Me

Reddito di cittadinanza, novità sugli acquisti consentiti: cosa si potrà comprare? | Le ultime News

Immagine di copertina

Reddito di cittadinanza news | Ultime notizie | Lavoro | Inps | Domande | Card

REDDITO DI CITTADINANZA NEWS – In questo articolo tutte le ultimissime news sul Reddito di cittadinanza. • Dal 6 marzo 2019 è possibile fare richiesta per il reddito di cittadinanza, la proposta simbolo del M5s – Qui alcuni link utili sul reddito di cittadinanza:

Tutto quello che c’è da sapere sul reddito di cittadinanza

🔴 SE CERCHI TUTTE LE ULTIME NEWS SULLE PENSIONI, CLICCA QUI

Reddito di cittadinanza news | Ultime notizie

– SE NON VISUALIZZI GLI ULTIMISSIMI AGGIORNAMENTI, CLICCA QUI –

Aggiornamento 20 maggio 2019 – Reddito di cittadinanza, nuovi acquisti consentiti? Un decreto attuativo, che deve ancora essere discusso in Cdm, amplia il paniere di bene acquistabili con il reddito di cittadinanza. Tra i prodotti che si potranno comprare ci sono vestiti, vini, giocattoli ed elettrodomestici. Qui tutti i dettagli.

Aggiornamento 17 maggio 2019 – Reddito di cittadinanza, le card caricate in Valle d’Aosta – Quanti cittadini della Valle d’Aosta stanno beneficiando del Reddito? Quante sono le card caricate nella piccola e splendida regione del nord Italia? L’articolo completo con tutti i numeri

Aggiornamento 16 maggio 2019 – Reddito di cittadinanza, Tridico sul caso delle 130mila rinunce: “È infondato”. Il presidente dell’Inps, Pasquale Tridico, ha commentato la notizia, circolata negli ultimi giorni, che in tantissimi avrebbero chiesto di rinunciare al reddito di cittadinanza. “Non esistono 130mila casi di rinunce. Non sarebbe possibile”. Qui l’articolo completo.

Aggiornamento 15 maggio 2019 – La rinuncia al reddito di cittadinanza? La chiedono in 130mila, ma potrebbe essere cara. In tanti, a causa degli importi troppo bassi che si sono visti accreditare a fronte degli obblighi previsti, vogliono rinunciare al reddito di cittadinanza. La “multa”, però, potrebbe essere molto cara. (Qui tutti i dettagli)

Aggiornamento 14 maggio 2019 – Reddito di cittadinanza: cambiano i requisiti di residenza e reddito? Tutte le novità. I requisiti di residenza e reddito attualmente previsti per richiedere il reddito di cittadinanza subiranno delle modifiche a seguito dell’annuncio di Pasquale Tridico, presidente dell’Inps, di voler estendere la platea dei beneficiari anche ai disoccupati e di voler coinvolgere i senza fissa dimora? Qui tutti i dettagli.

Aggiornamento 13 maggio 2019 – Tridico: “Reddito di cittadinanza esteso ai neo-disoccupati”. Il presidente dell’Inps Pasquale Tridico ha dichiarato di volere estendere le misure del Reddito di cittadinanza anche ai neo-disoccupati, ovvero chi ha da poco perso il lavoro e non può richiedere il sussidio solo perché l’anno precedente aveva un reddito. “La bozza di provvedimento è sul mio tavolo, spero possa essere discussa in Parlamento al più presto, forse già alla fine di questo mese”, le sue parole in un’intervista a La Stampa. (L’articolo completo)

Aggiornamento 9 maggio 2019 – Navigator, arrivate 79 mila domande. Si sono candidati in 79mila per il concorso Navigator bandito dall’Anpal, l’agenzia per le politiche attive sul lavoro. La prima regione per numero di richieste è la Campania, seguita dalla Sicilia. Qui tutti i dettagli.

