Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 09:56
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Opinioni

Pio e Amedeo, gli arroganti dell’ignoranza: la videolettera di Riccardo Bocca

LA VIDEOLETTERA DI RICCARDO BOCCA: 6 MAGGIO 2021

Carissimi Pio e Amedeo,
vi scrivo questa videolettera perché nell’ultima puntata del vostro programma su Canale 5 Felicissima sera siete riusciti in un esercizio straordinariamente ostico: ergervi, da una parte, come paladini della libertà d’espressione e, dall’altra parte invece, risultare fuoriclasse di un medioevo sociale e culturale.

La vostra grande idea, infatti, è stata schierarvi di fronte a milioni di persone contro la dittatura del politically correct, madre – a vostro avviso – di insensate e infinite censure e autocensure. Un atto d’accusa, il vostro, contro chi rifugge categoricamente l’utilizzo di termini come “negro”, “frocio” o magari “ebreo” per indicare chi è tirchio.

La cosa grave – sostenete – non è tanto l’utilizzo delle parole, quanto le intenzioni di chi vuole offendere. E il resto – sostenete sempre voi – è soltanto un cumulo maleodorante di ipocrisia.

Un ragionamento, cari Pio e Amedeo, che ha portato a due risultati. Il primo: ottimi ascolti, cosa che però in televisione succede spesso anche alla merce più spavaldamente avariata. E poi la convinzione di essere gli eroi di una comicità libera e coraggiosa. L’esatto opposto, di fatto, della realtà. Ovvero di quel mondo reale in cui il pregiudizio, la discriminazione e la violenza trovano un fortissimo alleato nelle parole, che sono capaci di sintetizzare lo spirito della crudeltà e della miopia sociale.

Dunque, carissimi Pio e Amedeo, se è vero che in scena avete detto che il politically correct “ha rutt’ o cazz”, beh anche voi rischiate di stancare. Perché dire a chi viene chiamato per strada “negro” o “frocio” di rispondere con una risata non è un atto illuminato, ma al contrario il sintomo e il simbolo della vostra inadeguatezza al tema. Anzi: per non essere ipocriti – come voi stessi chiedete – è il sintomo della vostra roboante ignoranza.

La videolettera di Riccardo Bocca: puntate precedenti
1. Andrea Agnelli, l’arroganza dei poteri morti | VIDEO
2. Aiutaci a togliere il vitalizio a Formigoni | VIDEO
3. Caro Miguel Bosé, non stonare sul Covid | VIDEO

4. Meloni tace, il nazifascismo brinda | VIDEO
5. Quanto è bravo Renzi a farsi detestare | VIDEO

6. Si scrive Moratti, si legge incubo | VIDEO
7. Da Draghi a Zoro, ecco il marketing del compagno Letta | VIDEO

8. Direttore o direttrice? È la paura che ingessa la lingua | VIDEO
9. Caro Conte, per salvare il M5S non basterà il “populismo sano”. Serviranno i fatti | VIDEO

10. Giorgia Meloni, due volte vittima. Prima degli insulti e poi dei distinguo | VIDEO
11. Che pena i sarcasmi sulla statura di Brunetta. Semmai il problema è cosa sa fare | VIDEO

12. Caro Draghi, lei è il medico del pronto soccorso ma è la politica che deve resuscitare | VIDEO
13. Massimo Boldi oggi fa ridere solo quando parla di politica | VIDEO

14. Caro Amadeus, il tuo Sanremo non sarà solo uno show ma anche un salvagente dell’anima | VIDEO
15. Biden e il dolce stil novo di cui abbiamo disperatamente bisogno | VIDEO

16. La parabola di Renzi, da mister Rottamatore a picconatore di sé stesso | VIDEO
17. L’errore di San Patrignano, che non fa i conti col suo passato controverso | VIDEO
18. La lezione di Alex Zanardi in questo Natale amaro | VIDEO
19. “Caro Fedez, la beneficenza non è un reality show” | VIDEO

20. “Caro Mauro Corona, nessuno è affranto per la tua assenza dalla tv” | VIDEO
21. “Caro Pirlo, l’improvvisazione è un lusso anche per un predestinato” | VIDEO

22. “Cari virologi, siete i testimonial del caos” | VIDEO
23. “Caro Fabrizio Corona, tu non sei l’Italia” | VIDEO

Ti potrebbe interessare
Economia / Adil e Luana, vittime dei “nuovi” caporali del Covid (di Luca Telese)
Opinioni / Calenda, Renzi e la vile tattica degli attacchi (personali) a Bettini
Calcio / Il catenaccio: cosa racconta di noi lo schema tipico del calcio italiano (di S. Mentana)
Ti potrebbe interessare
Economia / Adil e Luana, vittime dei “nuovi” caporali del Covid (di Luca Telese)
Opinioni / Calenda, Renzi e la vile tattica degli attacchi (personali) a Bettini
Calcio / Il catenaccio: cosa racconta di noi lo schema tipico del calcio italiano (di S. Mentana)
Opinioni / Gaia Tortora azzanna i giudici, ma coccola Berlusconi e Salvini (di Riccardo Bocca)
Opinioni / L’Istat calcola 5,6 milioni di poveri. Ma per certi politici e imprenditori i sussidi sono roba per fannulloni
Opinioni / Patrick Zaki: la vergogna per il tuo 30esimo compleanno in cella non ha un luogo per nascondersi
Calcio / Francia-Germania, secoli di rivalità in una sola partita
Opinioni / Essere Barillari: ovvero approfittare di un calciatore quasi morto per collezionare qualche like (di G. Cavalli)
Opinioni / Da Calenda ai renziani: quelli che non vivono senza parlare male del Pd (di G. Cavalli)
Opinioni / L’irritazione di Palazzo Chigi per la visita di Grillo all’ambasciatore cinese: ecco perché Conte ha dato forfait