Covid ultime 24h
casi +15.943
deceduti +429
tamponi +327.704
terapie intensive -51

La videolettera di Riccardo Bocca: da Draghi a Zoro, ecco il marketing del compagno Letta

Di Riccardo Bocca
Pubblicato il 18 Mar. 2021 alle 10:47 Aggiornato il 18 Mar. 2021 alle 11:22
105

La videolettera di Riccardo Bocca: 18 marzo 2021

Carissimo Enrico Letta,
le invio questa videolettera perché c’è un dubbio enorme che incombe sulla sua nomina a segretario del Partito democratico: ovvero che con lei al comando non cambi nulla. Oppure che cambi troppo poco per salvare un partito in perenne guerra civile.

Già l’inizio è stato poco incoraggiante. Scoprire dai giornali che a darle l’ultima spinta per tornare in Italia è stata una telefonata con il premier Draghi dà l’idea di una ragnatela di poteri molto distante dai comuni elettori. E ancora peggio è stata la sua prima video-uscita da candidato segretario a “Propaganda Live”, autoproclamatasi su La7 repubblica della sinistra di nicchia.

Dopodiché, bello – bellissimo – sentirla parlare di transizione all’economia verde, di leggi per la parità di genere, persino del super discusso ius soli, ma la sensazione complessiva è che si tratti più di marketing suggestivo che di un progetto realizzabile a breve.

Non basta citare costantemente i suoi fari democristiani, come il compianto professor Andreatta oppure l’esimiio professor Romano Prodi, a dimostrare la sua bontà d’intenti. E tantomeno è sufficiente che lei s’intesti la patente di difensore del popolo, dal quale peraltro dista anni luce per abitudini e stile.

A questo punto, caro Letta, serve un’azione di verità, con gesti forti e coraggiosi. Come per esempio impedire a Renzi e sodali di infestare il nuovo corso, o anche strambare drasticamente per debellare il virus delle correnti interne. Magari, stavolta, senza consultare prima l’amico ed ex banchiere Draghi. Il quale sicuramente tifa per il lieto fine della sua missione – per evidenti interessi strategici – ma è anche colui che ha affidato a un pasdaran leghista un ministero cardine come quello dello Sviluppo economico.

La videolettera di Riccardo Bocca: puntate precedenti
1. Direttore o direttrice? È la paura che ingessa la lingua | VIDEO
2. Caro Conte, per salvare il M5S non basterà il “populismo sano”. Serviranno i fatti | VIDEO

3. Giorgia Meloni, due volte vittima. Prima degli insulti e poi dei distinguo | VIDEO
4. Che pena i sarcasmi sulla statura di Brunetta. Semmai il problema è cosa sa fare | VIDEO

5. Caro Draghi, lei è il medico del pronto soccorso ma è la politica che deve resuscitare | VIDEO
6. Massimo Boldi oggi fa ridere solo quando parla di politica | VIDEO

7. Caro Amadeus, il tuo Sanremo non sarà solo uno show ma anche un salvagente dell’anima | VIDEO
8. Biden e il dolce stil novo di cui abbiamo disperatamente bisogno | VIDEO

9. La parabola di Renzi, da mister Rottamatore a picconatore di sé stesso | VIDEO
10. L’errore di San Patrignano, che non fa i conti col suo passato controverso | VIDEO

11. La lezione di Alex Zanardi in questo Natale amaro | VIDEO
12. “Caro Fedez, la beneficenza non è un reality show” | VIDEO

13. “Caro Mauro Corona, nessuno è affranto per la tua assenza dalla tv” | VIDEO
14. “Caro Pirlo, l’improvvisazione è un lusso anche per un predestinato” | VIDEO

15. “Cari virologi, siete i testimonial del caos” | VIDEO
16. “Caro Fabrizio Corona, tu non sei l’Italia” | VIDEO

17. “Caro Signorini, fermati: il tuo Gf Vip ha abbattuto il muro della decenza” | VIDEO
18. “Caro Gigi Proietti, non ti perdoniamo: ci lasci soli in un baratro di mediocrità” | VIDEO

19. Vittorio Sgarbi e il grottesco sonno della ragione | VIDEO
20. “Caro Conte, le non decisioni fanno calare il consenso” | VIDEO

21. “Caro Tiziano Ferro, le tasse si pagano: perché non chiedi scusa?” | VIDEO
22.  “Caro Beppe Grillo, il M5S è diventato un reality di faide interne | VIDEO

23. “Chiara Ferragni inventa un nuovo mestiere: la professionista del bene” | VIDEO
24.  “Caro Salvini, dietro il flop del voto c’è il fallimento della sua icona di superuomo” | VIDEO

105
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.