Covid ultime 24h
casi +16.146
deceduti +477
tamponi +273.506
terapie intensive -35

La videolettera di Riccardo Bocca: l’errore di San Patrignano, che non fa i conti col suo passato controverso

Di Riccardo Bocca
Pubblicato il 7 Gen. 2021 alle 10:33 Aggiornato il 7 Gen. 2021 alle 10:44
81

La videolettera di Riccardo Bocca: 7 gennaio 2021

Carissimi vertici di San Patrignano,
vi invio questa videolettera perché all’improvviso i riflettori si sono accesi sulla vostra comunità, dopo l’uscita e il successo della docuserie “Sanpa” sulla piattaforma televisiva Netflix.

O meglio: questo documentario ha illuminato ciò che era la comunità di San Patrignano quando la guidava il suo fondatore, Vincenzo Muccioli, e ha scandagliato in particolare la relazione tra le tante – tantissime – vite di giovani tossicodipendenti salvate e i metodi violenti – a volte molto violenti – utilizzati per gestire questi ragazzi.

Un’opera televisiva di grande impatto e ampiezza, dove l’obiettivo principale non è stato tanto quello di giudicare quanto piuttosto quello di comprendere, concedendo a ciascuno dei testimoni dell’epoca lo spazio necessario per esprimersi con affetto, sofferenza o anche distacco totale a seconda dei momenti e casi.

Un esempio di onestà giornalistica, quello messo in campo dall’ideatore Gianluca Neri e dalla sua squadra. Eppure la vostra reazione, cari vertici attuali di San Patrignano, è stata miope. Almeno quanto quella di Muccioli quando fu fagocitato dai demoni del proprio potere.

Avete definito il racconto di questa docuserie come “sommario e parziale”. Vi siete dissociati e avete parlato, senza giri di parole, di “tesi preconcette”. Che errore, che autogol, che replica stonata per difendere quello che è oggi San Patrignano.

Perché non è temendo il passato che si tutela il presente. Soprattutto quando quel passato – nella sua eccezionalità – è stato scomodo, stonato, contraddittorio e non per niente finito in tribunale.

Così facendo, cari vertici di San Patrignano, avete perso l’occasione per un confronto pubblico costruttivo sul tema delle dipendenze – che purtroppo non passa mai di moda – preferendo invece lo scontro fine a sé stesso. Un vero peccato e un triste fallimento mediatico.

La videolettera di Riccardo Bocca: puntate precedenti
1. La lezione di Alex Zanardi in questo Natale amaro | VIDEO
2. “Caro Fedez, la beneficenza non è un reality show” | VIDEO

3. “Caro Mauro Corona, nessuno è affranto per la tua assenza dalla tv” | VIDEO
4. “Caro Pirlo, l’improvvisazione è un lusso anche per un predestinato” | VIDEO

5. “Cari virologi, siete i testimonial del caos” | VIDEO
6. “Caro Fabrizio Corona, tu non sei l’Italia” | VIDEO

7. “Caro Signorini, fermati: il tuo Gf Vip ha abbattuto il muro della decenza” | VIDEO
8. “Caro Gigi Proietti, non ti perdoniamo: ci lasci soli in un baratro di mediocrità” | VIDEO

9. Vittorio Sgarbi e il grottesco sonno della ragione | VIDEO
10. “Caro Conte, le non decisioni fanno calare il consenso” | VIDEO

11. “Caro Tiziano Ferro, le tasse si pagano: perché non chiedi scusa?” | VIDEO
12.  “Caro Beppe Grillo, il M5S è diventato un reality di faide interne | VIDEO

13. “Chiara Ferragni inventa un nuovo mestiere: la professionista del bene” | VIDEO
14.  “Caro Salvini, dietro il flop del voto c’è il fallimento della sua icona di superuomo” | VIDEO

81
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.