Me

SPID: cos’è e come funziona il Sistema Pubblico di Identità Digitale | Info e Istruzioni

Ecco tutto quello che c'è da sapere sull'identità digitale: cos'è, come funziona e come si ottiene

Di Giulia Angeletti
Pubblicato il 19 Feb. 2019 alle 07:00 Aggiornato il 27 Feb. 2019 alle 15:43
Immagine di copertina

SPID COME FUNZIONA – SPID, acronimo di Sistema Pubblico per l’Identità Digitale, è un servizio promosso dal Governo attraverso l’AgID (l’Agenzia per l’Italia digitale) e ormai attivo dal 2016.

Tale sistema consente a cittadini e imprese di registrarsi con uno username e una password e accedere con un unico login a tutti i servizi online delle pubbliche amministrazioni e delle imprese aderenti.

In questo senso, quindi, SPID nasce per favorire la diffusione dei servizi online e agevolarne l’utilizzo da parte di cittadini e imprese.

SPID si basa su un modello federato e collaborativo di aziende private: i suoi “gestori”, infatti, sono le aziende private accreditate dall’Agenzia per la fornitura dei servizi di identità digitale: ogni cittadino che ne faccia richiesta, quindi, è libero di scegliere il gestore che preferisce.

SPID ha cominciato a muovere i suoi primi passi a fine 2014 con un provvedimento di attuazione del Consiglio dei Ministri, mentre a metà 2015 sono poi stati emanati i regolamenti attuativi a dal 15 settembre 2015 è iniziato l’accreditamento degli Identity Provider all’Agenzia.

Infine, dal 15 marzo 2016, sono attivi i primi servizi.

Spid | Come funziona e come si richiede

Come si fa a richiedere, ottenere e attivare SPID?

Essendo l’identità digitale SPID rilasciata dai Gestori di Identità Digitale (cosiddetti Identity Provider), i quali forniscono le identità digitali e gestiscono l’autenticazione degli utenti, questi ultimi devono farne richiesta direttamente a loro.

I principali Identity Provider sono Aruba.it, Info Cert Id, Intesa Id, Lepida, Namirial Id, Poste Id, Sielte Id, Spid Italia e Tim Id.

I gestori, dopo aver verificato i dati del richiedente, emette infatti l’identità digitale rilasciando delle specifiche credenziali all’utente.

Lo SPID prevede tre diversi livelli che consentono di accedere a tre diverse tipologie di servizi:

  • le credenziali SPID di I livello, che permettono di accedere ai servizi online tramite un nome utente ed una password scelti dall’utente;
  • le credenziali SPID di II livello, dedicate invece ai servizi che richiedono un grado di sicurezza maggiore (come quelli dell’Agenzia delle Entrate). Queste consentono l’accesso sempre attraverso un nome utente e una password scelti dall’utente, ma vengono “rinforzate” dalla generazione di un codice temporaneo di accesso (one time password) fruibile attraverso un dispositivo (come lo smartphone);
  • le credenziali SPID di III livello, che prevedono l’utilizzo di ulteriori soluzioni di sicurezza e di dispositivi fisici (come una smart card) sempre erogati dal gestore dell’identità.

Per richiedere l’identità digitale con SPID è necessario presentare un modulo di richiesta di adesione che contiene tutte le informazioni necessarie per l’identificazione del soggetto richiedente, quali:

  • nome, cognome, sesso, data e luogo di nascita, codice fiscale, estremi del documento di identità
  • un indirizzo di posta elettronica – univoco per ogni identità SPID – e un recapito di telefonia mobile

L’autenticazione dell’utente può avvenire sia in presenza che a distanza. Ci sono tuttavia alcune differenze fra le due modalità:

1) L’autenticazione in presenza prevede l’esibizione di documentazione cartacea e moduli sottoscritti. Essa può avvenire in due modi:

Dentro il Rojava, guerra di Siria
  • presso una sede fisica del gestore dell’identità
  • a domicilio su appuntamento (un postino di Poste Italiane può accertare l’identità recandosi a casa del richiedente)

2) L’autenticazione a distanza. Anche questa prevede due modalità:

  • identificazione a vista da remoto tramite webcam: un operatore verifica in una sessione audio/video con il richiedente l’identità tramite la presentazione dei documenti di identità e dichiarazioni del richiedente
  • identificazione informatica tramite documenti digitali di identità: il richiedente viene identificato sulla base della verifica digitale di credenziali informatiche già in proprio possesso

Per quanto riguarda i costi del servizio, ogni Identity Provider può decidere se rilasciare l’identità gratuitamente o a pagamento per l’utente.

Dentro il Rojava, guerra di Siria

Spid poste | Tutti i servizi disponibili

Quali sono i servizi a cui si accede tramite SPID? L’identità digitale offre la possibilità all’utente – semplice cittadino maggiorenne, persona giuridica o libero professionista – di accedere a diversi servizi erogati dalla Pubblica Amministrazione: pagamenti di imposte, bolli o ticket, prestazioni sanitarie e previdenziali, richieste e consultazioni e altri servizi dedicati a professionisti e imprese.

Ecco alcuni dei servizi disponibili con SPID:

  • Agricoltura, pesca, silvicoltura e prodotti alimentari
  • Servizi INAIL
  • Servizi INPS
  • Ambiente
  • Edilizia
  • Servizi di pagamento
  • controllo pagamenti
  • tasse e tributi
  • Visure
  • controllo e consultazione dati
  • Anagrafe
  • Fatturazione elettronica
  • Finanziamenti
  • Invio e richiesta documenti
  • Richieste e prenotazioni
  • Servizi di Certificazione e Autocertificazione
  • Giustizia, sistema giuridico e sicurezza pubblica
  • Governo e settore pubblico
  • Anagrafe
  • Edilizia
  • Iscrizione a servizi
  • Richieste e prenotazioni SUAP Sportello Unico Attività Produttive
  • Servizi di avvisi e notifiche
  • Istruzione, cultura e sport
  • Finanziamenti
  • Servizi Audio, Video e Multimediali
  • Servizi Scuola e Università
  • Portali del cittadino
  • Fascicolo Sanitario Elettronico

Essere in possesso delle credenziali SPID, inoltre, è una condizione necessaria al fine di fare richiesta del reddito di cittadinanza.