 Aggiornamento 8 maggio 2019 – Navigator, scade oggi il termine per partecipare al concorso Anpal. Alle ore 12 di oggi, 8 maggio 2019, scade il termine per presentare le candidature per il concorso bandito dall’Anpal per diventare navigator del reddito di cittadinanza, la nuova figura professionale che dovrà assistere i beneficiari del sussidio nel loro percorso al fine di trovare un impiego. Qui tutti i dettagli sul concorso: graduatorie, selezione e come prepararsi per le prove selettive.

Aggiornamento 7 maggio 2019 – Reddito di cittadinanza: quando arriva il pagamento di maggio? Chi ha fatto richiesta del sussidio entro il 30 aprile è ora in attesa dell’esito della propria domanda da parte dell’Inps, il quale lo comunicherà tramite sms o mail e, in caso di risposta positiva, si recherà in un ufficio di Poste Italiane per il ritiro della RdC cad. Chi invece l’ha presentata entro il 31 marzo e ha avuto un accoglimento è già in possesso della carta e sta attendendo la ricarica di maggio 2019. Quando arriva? Qui tutti i dettagli.

Aggiornamento 6 maggio 2019 – Quasi 100mila persone rinunciano al sussidio? Buona notizia. Di Luca Telese – I furbetti e i “divanisti” sono delusi dal reddito di cittadinanza e rinunciano al sussidio. Per i critici del M5s è la prova del fallimento della misura. La realtà è che c’è solo da festeggiare. Il commento per TPI di Luca Telese.

Aggiornamento 5 maggio 2019 – Reddito di cittadinanza: i delusi pensano di rinunciare al sussidio – La delusione per gli importi giudicati troppo bassi sta spingendo alcuni dei beneficiari del reddito di cittadinanza a rinunciare al sussidio. Ma c’è un problema: l’Inps non ha ancora previsto alcuna procedura per chiedere disdetta. (L’articolo completo).

Aggiornamento 3 maggio 2019 – Reddito di cittadinanza, superato il milione di domande – Nella mattinata di oggi, 3 maggio 2019, l’Inps ha comunicato che al 30 aprile 2019 sono arrivate oltre 1 milione di domande per ottenere il Reddito di Cittadinanza. Per l’esattezza: 1.016.977. La regione in testa per numero di richieste è la Campania. Seguono Sicilia e Lazio. (L’articolo completo)

Reddito di cittadinanza, dopo il caso Siri ora Salvini cambia idea: “Non fa ripartire l’Italia” – Mentre il dibattito politico diventa sempre più incandescente e le elezioni europee si avvicinano, il presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha chiesto le dimissioni del sottosegretario leghista Armando Siri, indagato per corruzione. Su questo sfondo arriva la stoccata finale di Matteo Salvini, che ora dice: abbassare le imposte è l’unica via per far tornare a crescere l’Italia: il reddito di cittadinanza non fa ripartire il Paese. Leggi qui l’intera analisi completa del giorno.

Aggiornamento 2 maggio 2019 – Tridico: “Possibile un risparmio di spesa fino a 1 miliardo”. Sulle risorse stanziate in legge di Bilancio per il reddito di cittadinanza i Governo si aspetta risparmi compresi tra 800 milioni e 1 miliardo di euro. Parola del presidente dell’Inps Pasquale Tridico in un’intervista ai microfoni di Porta a Porta. (La notizia completa)

Reddito di cittadinanza news | Aggiornamento 30 aprile 2019 – Concorso Navigator reddito di cittadinanza: già 38mila candidature, due terzi sono donne. Il bando di concorso Anpal per diventare navigator, la nuova figura professionale chiamata ad assistere i beneficiari del nuovo sussidio di integrazione al reddito, è uscito il 18 aprile e a oggi sono già 38mila le domande di partecipazione. A inviare la propria candidatura soprattutto le donne, che rappresenterebbero finora il 67% del totale dei candidati. (La notizia completa)

Aggiornamento 29 aprile 2019 – Reddito di cittadinanza, le parole del presidente dell’Inps Tridico. “C’è un tasso di rifiuto del 25 per cento, ma avranno il reddito circa 750.000 famiglie. E le domande cresceranno ancora. Ricevo mail di persone che per la prima volta si sentono aiutate dallo Stato”, ha detto.

