quello che arriva, e non corrergli dietro affannati e senza risorse. Sapere che quando usciremo dalla pandemia saremo tutti più fragili, più impauriti, più poveri. Che lo saremo individualmente ma lo saremo anche come comunità. Che saremo tentati, già lo siamo, di prendercela con gli altri, il vicino e il lontano, il potente e il miserabile. Il conflitto non si esorcizza mettendo la testa sotto la sabbia, non si risolve cavalcandolo o cercando di addomesticarlo.

Il conflitto si previene con misure di giustizia sociale, si affronta senza pregiudizi, separando il grano dal miglio. Il conflitto si risolve indicando un orizzonte concreto e realistico, chiedendo partecipazione e pretendendo il rifiuto della violenza. Qualcuno in mezzo alla gente in questi anni c’è rimasto, è rimasto nelle piazze dei quartieri, nelle scuole e nelle università, nelle librerie e nei bar.

Qualcuno in questi anni nelle ZTL e oltre i Raccordi e le Tangenziali, nei mercati e nei ristoranti, in mezzo alle buche e alla mondezza qualcosa ha costruito. Qualcuno ha scritto, molti hanno letto, hanno studiato, proposto. Non serve un marziano, l’uomo forte ha già dato, il competente e l’uomo qualunque continueranno a farci compagnia (che tanto loro lo sapevano e ce l’avevano già detto). Occorre un popolo che si riconosca in un’ambizione antica, democratica, solidale, e una politica che sappia rappresentarlo.
Aldo Ciani

Ti potrebbe interessare
Discutiamo! / La sinistra deve guidare la battaglia per ridare dignità al mondo del lavoro in Europa (di H. Bierbaum)
Discutiamo! / Cittadini, il futuro non è un destino ineluttabile. Ribelliamoci e scriviamolo (di S. Bonaga)
Discutiamo! / Sinistra, sveglia! Nell’esaltazione delle competenze vincono gli interessi dei più forti (di N. Fratoianni)
Ti potrebbe interessare
Discutiamo! / La sinistra deve guidare la battaglia per ridare dignità al mondo del lavoro in Europa (di H. Bierbaum)
Discutiamo! / Cittadini, il futuro non è un destino ineluttabile. Ribelliamoci e scriviamolo (di S. Bonaga)
Discutiamo! / Sinistra, sveglia! Nell’esaltazione delle competenze vincono gli interessi dei più forti (di N. Fratoianni)
Discutiamo! / Per sconfiggere il populismo bisogna ripartire dalla cittadinanza attiva (di S. Bonaga)
Discutiamo! / Pd, Letta ha il cacciavite per assemblare, ma non l’anima per sentire (di M. Revelli)
Discutiamo! / Come la pensate: l'intervento di Domenico Epaminonda
Discutiamo! / Pd, una musica leggerissima senza voglia di niente. Letta torni allo spirito di Piazza Grande (di M. Smeriglio)
Discutiamo! / C’è un popolo che attende di essere rappresentato: basta con le alchimie di Palazzo (di L. Zacchetti)
Discutiamo! / Caro PD, guarda al futuro e non restare ancorato ai fantasmi del passato (di S. Mentana)
Discutiamo! / Letta, cominciamo a parlare la lingua dei lavoratori: diritti e salari dignitosi (di N. Urbinati)