Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 16:06
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Spettacoli

Sanremo 2019, Pierdavide Carone e i Dear Jack attaccano Baglioni dopo la loro esclusione

Immagine di copertina
Pierdavide Carone e i Dear Jack (Foto: Instagram)

Il cantautore romano e la band proveniente da Amici si erano presentati con un brano, "Caramelle", sulla pedofilia. E ora criticano il direttore artistico: "Ci aspettavamo maggiore empatia"

Sanremo 2019 polemiche Pierdavide Carone | Dear Jack | Caramelle | Claudio Baglioni

Arrivano le prime polemiche attorno al Festival di Sanremo 2019. A poco più di un mese dall’inizio della kermesse, Claudio Baglioni è finito nell’occhio del ciclone per un’esclusione eccellente. Tra i 24 big in gara dal 5 al 9 febbraio, infatti, mancano Pierdavide Carone e i Dear Jack: il cantautore romano e la band proveniente da Amici si erano presentati con una canzone, intitolata “Caramelle”, che tratta il delicato tema della pedofilia. Ma sono stati esclusi dalla competizione.

Dopo l’esclusione, adesso, gli artisti accusano il direttore artistico del Festival di avere avuto “poca empatia, visto il tema del brano”. A fare rumore è soprattutto un’intervista di Carone al Corriere della Sera: “Il nostro intento – dichiara il cantante – non è speculare su un dramma, ma denunciare un orrore, qualcosa che d’improvviso può sconvolgere la vita di chiunque. Sono molto deluso, in primis da Claudio Baglioni. Con il direttore artistico di Sanremo c’era un rapporto di stima, abbiamo anche duettato insieme. Mi sarei aspettato più empatia visto il tema del brano”.

> QUI TUTTO QUELLO CHE C’E’ DA SAPERE SU SANREMO 2019

Poco dopo, Carone lascia intendere che forse, più che la canzone, a non essere piaciuti ai giudici del Festival sono stati proprio i cantanti: “È più facile dire di sì a un argomento scottante quando c’è il patrocinio di un gigante della musica”, accusa il cantante, che nel 2012 aveva ottenuto il pass per Sanremo con una canzone sulla prostituzione, “Nanì“, cantata assieme a Lucio Dalla.

“Se avessi portato Caramelle con una star della musica – continua Carone – l’avrebbero presa. So che era piaciuta, dunque il problema era in chi la presentava: è grave e anche un po’ razzista. Servono gli abiti giusti per fare i monaci?”.

> QUI TUTTE LE POLEMICHE INTORNO A SANREMO 2019

Al termine dell’intervista, Carone prova a trovare una spiegazione all’esclusione del brano: “Forse è perché sia io che i Dear Jack veniamo dai talent: al Festival puoi andare, ma con cose più frivole. Per un certo establishment una canzone così va bene per un artista che le somiglia anche fisicamente, con il taglio di capelli giusto, la barba giusta. È tutto molto triste”.

Alle polemiche di Carone si aggiunge anche Lorenzo Cantarini, dei Dear Jack, che parla addirittura di censura: “Essere esclusi è stato brutto, non perché credevamo di avere già il biglietto d’ingresso in mano, ma perché abbiamo avvertito davvero una censura, anche da parte dalla Rai. Avremmo dovuto presentare Caramelle in altri programmi. Forse non era adatta per certi orari? Per un certo tipo di pubblico?”.

> QUI TUTTE LE 24 CANZONI SCELTE DA BAGLIONI PER SANREMO 2019

Sanremo 2019 polemiche Pierdavide Carone | La canzone “Caramelle”

Subito dopo l’esclusione dal Festival, Carone e i Dear Jack hanno scelto di pubblicare subito la canzone: “Abbiamo deciso di fare uscire subito Caramelle – spiega Carone – senza programmare un lancio, nulla. E nonostante fosse un brano assolutamente anti-natalizio”. Il brano ha ottenuto in poco tempo tantissimi consensi sia dai fan, sia da artisti come Giorgia, i Nomadi, i Negramaro, Ermal Meta, J-Ax e tanti altri.

La canzone racconta degli abusi sessuali vissuti da Marco e Marica, due bambini di 10 e 15 anni, troppo piccoli per rendersi conto che le attenzioni che ricevono sono in realtà il segno di una perversione assolutamente da denunciare.

“Siamo tutti vittime di abusi, in famiglia, a scuola, sul posto di lavoro, sui social, nella società – spiega Carone sui social – e lo siamo in diverse forme, così molte e multiformi da non esserne, a volte, nemmeno coscienti. In Caramelle racconto di abusi sessuali, e se forse una ragazza di quindici anni può essere già in grado di capire a quale abuso è stata sottoposta dal suo stupratore, forse un ragazzino di dieci anni non ha nemmeno ben chiaro cosa gli sia successo. Entrambi, tuttavia, sono ben consci che qualcosa sia successo, e che dopo non sarà mai più lo stesso”.

Sanremo 2019 polemiche Pierdavide Carone | Il video di “Caramelle”

Di seguito, ecco il video ufficiale di “Caramelle”, la canzone di Pierdavide Carone e i Dear Jack che ha scatenato infinite polemiche su Sanremo 2019.

Ti potrebbe interessare
Musica / La crisi di Bono Vox: “Le canzoni degli U2 mi imbarazzano. Il nome della band? Mai piaciuto”
Musica / Luca Maris su MTV Germany
Musica / Nuovo record per i Maneskin: sono gli italiani più ascoltati al mondo
Ti potrebbe interessare
Musica / La crisi di Bono Vox: “Le canzoni degli U2 mi imbarazzano. Il nome della band? Mai piaciuto”
Musica / Luca Maris su MTV Germany
Musica / Nuovo record per i Maneskin: sono gli italiani più ascoltati al mondo
Musica / I Maneskin aprono il concerto dei Rolling Stones e infiammano Las Vegas
Musica / Fedez, spopola il video “Morire, morire” in cui viene pestato da fascisti e pugnalato da un prete
Costume / Orietta Berti a TPI: “Mi vogliono tutti perché faccio audience”
Musica / Morto Charlie Watts, batterista dei Rolling Stones
Musica / Il cantante degli Ex Otago: “Devo ritrovare serenità”
Musica / De Gregori difende Salmo: “Gli sono grato. Ingiuste le limitazioni per i concerti”
Musica / Salmo: “Ecco perché ho fatto il concerto contro le regole. Fedez, mi stai sul c**zo”