“Anche nelle periferie delle zone ricche del Nord ci sono molti poveri che spesso devono pure pagare l’affitto. I poveri nel Sud, invece, dispongono quasi sempre di una casa, infatti la percentuale di chi prende il contributo pieno è bassa. In media, il reddito di cittadinanza pagato è di 520 euro”. (La notizia completa)

Aggiornamento 23 aprile. Reddito e pensione di cittadinanza: a Napoli il più alto numero di beneficiari. Sono 6 su 10 i beneficiari del reddito di cittadinanza a vivere nel Mezzogiorno: di questi la maggior parte vive a Napoli, mentre seguono poi per numero di domande accettate Roma, Palermo e Catania. Il 58 per cento delle somme pagate, però, è sotto i 500 euro mensili. Qui tutti i dettagli.

Aggiornamento 22 aprile. Reddito di cittadinanza: ecco come si calcola l’importo. In questi giorni l’Inps ha iniziato a comunicare gli esiti delle domande per il reddito di cittadinanza ai vari richiedenti. In molti, però, sono rimasti delusi dagli importi troppo bassi che si sono visti assegnare. In tal senso è opportuno ricordare che il reddito di cittadinanza è un sussidio che va a integrare il reddito familiare di una somma che varia in base al valore del proprio Isee: qui abbiamo spiegato come calcolare il proprio importo.

Reddito di cittadinanza news | Aggiornamento 17 aprile. Pronti gli esiti delle prime domande. L’Inps ha lavorato le prime domande per il reddito e la pensione di cittadinanza e a partire da ieri, martedì 16 aprile, sta comunicando via sms o mail gli esiti ai richiedenti. Qui tutti i dettagli.

Aggiornamento 3 aprile. Online i nuovi moduli Inps. L’istituto di previdenza ha reso disponibili sul suo sito i nuovi moduli, aggiornati con i nuovi requisiti, per fare richiesta del reddito e della pensione di cittadinanza. Qui tutti i dettagli.

Aggiornamento 28 marzo. Ora il reddito di cittadinanza è legge, tutte le novità. Ora che il reddito di cittadinanza è legge a seguito dell’approvazione a Palazzo Madama del “decretone”, ricordiamo quali sono le novità introdotte con l’ultimo iter parlamentare che ne hanno modificato l’impianto originario. Qui tutti i dettagli.

Aggiornamento 27 marzo. Il decretone è legge.L’aula del Senato ha approvato in via definitiva il decretone. Qui tutti i dettagli

Aggiornamento 26 marzo. I richiedenti il reddito di cittadinanza sono per lo più stranieri e over 50. È bassa la percentuale di richieste per il sussidio da parte dei giovani under 30, la quale si rialza un po’ nel caso del Sud. La maggior parte delle domande giunge invece da over 50 e stranieri. Qui tutti i dettagli.

Aggiornamento 21 marzo. Via libera della Camera al “decretone”. Montecitorio ha dato il suo via libera al decretone contenente il reddito di cittadinanza e Quota 100. I voti a favore sono stati 291, i contrari 141 e gli astenuti 14. Il provvedimento ora torna al Senato per la terza ed ultima lettura e l’approvazione definitiva.

Aggiornamento 19 marzo. Le modifiche al “decretone” con il passaggio a Montecitorio: giovedì il voto, probabile la questione di fiducia. Il “decretone” su pensioni e reddito di cittadinanza è giunto in Aula a Montecitorio dopo il passaggio in Commissione, dove ha subito nuove modifiche: tra queste una novità importante è quella relativa al cambio dei requisiti per il riscatto agevolato della laurea. Il voto della Camera è stato fissato a giovedì 21 marzo e c’è un’alta probabilità che l’esecutivo ricorra alla questione di fiducia al fine di evitare ulteriori modifiche prima del nuovo passaggio in Senato e l’approvazione definitiva. Qui tutti i dettagli

Reddito di cittadinanza news | Chi ne ha diritto?

