Me

Polemiche su Sanremo 2019: critiche, proteste e lamentele intorno al Festival

Di Carmelo Leo
Pubblicato il 20 Feb. 2019 alle 07:00 Aggiornato il 20 Feb. 2019 alle 17:56
Immagine di copertina

Sanremo 2019 polemiche | Proteste | Esclusi | Festival Canzone italiana

Non c’è Sanremo senza le polemiche. Puntuali ogni anno, fin dalla prima edizione, attorno al Festival della Canzone italiana si concentrano mugugni e lamentele. Dalle proteste dei concorrenti esclusi dalla competizione, a quella di lavoratori di diversi settori che approfittano della grande visibilità della kermesse per portare all’attenzione di cittadini e istituzioni questioni sindacali.

> QUI TUTTO QUELLO CHE C’E’ DA SAPERE SU SANREMO 2019

Non mancano mai accuse di plagio nei confronti di alcune canzoni in gara, come anche immense discussioni relative ai compensi, ritenuti sempre eccessivi, destinati ai vari conduttori, al direttore artistico e agli ospiti internazionali.

> QUI LA NOSTRA DIRETTA DEL FESTIVAL DI SANREMO

> QUI LA DIRETTA DELLA FINALE DEL FESTIVAL

Anche la 69esima edizione di Sanremo, quella del 2019, non è ovviamente esente da critiche e polemiche di vario tipo.

> QUI TUTTE LE CURIOSITÀ DI SANREMO 2019

Sanremo 2019 polemiche | News

Aggiornamento 11 febbraio 2019 – Ultimo prosegue la polemica su Instagram – Attorno alle 20 di domenica 10 febbraio, all’indomani della finale, il secondo classificato del Festival ha rotto il silenzio. No, non a Domenica In, dove ha rifiutato l’invito, ma sui social. Il giovane cantautore ha infatti dedicato alcune parole al suo pubblico, lamentandosi di fatto del regolamento della kermesse e attaccando nuovamente i giornalisti. “Avevo più del 30% dei voti di Mahmood, questo non è il Festival del popolo ma dei giornalisti”, ha spiegato il giovane. (QUI IL VIDEO)

Aggiornamento 10 febbraio 2019 – La polemica di Ultimo contro i giornalisti dopo il secondo posto – Polemica in sala stampa. Dopo la chiusura della serata finale del Festival di Sanremo 2019, Ultimo si è presentato in conferenza stampa visibilmente alterato. Dopo aver fatto i complimenti al vincitore Mahmood chiamandolo “ragazzo” e non col suo nome, beccandosi i rimbrotti dei giornalisti è esploso: “Avete questa settimana per sentirvi importanti e dovete rompere il cazzo. Tanto qualsiasi cosa io dico troverete qualcosa da ridire”. (QUI TUTTI I DETTAGLI)

Salvini: “Mahmood? La canzone italiana più bella?!? Io avrei scelto Ultimo” – Pochi minuti dopo l’annuncio della vittoria di Mahmood, il ministro dell’Interno Matteo Salvini ha twittato la sua opinione sul Festival. (QUI TUTTI I DETTAGLI)

Aggiornamento 9 febbraio 2019 – Vittorio Feltri: “Sanremo 2019? Mi interessa come il sesso tra scarafaggi” – Più di 10 milioni di italiani guardano la “festa della canzone italiana”, ma il direttore di Libero commenta il Festival durante il programma “I Lunatici” su Rai Radio2(QUI TUTTI I DETTAGLI)

Aggiornamenti 8 febbraio 2019 – Don Mazzi critica Baglioni e la sua scelta di portare all’Ariston Achille Lauro – “Il servizio pubblico sceglie di mettere in gara una canzone che non solo inneggia alla droga, ma che contiene una frase che mi sconvolge perché va al di là della droga in sé, parla della fine che provoca. Ma la cosa che mi meraviglia di più è che un uomo di grande cultura, un conduttore come Claudio Baglioni, si sia lasciato scappare una cosa del genere”. Don Antonio Mazzi, su Sanremo 2019, è categorico. (QUI TUTTI I DETTAGLI)

