Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 21:56
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Discutiamo!

Come la pensate: le risposte all’appello di Urbinati, Bonaga e Ignazi sul futuro della sinistra. L’intervento di Licia Accardo

Immagine di copertina

Pubblichiamo di seguito l’intervento di Licia Accardo in merito all’appello sul futuro della sinistra “La forza della Ragione e il coraggio della politica” [Leggi qui], lanciato da Nadia Urbinati, Stefano Bonaga e Pietro Ignazi. Per lasciare la tua firma, aderire all’iniziativa e condividere il tuo pensiero scrivi a discutiamo@tpi.it

Discutiamo: il futuro della sinistra | Leggi tutti gli interventi

L’intervento di Licia Accardo

Carissimi,

Colgo il Vs “stimolo” per produrci in una militanza proattiva. Dopo tante amare sconfitte (in 15 anni 8 segretari), in cui si annunciavano “cambiamenti”, congressi, confronti radicali, siamo all’ennesima “annunciazione”, in cui ripongo (per disperazione) ancora speranza. La pandemia ha posto in evidenza i limiti e le contraddizioni del nostro “sistema dei sistemi”, diventa, ora, una necessità “rimodulare il Sistema Paese” ad una Normalità pandemica e post pandemica.

Le critiche mosse da Zingaretti hanno prodotto una deflagrazione interna ed esterna, una discesa in campo di Letta con una nuova dirompente proposta (speriamo). Abbiamo la necessità, in primo luogo di darci delle risposte: Chi siamo, chi vogliamo rappresentare e con quale Visione Paese  e metodo?

È indispensabile, per darci UN’IDENTITÀ, chiara, netta, coerente e percepibile. Bisogna avere il coraggio di abiurare la pratica del” vincere comunque sia e con chiunque sia”, che ci ha snaturati, imbarbariti, legittimando scorribande di trasformisti. Mediare? No, non è più possibile. Bisogna rompere gli schemi senza indugi e aprirsi, veramente, al confronto e creare, veramente, un raccordo con le parti sociali, le sezioni, i luoghi di lavoro. Bisogna recuperare “il senso di appartenenza e comunità e fiducia” ma c’è l’urgenza “di una coraggiosa tempesta” che rischiari l’aria.

Con cordiale stima

Licia Accardo

Ti potrebbe interessare
Discutiamo! / La sinistra deve guidare la battaglia per ridare dignità al mondo del lavoro in Europa (di H. Bierbaum)
Discutiamo! / Cittadini, il futuro non è un destino ineluttabile. Ribelliamoci e scriviamolo (di S. Bonaga)
Discutiamo! / Sinistra, sveglia! Nell’esaltazione delle competenze vincono gli interessi dei più forti (di N. Fratoianni)
Ti potrebbe interessare
Discutiamo! / La sinistra deve guidare la battaglia per ridare dignità al mondo del lavoro in Europa (di H. Bierbaum)
Discutiamo! / Cittadini, il futuro non è un destino ineluttabile. Ribelliamoci e scriviamolo (di S. Bonaga)
Discutiamo! / Sinistra, sveglia! Nell’esaltazione delle competenze vincono gli interessi dei più forti (di N. Fratoianni)
Discutiamo! / Per sconfiggere il populismo bisogna ripartire dalla cittadinanza attiva (di S. Bonaga)
Discutiamo! / Pd, Letta ha il cacciavite per assemblare, ma non l’anima per sentire (di M. Revelli)
Discutiamo! / Come la pensate: l'intervento di Domenico Epaminonda
Discutiamo! / Pd, una musica leggerissima senza voglia di niente. Letta torni allo spirito di Piazza Grande (di M. Smeriglio)
Discutiamo! / C’è un popolo che attende di essere rappresentato: basta con le alchimie di Palazzo (di L. Zacchetti)
Discutiamo! / Caro PD, guarda al futuro e non restare ancorato ai fantasmi del passato (di S. Mentana)
Discutiamo! / Letta, cominciamo a parlare la lingua dei lavoratori: diritti e salari dignitosi (di N. Urbinati)