Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 11:59
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Bergamo, test sierologici su 10mila cittadini: il 57 per cento è positivo al Coronavirus

Immagine di copertina

Test sierologici a Bergamo, 57 per cento dei cittadini positivo

L’Azienda per la Tutela della Salute (Ats) di Bergamo ha reso noti i risultati dei test sierologici ai quali, dal 23 aprile al 3 giugno, sono state sottoposte 20.369 persone, di cui 9.965 cittadini e 10.404 sanitari. Secondo i test la percentuale di positività dei cittadini è del 57 per cento, mentre tra il personale sanitario questa scende al 30 per cento. Percentuali alte che non sorprendono, considerando che la bergamasca è stato il principale focolaio di Covid in Italia, come documentato da TPI nell’inchiesta relativa alla mancata chiusura della Val Seriana a inizio marzo 2020. Ci sono diversi elementi a sostegno della tesi per cui la mancata istituzione di una zona rossa ad Alzano Lombardo e Nembro, e cioè i due comuni che, secondo una nota dell’Istituto Superiore di Sanità visionata in esclusiva da TPI, dovevano essere chiusi già a partire dal 2 marzo, ha aumentato in modo esponenziale il numero di contagi nella provincia di Bergamo. Perché, durante quei giorni e prima del lockdown nazionale imposto dal governo il 9 marzo, molte persone già contagiate hanno continuato a spostarsi verso il capoluogo lombardo e altrove.

In quei giorni “i buoi erano già scappati dal recinto”, ha affermato il professor Giovanni Rezza, direttore del dipartimento di Malattie Infettive dell’Istituto Superiore di Sanità, in un’intervista a TPI. Secondo i dati Istat, che tengono conto di tutte le morti registrate, e non solo di quelle direttamente conseguenti dal Coronavirus, dal primo marzo e il 4 aprile 2020, a Bergamo c’è stato un boom di decessi rispetto al 2020, pari a oltre il 382,8 per cento. Inoltre, sempre secondo l’Istat a Nembro nei primi 21 giorni di marzo si è registrato il 1000 per cento in più di morti rispetto al 2019. Nella vicina Alzano Lombardo si è arrivati a + 1022 per cento. Con un picco massimo nel piccolo comune di San Pellegrino Terme, con un incremento del 2000 per cento. Si tratta di una mortalità dell’1 per cento dell’intera popolazione di quei comuni, più alta di quella riscontrata a Wuhan, in Cina. Non stupisce dunque che oltre la metà del campione sottoposto ai test sierologici dell’Ats a Bergamo risulti positiva al Coronavirus.

L’inchiesta di TPI sulla mancata chiusura della Val Seriana per punti:

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Sardegna e Sicilia rischiano la zona gialla: i ricoveri superano la soglia del 10%
Cronaca / Come scaricare il Green Pass se non hai ricevuto l’sms
Cronaca / Pisa, il mistero dello studente morto carbonizzato: si indaga sulle chat di un gioco online
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Sardegna e Sicilia rischiano la zona gialla: i ricoveri superano la soglia del 10%
Cronaca / Come scaricare il Green Pass se non hai ricevuto l’sms
Cronaca / Pisa, il mistero dello studente morto carbonizzato: si indaga sulle chat di un gioco online
Cronaca / Governo verso il nuovo decreto: green pass obbligatorio per i trasporti e ristoranti, no aziende e scuola
Cronaca / “Lei sarà dispensato dal lavoro”: azienda di Bologna licenzia 90 persone con un messaggio Whatsapp
Cronaca / L'Ema: "Vaccino efficace contro Delta, per ora non serve terza dose"
Cronaca / Immunizzato il 60,7%  della popolazione italiana
Cronaca / 23 morti e 3.190 casi nell'ultimo giorno: tasso di positività sale al 3,8%
Cronaca / Focolaio a Pantelleria dopo una festa: 70 positivi, tre intubati
Cronaca / Attacco hacker alla Regione Lazio, bloccate le prenotazioni dei vaccini. Zingaretti: “È terrorismo”