Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 11:07
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Opinioni

Meloni tace, il nazifascismo brinda: la videolettera di Riccardo Bocca

 

La videolettera di Riccardo Bocca: 8 aprile 2021

Carissima Giorgia Meloni,
le invio questa videolettera perché a Verona nei giorni scorsi gli adepti di Gioventù Nazionale – ovvero la formazione junior del suo Fratelli d’Italia – si sono contraddistinti per una prodezza degna del massimo avvilimento: inneggiare sui social a un criminale di guerra nazista.

Si tratta di Leon Degrelle, ufficiale delle SS noto anche con l’appellativo di “figlio adottivo di Hitler”, del quale è stato celebrato con un post su Facebook l’anniversario della morte. Una figura che, senza dubbio, meriterebbe il dimenticatoio e che invece sciaguratamente è stata riportata all’attenzione pubblica.

Tutto questo rientra nel capitolo, già abbastanza intasato, dell’apologia nazifascista. Ma non è soltanto questo il problema. Il punto, cara Meloni, è che, dopo la presa di distanza obbligata del segretario provinciale veronese di Fratelli d’Italia, da parte sua non è giunta una condanna dura, drastica, inequivocabile del fatto. Anzi, si è chiusa in un silenzio d’acciaio.

Non è un dettaglio secondario, bensì un macigno politico e culturale. Ma come? Lei, giorno dopo giorno, cresce nei sondaggi a discapito della Lega salviniana, il suo partito è quello più rilevante all’opposizione del coccolatissimo governo Draghi, e lei non sente la necessità di scolpire a lettere cubitali il distacco da un simile episodio di imbecillismo storico?

In questo modo ha gioco facile chi la accusa di non allontanare dal suo universo teorico e pratico i nostalgici del peggio, e si trova a dover incassare i richiami di chi crede in una democrazia esente da fantasmi criminali. Parole, cara Meloni, che non dovrebbe farsi scivolare addosso ma – anzi – dovrebbero aiutarla a liberarsi dall’ambiguità.

Non basta la sua data di nascita a garantire una solida distanza dalle mestizie del fascismo e dei suoi parenti. Lei dovrebbe schierarsi duramente – se davvero vuole entrare nella modernità – contro i saluti romani dei militanti, contro i nostalgici in salsa nazista e soprattutto contro coloro che accettano le loro provocazioni.

La videolettera di Riccardo Bocca: puntate precedenti
1. Quanto è bravo Renzi a farsi detestare | VIDEO
2. Si scrive Moratti, si legge incubo | VIDEO
3. Da Draghi a Zoro, ecco il marketing del compagno Letta | VIDEO

4. Direttore o direttrice? È la paura che ingessa la lingua | VIDEO
5. Caro Conte, per salvare il M5S non basterà il “populismo sano”. Serviranno i fatti | VIDEO

6. Giorgia Meloni, due volte vittima. Prima degli insulti e poi dei distinguo | VIDEO
7. Che pena i sarcasmi sulla statura di Brunetta. Semmai il problema è cosa sa fare | VIDEO

8. Caro Draghi, lei è il medico del pronto soccorso ma è la politica che deve resuscitare | VIDEO
9. Massimo Boldi oggi fa ridere solo quando parla di politica | VIDEO

10. Caro Amadeus, il tuo Sanremo non sarà solo uno show ma anche un salvagente dell’anima | VIDEO
11. Biden e il dolce stil novo di cui abbiamo disperatamente bisogno | VIDEO

12. La parabola di Renzi, da mister Rottamatore a picconatore di sé stesso | VIDEO
13. L’errore di San Patrignano, che non fa i conti col suo passato controverso | VIDEO

14. La lezione di Alex Zanardi in questo Natale amaro | VIDEO
15. “Caro Fedez, la beneficenza non è un reality show” | VIDEO

16. “Caro Mauro Corona, nessuno è affranto per la tua assenza dalla tv” | VIDEO
17. “Caro Pirlo, l’improvvisazione è un lusso anche per un predestinato” | VIDEO

18. “Cari virologi, siete i testimonial del caos” | VIDEO
19. “Caro Fabrizio Corona, tu non sei l’Italia” | VIDEO

20. “Caro Signorini, fermati: il tuo Gf Vip ha abbattuto il muro della decenza” | VIDEO
21. “Caro Gigi Proietti, non ti perdoniamo: ci lasci soli in un baratro di mediocrità” | VIDEO

22. Vittorio Sgarbi e il grottesco sonno della ragione | VIDEO
23. “Caro Conte, le non decisioni fanno calare il consenso” | VIDEO

24. “Caro Tiziano Ferro, le tasse si pagano: perché non chiedi scusa?” | VIDEO
25.  “Caro Beppe Grillo, il M5S è diventato un reality di faide interne | VIDEO

26. “Chiara Ferragni inventa un nuovo mestiere: la professionista del bene” | VIDEO
27.  “Caro Salvini, dietro il flop del voto c’è il fallimento della sua icona di superuomo” | VIDEO

Ti potrebbe interessare
Opinioni / Caro-energia: perché decabornizzare è meglio di diversificare (di L. de Santoli)
Opinioni / Con questa classe dirigente il Pd non ha futuro (di L. Pacini)
Opinioni / Sui diritti umani c’è ancora tanto da fare, ma le donne iraniane ci ricordano ciò per cui vale la pena lottare
Ti potrebbe interessare
Opinioni / Caro-energia: perché decabornizzare è meglio di diversificare (di L. de Santoli)
Opinioni / Con questa classe dirigente il Pd non ha futuro (di L. Pacini)
Opinioni / Sui diritti umani c’è ancora tanto da fare, ma le donne iraniane ci ricordano ciò per cui vale la pena lottare
Opinioni / Criminalizza gli studenti e disprezza i poveri: il primo a essere rimandato dovrebbe essere il ministro Valditara (di L. Telese)
Opinioni / Bollette, Buste paga e Benzina: ecco le 3 B dalle quali deve ripartire la sinistra (di G. Gambino)
Opinioni / I vecchi elenchi non sono carta straccia, raccontano come erano le nostre città (di S. Mentana)
Opinioni / Ma voi ve la ricordate, Letizia Moratti? (di L. Telese)
Opinioni / Discutere di Letizia Moratti per la sinistra è un segno dei tempi. Pessimi
Opinioni / Da “Io sono Giorgia” a “Io sono Mario bis”, il passo è stato breve grazie a Giorgetti (di G. Gambino)
Opinioni / Toccatemi tutto ma non Giorgia: ecco il metodo Sallusti, elogi sperticati alla premier, insulti per tutti gli altri