Sanremo, anche Giletti all’attacco: “Manca la satira, si vede il peso delle pressioni politiche” – Il conduttore sempre più in odor di Rai ha espresso all’Agi il suo giudizio, lapidario, sul Festival di Sanremo. “Non c’è satira, che è invece necessaria al Festival. Si vede che hanno subito delle pressioni politiche”.
(QUI TUTTI I DETTAGLI)

Sui social Ultimo accusato di plagio – È uno dei favoriti per la vittoria finale, ma su Ultimo si sta scatenando una bufera. Sembra infatti che “I tuoi particolari” abbia delle sonorità che ricordano chiaramente una canzone di Marco Masini del 2015. (QUI TUTTI I DETTAGLI)

Dentro il Rojava, guerra di Siria

Enzo Iacchetti attacca Sanremo e, a sorpresa, la Hunziker – Chi l’avrebbe mai detto che Enzo Iacchetti avrebbe criticato così aspramente il Festival? Eppure, in occasione della seconda serata della kermesse più amata dagli italiani, il celebre conduttore di Striscia la notizia dice la sua. E non spende parole al miele per Baglioni&Co. Bersaglio delle sue critiche anche, un po’ a sorpresa per i fan, Michelle Hunziker. (QUI TUTTI I DETTAGLI)

Aggiornamenti 7 febbraio 2019 – Selvaggia Lucarelli a Virginia Raffaele: “Smetti di essere istituzionale, facci ridere” – È uno dei temi di questo Sanremo: Virginia Raffaele sembra imballata e forzata dal contesto troppo pomposo e formale del Festival e non riesce a liberare tutta la sua creatività e comicità. Un consiglio alla conduttrice arriva da Selvaggia Lucarelli, che la sprona a lasciarsi andare, a togliersi la maschera istituzionale e a mettersi quella che le sta meglio: farci ridere”. (QUI TUTTI I DETTAGLI)

Dentro il Rojava, guerra di Siria

Il retroscena: “Dietro le quinte c’è un clima orrendo” – In conferenza stampa e sul palco sorridono tutti, parlando di unità e coralità, ma dietro le quinte del Festival, stando a un’indiscrezione del Corriere della Sera, l’atmosfera sarebbe del tutto diversa: “C’è un clima orrendo – ha raccontato una fonte confidenziale al giornalista Renato Franco – nuvole nere tra il cast artistico e i vertici di Rai 1”. I motivi? Alcuni monologhi e altre dichiarazioni dei conduttori… (QUI TUTTI I DETTAGLI)

Aggiornamenti 6 febbraio 2019 – Sanremo 2019, Lorella Cuccarini: “Standing ovation per Fabrizio Frizzi? Ma se non gli hanno mai proposto di presentarlo”. Polemica la ballerina che si schiera dalla parte del conduttore scomparsa prematuramente. (QUI TUTTI I DETTAGLI)

La gaffe di Virginia Raffaele. Sanremo 2019 si apre con un gaffe difficile da dimenticare. Claudio Bisio e Virginia Raffaele, conduttori della prima serata del Festival della canzone italiana, stavano commentando la giacca del primo quando la Raffaele se ne è uscita con un commento sui Casamonica. (QUI TUTTI I DETTAGLI)

La gaffe di Claudio Bisio. L’attore comico ha fatto una gaffe con Andrea Bocelli, sul palco insieme al figlio Matteo con un’esibizione che ha emozionato molto il pubblico. (QUI TUTTI I DETTAGLI)

Aggiornamento 5 febbraio 2019 – Striscia la notizia e il servizio shock su Claudio Baglioni: “Così ha selezionato i cantanti per Sanremo”. Proprio a ridosso della prima serata del Festival della canzone italiana, continuano le polemiche che vedono protagonista Claudio Baglioni. Da Striscia la Notizia, infatti, sono arrivate nuove accuse al direttore artistico della kermesse e al modo in cui sono stati reclutati i cantanti in gara. (QUI TUTTI I DETTAGLI)

Aggiornamento 4 febbraio 2019 – “Baglioni è furioso, ha spaccato una porta” – Tornano le dure polemiche contro Claudio Baglioni riguardo il conflitto d’interesse. Il direttore artistico della kermesse canora si sarebbe infastidito al punto da sbattere violentemente una porta e spaccarla. (QUI TUTTI I DETTAGLI).