Chi si trova al di sotto della soglia di povertà assoluta: circa 5 milioni di persone.

Reddito di cittadinanza news | I requisiti

Per poter fare domanda – a partire dal 6 marzo – del reddito di cittadinanza è necessario essere in possesso di determinati requisiti, sia economici (quindi relativi al proprio reddito Isee) che relativi a cittadinanza e residenza.

Il RdC “viene erogato ai nuclei familiari in possesso cumulativamente, al momento della presentazione della domanda e per tutta la durata dell’erogazione del beneficio” di:

  • cittadinanza italiana, di uno dei Paesi membri dell’Unione europea o anche di Paesi terzi (purché residenti in Italia continuativamente da 10 anni e in possesso di un permesso di soggiorno valido e purché venga presentata una certificazione dei redditi e dello stato di famiglia emesse dal paese di origine e tradotte e legalizzate in Italia);
  • un valore Isee fino 9.360 euro;
  • un patrimonio immobiliare (diverso dalla casa di abitazione) fino a 30 mila euro;
  • un patrimonio mobiliare fino a 6 mila euro per i single, incrementato fino a 10 mila euro per ogni altro componente il nucleo familiare, per la presenza di figli (1000 euro per ogni figlio successivo al primo); l’incremento diventa di ulteriori 5 mila euro per ogni componente con disabilità
  • un valore del reddito familiare inferiore a 6 mila euro annui moltiplicata per il parametro della scala di equivalenza (quindi 1 per il primo componente il nucleo, con un incremento dello 0.4 per ogni ulteriore componente di età maggiore di 18 anni e dello 0.2 per ogni ulteriore componente minorenne, fino a un massimo di 2.1)
  • nessun autoveicolo immatricolato la prima volta nei 6 mesi antecedenti la richiesta ( o autoveicoli di cilindrata superiore a 1.600 cc oppure motoveicoli di cilindrata superiore a 250 cc, immatricolati la prima volta nei 2 anni antecedenti)
  • nessuna nave o imbarcazione da diporto

Non ha diritto al sussidio chi si trova in stato detentivo per tutta la durata della pena, chi è ricoverato in istituti di cura di lunga degenza (o altre strutture residenziali a carico dello Stato o altra PA) e chi è in stato di disoccupazione a seguito di dimissioni volontarie. Ne ha diritto, invece, chi percepisce la Naspi, cioè l’indennità di disoccupazione.

>Qui tutti i requisiti Isee per accedere al reddito di cittadinanza

Reddito di cittadinanza news | Il percorso previsto

Il Reddito di cittadinanza viene erogato per un periodo massimo di 18 mesi e la sua richiesta può essere rinnovata ma, in quel caso, il sussidio viene sospeso per un mese. Una volta presentata la domanda e ottenuto il beneficio economico, però, il ricevente ha un percorso da seguire al fine di essere inserito nel mondo del lavoro.

Tale percorso prevede:

  • la convocazione del beneficiario entro 30 giorni dal riconoscimento del sussidio per la stipula del Patto per il Lavoro o di Inclusione sociale;
  • l’obbligo di accettare almeno una di tre offerte di lavoro in linea con competenze e attitudini del beneficiario (con il voto sugli emendamenti del 26 febbraio l’obbligo scatta solo a fronte di una proposta salariale superiore di almeno il 10 per cento al sussidio, quindi superiore 858 euro)
  • entro i primi 12 mesi, la prima offerta di lavoro potrà arrivare nel raggio di 100 km – 100 minuti di viaggio. Se viene rifiutata la seconda offerta potrà arrivare nel raggio di 250 km. E se anche questa viene rifiutata, la terza offerta potrà arrivare da tutta Italia;
  • dopo il primo anno, anche la prima offerta potrà arrivare fino a 250 km, mentre la terza potrà arrivare da tutto il territorio nazionale;
  • dopo i 18 mesi tutte le offerte possono arrivare da tutto il territorio nazionale.
  • Per le famiglie con persone con disabilità, le offerte di lavoro non potranno mai superare i 250 km.