Covid ultime 24h
casi +15.943
deceduti +429
tamponi +327.704
terapie intensive -51

Stefano Bonaga, Piero Ignazi e Nadia Urbinati lanciano su TPI la piattaforma democratica Discutiamo!

Di TPI
Pubblicato il 15 Mar. 2021 alle 14:11 Aggiornato il 15 Mar. 2021 alle 14:56
29
Immagine di copertina

Nadia Urbinati, Piero Ignazi e Stefano Bonaga lanciano su TPI la piattaforma democratica Discutiamo! per riflettere sul futuro della sinistra

La nuova fase storica del Partito Democratico, dopo le dimissioni di Nicola Zingaretti, l’elezione di Enrico Letta e il grido d’allarme dell’ex segretario (“mi vergogno che nel Pd si parli solo di poltrone e primarie”), impone una riflessione profonda su cosa è il Pd oggi e, più in generale, su cosa la sinistra italiana ed europea può rappresentare domani nella grande sfida della ricostruzione socio-economica post Covid.

Stefano Bonaga, Piero Ignazi e Nadia Urbinati hanno così deciso di aprire uno spazio di dibattito virtuale per raccogliere i pensieri di politici, politologi, giornalisti, militanti o attivisti sul futuro della sinistra in Italia partendo dall’appello “La forza della Ragione e il coraggio della politica“, che noi di TPI abbiamo ospitato.

“Abbiamo aperto e dato vita a questo spazio per raccogliere adesioni e tenere aperto un dibattito sul futuro della sinistra in Italia. Noi abbiamo fatto un appello. Lo trovate qui, insieme ai punti di vista e alle opinioni di militanti e cittadini”, scrivono i tre politologi.

Su tpi.it/discutiamo ospiteremo gli interventi di tutti coloro che vorranno rispondere all’appello. Un dibattito aperto e plurale per interrogarsi e confrontarsi sul futuro del partito che ha raccolto la grande eredità della storia comunista e cattolico-democratica italiana. “Svegliamoci dal sonno dell’irragionevolezza e attiviamoci al massimo della nostra creatività, capacità e responsabilità, per il necessario ritorno del “buon senso” e del coraggio nella Politica”.

Per mandare il proprio contributo basta scrivere a discutiamo@tpi.it

Discutiamo: il futuro della sinistra | Leggi tutti gli interventi

29
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.