Me

Sanremo 2019, Ultimo polemico con i giornalisti in sala stampa dopo il secondo posto

Di Anton Filippo Ferrari
Pubblicato il 10 Feb. 2019 alle 09:26 Aggiornato il 10 Feb. 2019 alle 09:30
Immagine di copertina

SANREMO 2019 ULTIMO POLEMICA – Polemica in sala stampa. Dopo la chiusura della serata finale del Festival di Sanremo 2019, Ultimo si è presentato in conferenza stampa visibilmente alterato. Dopo aver fatto i complimenti al vincitore Mahmood chiamandolo “ragazzo” e non col suo nome, beccandosi i rimbrotti dei giornalisti è esploso:  “Avete questa settimana per sentirvi importanti e dovete rompere il cazzo. Tanto qualsiasi cosa io dico troverete qualcosa da ridire”.

> QUI TUTTO QUELLO CHE C’È DA SAPERE SU SANREMO 2019

“La gente aveva molta aspettative su quello che avrei fatto, ma per me e per noi tutti la canzone è al centro di tutto. Il massimo che posso fare è quello che faccio sul palco”, ha detto il cantante rispondendo e successivamente spiegando che era semplicemente amareggiato.

“Io vi sembro incazzato? Sono sincero: non sono uno che, al contrario di altri, ha bisogno di crearsi un velo di finzione davanti; qui gli artisti vengono con un’idea ben precisa. Se io non riesco a raggiungerlo… Io non sono incazzato, semplicemente ce l’ho con me stesso, non ce l’ho con nessuno. Sono amareggiato. Io punto all’eccellente. Io non punto al buono”.

> QUI ULTIMO ACCUSATO DI PLAGIO DAI SOCIAL

Chi è Ultimo? Il ragazzo, nato a Roma il 27 gennaio 1996, dopo la vittoria nel Festival di Sanremo 2018 nella categoria Nuove proposte con il brano “Il ballo delle incertezze” ha visto esplodere la propria carriera. Un vero e proprio boom che – molto probabilmente – verrà consolidato con la partecipazione a Sanremo 2019 dove si è classificato secondo.

> QUI TUTTO QUELLO CHE C’E’ DA SAPERE SU SANREMO 2019

Ultimo, nato a Roma nel quartiere di San Basilio, segue fin da piccolo un percorso di studi all’Accademia Nazionale di Santa Cecilia (nella sede storica di Roma) incentrato sullo studio del pianoforte e poi della composizione. Il ragazzo ha talento e lo dimostra fin da subito: a soli 14 anni infatti inizia a scrivere e comporre canzoni.

Poi sceglie il nome d’arte Ultimo “per far capire subito per chi scrivo”. Nel 2016 vince un concorso di musica hip hop, denominato “one shot game” promosso dalla Honiro, un’etichetta discografica indipendente che poi inizia a produrlo.

Nel maggio 2017 Ultimo apre il concerto di Fabrizio Moro a Roma, mentre nel settembre seguente si esibisce al MACRO in occasione dell’Honiro Label Party. Debutta di fatto con il singolo “Chiave”, a cui hanno fatto seguito “Ovunque tu sia” e “Sabbia”. Il suo primo album “Pianeti”, uscito nell’ottobre dello stesso anno, ha raggiunto la seconda posizione della classifica iTunes.

(QUI IL SUO PROFILO COMPLETO)