Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 08:20
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Economia » Lavoro

La Card del reddito di cittadinanza: ogni quanto si ricarica? Quando avvengono gli accrediti mensili?

Immagine di copertina

Card reddito di cittadinanza ricarica | Ogni quanto si ricarica | Date pagamenti

Card reddito di cittadinanza ricarica – A partire dal 6 marzo 2019 è possibile fare richiesta per il reddito e la pensione di cittadinanza, il sussidio targato M5s e introdotto dal governo Conte con il decreto 4/2019.

Una volta pervenuta all’Inps la domanda per il sussidio – che può essere presentata sia sul sito ufficiale dedicato al nuovo beneficio economico per gli utenti in possesso di credenziali Spid che recandosi in un Caf o in un ufficio postale – l’istituto di previdenza procede alla verifica del possesso dei requisiti necessari per il suo ottenimento e fornisce una risposta entro 15 giorni dall’invio dell’istanza.

Successivamente l’istituto comunica tramite sms e mail l’esito della domanda. Il richiedente, a quel punto, potrà recarsi in uno degli uffici di Poste Italiane per il ritiro della RdC Card, la carta con cui è possibile spendere i soldi del sussidio.

Reddito di cittadinanza, ecco il simulatore Inps per sapere quanto spetta del sussidio: come funziona?

Ma quali sono le spese consentite e quali invece sono vietate e ogni quanto si ricarica la carta del reddito di cittadinanza? In che giorno del mese?

Sulla card per il reddito e la pensione di cittadinanza – una normale prepagata rilasciata da Poste Italiane – viene caricato un importo ogni mese: i soldi del sussidio che funge da integrazione del reddito familiare vengono accreditati nella seconda metà del mese, intorno al giorno 27, e devono essere spesi entro il mese successivo a quello di erogazione.

Chi ha ricevuto il sussidio ad aprile, quindi, dovrà spenderlo entro maggio e così via. Se tali tempistiche non vengono rispettate, la somma non spesa verrà decurtata del 20%.

I soldi sono immediatamente disponibili nel momento in cui il beneficiario si reca alle Poste per il ritiro della carta.

Ricordiamo che l’importo massimo che si può ottenere con il reddito di cittadinanza è 1330 euro e che esso varia sulla base della composizione del nucleo familiare: un single, ad esempio, con una rata dell’affitto o del mutuo da pagare, riceverà 780 euro.

Il reddito di cittadinanza può essere percepito per una durata di 18 mesi, rinnovabili in altri 18 con un mese di stop.

Reddito di cittadinanza, arretrati: quando spettano e quando arrivano

Numero verde Inps reddito di cittadinanza | Le info sui numeri Inps per assistenza e supporto

Ti potrebbe interessare
Lavoro / Manutenzione Predittiva e Condition Monitoring al centro dell’universo ISE
Lavoro / Apre a Milano il Gi Group Training Hub, un nuovo spazio dedicato a formazione e orientamento
Cronaca / Women4: Gi Group per l’occupazione femminile
Ti potrebbe interessare
Lavoro / Manutenzione Predittiva e Condition Monitoring al centro dell’universo ISE
Lavoro / Apre a Milano il Gi Group Training Hub, un nuovo spazio dedicato a formazione e orientamento
Cronaca / Women4: Gi Group per l’occupazione femminile
Economia / Sicurezza sul lavoro, dai maggiori controlli alle sanzioni: le novità in arrivo
Lavoro / Preparati al mondo del lavoro, partecipa a Destination Work City di Gi Group
Cultura / Conciliare cyber-security e smart working è una sfida
Cultura / Connessi, multitasking, trasversali: il futuro del lavoro è dei multipotenziali
Lavoro / Il data scientist è entrato nel cuore delle aziende
Lavoro / Gaming, realtà virtuale e smart working: lavoro e videogame
Economia / La digitalizzazione nel mondo del lavoro e la disuguaglianza di genere