Aggiornamento 31 gennaio 2019 – Baccini: “Sanremo? Manifestazione truccatissima” – Il cantautore genovese Francesco Baccini, tramite un post su Facebook, ha duramente attaccato la kermesse canora definendola “truccatissima”. (QUI TUTTI I DETTAGLI)

Aggiornamento 29 gennaio 2019 – Conflitto di interessi a Sanremo? Le accuse a Baglioni – Da qualche settimana, il giornalista de Linkiesta Michele Monina denuncia il conflitto di interesse di Claudio Baglioni, dal momento che molti artisti dei 24 big selezionati per Sanremo fanno parte della sua stessa agenzia. Il direttore artistico sarebbe infatti legato all’agenzia di Ferdinando Salzano, che rappresenta gli interessi di molti artisti celebri, tra cui Baglioni. Anche Striscia La Notizia ha dedicato un servizio al direttore artistico della kermesse musicale. (QUI TUTTI I DETTAGLI)

Aggiornamenti 19 gennaio 2019 – Fiorello difende Baglioni sui compensi di Sanremo – Fiorello torna a parlare del Festival e stavolta interviene a difesa del direttore artistico, travolto anche quest’anno dalle polemiche sugli stipendi riservati a lui e ai due conduttori, Virginia Raffaele e Claudio Bisio. “Perché non ci si indigna allo stesso modo verso i delinquenti che rapinano, per quelli che non pagano le tasse o per i politici che mangiano con le mazzette sulle opere pubbliche?”, chiede lo showman siciliano su Instagram. (QUI TUTTI I DETTAGLI)

Pace fatta tra Baglioni e Salvini dopo le polemiche a distanza – Il direttore artistico del Festival, Claudio Baglioni, ha chiarito con il ministro dell’Interno Matteo Salvini, dopo le polemiche scaturite dalle parole del cantante nel corso della conferenza stampa di presentazione di Sanremo 2019, cui Salvini aveva risposto duramente. I due si sarebbero sentiti al telefono giovedì 17 gennaio. (QUI TUTTI I DETTAGLI)

Aggiornamento 16 gennaio 2019 – Non si placa la polemica per l’esclusione della canzone di Pierdavide Carone e i Dear Jack sulla pedofilia – Sulla polemica per la bocciatura del brano “Caramelle”, Pierdavide Carone ha dichiarato in un’intervista al programma di Massimo Giletti su La 7 Non è l’Arena: “Sono molto deluso, in primis da Claudio Baglioni. Con il direttore artistico di Sanremo c’era un rapporto di stima, abbiamo anche duettato insieme. È un cantautore e mi sarei aspettato più empatia visto il tema del brano. È più facile dire di sì a un argomento scottante quando c’è il patrocinio di un gigante della musica. Se avessi portato ‘Caramelle’ con una star della musica, l’avrebbero presa. So che era piaciuta, dunque il problema era in chi la presentava: è grave e anche un po’ razzista”. (QUI TUTTI I DETTAGLI)

Aggiornamento 15 gennaio 2019 – Ministro Fontana: “Dispiace per l’esclusione da Sanremo 2019 di Caramelle” – Il ministro per la Famiglia e le Disabilità Lorenzo Fontana si è schierato al fianco di Pier Davide Carone e i Dear Jack, esclusi con il loro brano “Caramelle” dal Festival di Sanremo 2019. “Dispiaciuto che un brano come “Caramelle”, che parla di lotta alla pedofilia, sia stato escluso da Sanremo – le parole del ministro in un tweet -. Un argomento molto importante, su cui, tra l’altro, stiamo già lavorando: abbiamo diversi progetti in cantiere col Ministero dell’Istruzione”. (QUI TUTTI I DETTAGLI)

