Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 09:13
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Discutiamo!

Cittadini, il futuro non è un destino ineluttabile. Ribelliamoci e scriviamolo con la nostra potenza

Immagine di copertina
Illustrazione di Emanuele Fucecchi

Nell’ambito dello spazio di dibattito virtuale aperto su TPI per accogliere le risposte all’appello “La forza della Ragione e il coraggio della politica” [Leggi qui], lanciato da Nadia Urbinati, Stefano Bonaga e Piero Ignazi, pubblichiamo un nuovo contributo del professor BonagaPer lasciare la tua firma, aderire all’iniziativa e condividere il tuo pensiero scrivi a discutiamo@tpi.it Discutiamo: il futuro della sinistra | Leggi tutti gli interventi

Cittadini, il futuro non è un destino ineluttabile. Ribelliamoci e scriviamolo con la nostra potenza

La nozione di società complessa è meno familiare nel discorso pubblico del suo uso puramente nominale. Dal punto di vista sociale la complessità è la sovrabbondanza delle possibilità di un ambiente in rapporto alla capacità di selezione di esse da parte di un sistema chiuso. In termini politici si può immaginare il problema della complessità come l’impotenza di un sistema politico semplicemente delegato a ridurre operativamente la quantità enorme di bisogni, diritti, aspettative, domande (culturali ad esempio) e perfino pretese dell’ambiente rappresentato dalla cittadinanza.

Esiste da tempo, dal punto di vista analitico, un teorema che sostiene che per ridurre
la complessità dell’ambiente occorre aumentare la complessità del sistema. Applicato al terreno politico significa che le capacità di risposta di un sistema chiuso non riusciranno mai a soddisfare le domande, e che quindi solo introducendo intelligenza selettiva nel sistema politico dato se ne possono migliorare le prestazioni.

A intelligenza selettiva dobbiamo far corrispondere l’insieme delle discussioni, iniziative, progetti, forme di autonomia etc. Insomma la grande complessità della potenza sociale deve divenire risorsa per un sistema politico inclusivo di essa. A questo proposito aiuta anche la nozione di entropia, e dunque di progressivo indebolimento di un sistema chiuso. Prendo l’occasione per segnalare anche la vera e propria ideologia pseudo-analitica, para-sociologica legata all’espressione: “Si va verso…” etc.

Dove al Si si è sostituito implicitamente una specie di metafisico Weltgeist, uno Spirito del mondo o al meglio uno Spirito della specie, come se fossimo asserviti al Destino. Se è così sembra necessario che finisca così. A seguire, fra i tanti esempi possibili: la società liquida destinata a liquefarsi ancor di più, la politica dei leader, la dittatura dei media, la robotica che risucchierà il lavoro umano fino a un post-umano inevitabile, di specie e di ambiente etc.

Questa inaccettabile visione aristotelica della potenza che conterrebbe già la forma che necessariamente la attualizzerà va contestata. Occorre ribaltare il modello: noi cittadini e l’umanità in generale non possiamo conoscere la nostra propria potenza se non esercitandola al suo limite. Questo è per me un impegno metafisico, morale, politico.

Ti potrebbe interessare
Discutiamo! / La sinistra deve guidare la battaglia per ridare dignità al mondo del lavoro in Europa (di H. Bierbaum)
Discutiamo! / Sinistra, sveglia! Nell’esaltazione delle competenze vincono gli interessi dei più forti (di N. Fratoianni)
Discutiamo! / Per sconfiggere il populismo bisogna ripartire dalla cittadinanza attiva (di S. Bonaga)
Ti potrebbe interessare
Discutiamo! / La sinistra deve guidare la battaglia per ridare dignità al mondo del lavoro in Europa (di H. Bierbaum)
Discutiamo! / Sinistra, sveglia! Nell’esaltazione delle competenze vincono gli interessi dei più forti (di N. Fratoianni)
Discutiamo! / Per sconfiggere il populismo bisogna ripartire dalla cittadinanza attiva (di S. Bonaga)
Discutiamo! / Pd, Letta ha il cacciavite per assemblare, ma non l’anima per sentire (di M. Revelli)
Discutiamo! / Come la pensate: l'intervento di Domenico Epaminonda
Discutiamo! / Pd, una musica leggerissima senza voglia di niente. Letta torni allo spirito di Piazza Grande (di M. Smeriglio)
Discutiamo! / C’è un popolo che attende di essere rappresentato: basta con le alchimie di Palazzo (di L. Zacchetti)
Discutiamo! / Caro PD, guarda al futuro e non restare ancorato ai fantasmi del passato (di S. Mentana)
Discutiamo! / Letta, cominciamo a parlare la lingua dei lavoratori: diritti e salari dignitosi (di N. Urbinati)
Discutiamo! / Anna Finocchiaro e Nadia Urbinati: “L’assenza di donne nelle istituzioni è sintomo della democrazia malata” | VIDEO