Covid ultime 24h
casi +16.146
deceduti +477
tamponi +273.506
terapie intensive -35

La videolettera di Riccardo Bocca: “Caro Fedez, la beneficenza non è un reality show”

Di Riccardo Bocca
Pubblicato il 17 Dic. 2020 alle 10:34
181

La videolettera di Riccardo Bocca: 17 dicembre 2020

Carissimo Federico Lucia in arte Fedez,
le invio questa videolettera perché lei il 7 dicembre scorso ha ricevuto la massima onorificenza per chi vive a Milano: l’Ambrogino d’oro. Un sogno, una meraviglia, una consacrazione.

Niente da aggiungere: se l’è meritato. Come recita la motivazione del premio, lei “nel primo lockdown ha messo a disposizione la sua notorietà per la lotta al Covid”. Dunque non resta che applaudire, al di là del sospetto che dietro a questo tachicardico impegno sociale soffi la malizia del marketing.

Contano comunque i fatti, non le opinioni. Ed è per questo che merita una riflessione come lei s’è comportato l’altra sera, quando ha attraversato Milano a bordo della sua Lamborghini donando a cinque persone altrettante buste da mille euro l’una.

In pratica, i suoi follower hanno raccolto il denaro e lei, da compiaciuto Babbo Natale, l’ha distribuito a un rider, a una cameriera, a una signora anziana, a un’homeless e a una dipendente della Croce Rossa. Il tutto, tra sghignazzi e qualunquaggini apocalittiche, in diretta sulla sua webchat, con i fan che  commentavano questo “Bontà Tour”.

Un misto tra la più sgangherata delle carrambate e il più sfrontato dei reality. Il simbolo di una beneficenza-spettacolo che raggela per la sua mancanza di riservatezza e buongusto. Caratteristiche che devono sempre avere – e, ribadisco, sempre – questo genere di operazioni. Soprattutto quando protagonisti sono personaggi pubblici.

Un brutto modo, caro Fedez, per festeggiare la medaglia da benefattore meneghino appena appuntata al petto. E la dimostrazione che nel tempo le persone possono cambiare, è vero: possono anche migliorarsi a volte, ma non cancellare del tutto il dna che si portano dentro. Che peccato, mister Ambrogino. Che canzone stonata sotto l’albero.

La videolettera di Riccardo Bocca: puntate precedenti
1. “Caro Mauro Corona, nessuno è affranto per la tua assenza dalla tv” | VIDEO
2. “Caro Pirlo, l’improvvisazione è un lusso anche per un predestinato” | VIDEO
3. “Cari virologi, siete i testimonial del caos” | VIDEO

4. “Caro Fabrizio Corona, tu non sei l’Italia” | VIDEO
5. “Caro Signorini, fermati: il tuo Gf Vip ha abbattuto il muro della decenza” | VIDEO
6. “Caro Gigi Proietti, non ti perdoniamo: ci lasci soli in un baratro di mediocrità” | VIDEO
7. Vittorio Sgarbi e il grottesco sonno della ragione | VIDEO

8. “Caro Conte, le non decisioni fanno calare il consenso” | VIDEO
9. “Caro Tiziano Ferro, le tasse si pagano: perché non chiedi scusa?” | VIDEO
10.  “Caro Beppe Grillo, il M5S è diventato un reality di faide interne | VIDEO

11. “Chiara Ferragni inventa un nuovo mestiere: la professionista del bene” | VIDEO
12.  “Caro Salvini, dietro il flop del voto c’è il fallimento della sua icona di superuomo” | VIDEO

181
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.