Aggiornamento 11 gennaio 2019 – Claudio Bisio: “Sul palco dell’Ariston parlerò di migranti” – “Vorrei non commentare perché sarò a Sanremo e dirò delle cose lì – ha dichiarato a La Presse l’attore, a seguito della conferenza stampa della trasmissione Italia’s got talent – Vi invito a vedere il mio intervento di sei anni fa a Sanremo, l’unica volta in cui ci sono stato. Era un monologo scritto da me e Michele Serra, che sarà mio autore anche in questa occasione: stiamo già lavorando. Le cose mi piace dirle sul palco da artista. Guardate cosa ho fatto sei anni fa e capirete quale sarà il tono che potrò usare. Ho parlato agli italiani”. (QUI TUTTI I DETTAGLI)

Aggiornamento 10 gennaio 2019 – Il retroscena de La Stampa: “Dopo l’attacco a Salvini, Baglioni rischia l’epurazione dalla Rai” – Le dichiarazioni di Claudio Baglioni a proposito dei migranti non sono piaciute a Teresa De Santis, neo direttore di Rai 1. Secondo quanto riportato da La Stampa, De Santis avrebbe deciso di non riconfermare Baglioni per i prossimi Festival di Sanremo. (QUI TUTTI I DETTAGLI)

Aggiornamento 9 gennaio 2019 – Botta e risposta Baglioni-Salvini sulla questione migranti – Claudio Baglioni, durante la conferenza stampa di presentazione del Festival di Sanremo ha usato dure parole verso un governo che vuole ricostruire muri. E contro l’Italia, diventata incattivita e rancorosa. Il ruolo del festival di Sanremo di quest’anno sarà dunque quello di creare un’armonia, in un paese “terribilmente disarmonico”. Ma il vicepremier Matteo Salvini risponde subito via Twitter: “#Baglioni? Canta che ti passa, lascia che di sicurezza, immigrazione e terrorismo si occupi chi ha il diritto e il dovere di farlo”. (QUI TUTTI I DETTAGLI)

Aggiornamento 4 gennaio 2019 – Pierdavide Carone attacca Baglioni: “Mi ha deluso” – Pierdavide Carone è uno degli esclusi eccellenti dal Festival di Sanremo 2019. Il cantautore romano si era presentato alle selezioni assieme ai Dear Jack, con una canzone molto impegnata. Il titolo è “Caramelle” e nel testo si affronta duramente il tema della pedofilia. Il direttore artistico di Sanremo, Claudio Baglioni, tuttavia non ha ritenuto la canzone sufficientemente valida e ha deciso di escluderla dalla competizione. Carone non l’ha presa affatto bene, dicendosi molto deluso da Baglioni, dal quale si sarebbe aspettato “maggiore empatia, visto il tema del brano”. Il cantante ha anche lanciato una stoccata: “Se avessi portato Caramelle con una star della musica, l’avrebbero presa”. (QUI TUTTI I DETTAGLI)

Sanremo 2019 polemiche | Quando va in onda

Il Festival della canzone italiana va in onda, in prima serata, da martedì 5 febbraio a sabato 9 febbraio 2019. La kermesse viene trasmessa in diretta tv su Rai 1 e in diretta radio su Rai Radio 2.

Ogni anno, anche a causa dell’alto numero di cantanti che devono esibirsi, Sanremo inizia sempre un po’ prima rispetto alle normali trasmissioni della sera, intorno alle 20.30, subito dopo il telegiornale.

> QUI TUTTI I VIDEO SU SANREMO 2019

Sanremo 2019 polemiche | Streaming e diretta tv

Il Festival di Sanremo viene trasmesso ogni sera, da martedì 5 a sabato 9 febbraio 2019, in prima serata su Rai 1. L’evento, in chiaro e in diretta, è completamente gratuito.

Per chi non riesce a seguire il Festival in televisione, ci sono anche diverse strade alternative: guardare lo spettacolo in streaming, grazie alla piattaforma RaiPlay, anch’essa completamente gratuita (è necessario però registrarsi), oppure tramite la diretta radio di Rai Radio 2.

Su RaiPlay, inoltre, nei giorni successivi alla messa in onda è possibile rivedere in differita le puntate intere di Sanremo, oltre a singole clip.

Sanremo 2019 polemiche | Cantanti in gara

Uno dei più grandi cambiamenti dell’edizione numero 69 del Festival di Sanremo riguarda il numero dei cantanti in gara. Nel 2018 erano stati 20, nel 2019 diventano 24.

I nomi degli artisti che si sfidano a colpi di musica sull’Ariston sono stati resi noti durante le due serate di Sanremo Giovani, andate in onda il 20 e il 21 dicembre 2018.

Altra novità: tra i big in gara ci sono anche i vincitori delle due serate speciali di dicembre, dedicati a quelle che fino all’edizione del 2018 venivano chiamate le “Nuove Proposte”.

Ecco i nomi dei cantanti in gara a Sanremo 2019 con accanto il titolo della canzone che porteranno all’Ariston (unica eccezione i due Giovani, Einar e Mahmood, che dovranno portare un titolo diverso da quello che ha permesso loro di arrivare alla competizione dei big):

  • Federica Carta e Shade – Senza farlo apposta
  • Patty Pravo e Briga – Un po’ come nella vita
  • Negrita – I ragazzi stanno bene
  • Daniele Silvestri – Argento vivo
  • Ex otago – Solo una canzone
  • Achille Lauro – Rolls Royce
  • Arisa – Mi sento bene
  • Francesco Renga – Aspetto che torni
  • Boomdabash – Per un milione
  • Enrico Nigiotti – Nonno Hollywood
  • Nino D’Angelo e Livio Cori – Un’altra luce
  • Paola Turci – L’ultimo ostacolo

> QUI LO SPOT DI SANREMO 2019 CON BAGLIONI E PAPALEO

  • Simone Cristicchi – Abbi cura di me
  • Zen Circus – L’amore è una dittatura
  • Anna Tatangelo – Le nostre anime di notte
  • Loredana Bertè – Cosa ti aspetti da me
  • Irama – La ragazza col cuore di latta
  • Ultimo – I tuoi particolari
  • Nek – Mi farò trovare pronto
  • Motta – Dov’è l’Italia
  • Il Volo – Musica che resta
  • Ghemon – Rose viola
  • Mahmood (vincitore di Sanremo Giovani 2018 – titolo da definire)
  • Einar (vincitore di Sanremo Giovani 2018 – titolo da definire)

> QUI TUTTI I DETTAGLI SUI CANTANTI IN GARA A SANREMO

Sanremo 2019 polemiche | Direttore artistico | Claudio Baglioni

Dopo il successo dell’edizione 2018, la prima sotto la direzione artistica di Claudio Baglioni, il cantautore romano è stato confermato dalla Rai anche per il 2019.

“Da febbraio c’è stato un vero e proprio corteggiamento – ha confessato nel momento dell’annuncio, a luglio, il direttore generale della Rai Mario Orfeo – e non poteva essere altrimenti considerato il successo di critica e di pubblico e i record ottenuti nella sua prima volta da direttore del Festival”.

> QUI TUTTO SULLA CARRIERA DI CLAUDIO BAGLIONI

Baglioni, classe 1951, nel 2018 ha dimostrato tutte le sue competenze costruendo un Festival trasversale e popolare, che è risultato uno dei più apprezzati degli ultimi anni.

“Ho preso questa direzione artistica come una missione”, ha dichiarato Baglioni che, commentando poi le scelte per i big del 2019, ha confermato: “Quest’anno abbiamo cercato di fare una mostra che rispecchi la vitalità della musica italiana, da quella che si ascolta in radio a quella che si fa strada sul web, a quella che si va a sentire nei locali”.

LEGGI ANCHE: Le curiosità di Sanremo 2019