Covid ultime 24h
casi +15.199
deceduti +127
tamponi +177.848
terapie intensive +56

“Non vogliamo leggere le tue cazzate”: così rispose Regione Lombardia il 22 febbraio alla segnalazione di creare ospedali da Covid-19 per fermare il contagio

Il 22 febbraio scorso la Regione Lombardia rispondeva così alla urgente segnalazione da parte di un dirigente sanitario regionale di Bergamo di creare ospedali ad hoc per i malati da Coronavirus e isolarli al fine di fermare il contagio. L’assurda storia

Di Anna Ditta
Pubblicato il 25 Mar. 2020 alle 16:28 Aggiornato il 25 Mar. 2020 alle 17:09
53k
Immagine di copertina
Ambulanza arriva al Pronto Soccorso dell'Ospedale papa Giovanni XXIII, 15 marzo 2020. ANSA/Tiziano Manzoni

“Non vogliamo leggere le tue cazzate”: così rispose Regione Lombardia il 22 febbraio alla segnalazione di creare ospedali da Coronavirus per fermare il contagio

Era il 22 febbraio quando Angelo Giupponi, direttore dell’Agenzia regionale emergenza urgenza (AREU) di Bergamo, inviava un’email all’assessorato al Welfare della regione Lombardia, diretto da Giulio Gallera. Il medico sottolineava “l’urgente necessità di allestire degli ospedali esclusivamente riservati a ricoverati per Covid-19, così da evitare promiscuità con altri pazienti e quindi diffusione del virus nelle strutture ospedaliere”.

Solo il giorno prima, Mattia, 38enne di Codogno, era risultato positivo al tampone per il Coronavirus, e tutti gli sforzi della Regione erano concentrati sulla creazione della “zona rossa” in provincia di Lodi. Le vittime del virus in Italia erano ancora contenute (il 21 febbraio la prima vittima confermata del Coronavirus, Adriano Trevisan, morto in Veneto). Quel 22 febbraio, la risposta dei dirigenti regionali all’allarme lanciato da Giupponi, come raccontato dal medico stesso al Wall Street Journal, che lo ha riportato in un articolo del 17 marzo, è stata: “Non dormiamo da tre giorni, non abbiamo voglia di leggere le tue cazzate”.

Le paure espresse dal dottor Giupponi appena un mese fa, oggi sono diventate realtà, come denunciato da TPI in questa inchiesta, che documenta come Bergamo è diventato il “lazzaretto” d’Italia, e come conferma la lettera scritta da 13 medici dell’Ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo, e pubblicata oggi sul New England Journal of Medicine Catalyst Innovations in Care Delivery.

“A Bergamo l’epidemia è fuori controllo”, scrivono i medici. “Il nostro ospedale è altamente contaminato e siamo già oltre il punto del collasso: 300 letti su 900 sono occupati da malati di Covid-19. Più del 70 per cento dei posti in terapia intensiva sono riservati ai malati gravi di Covid-19 che abbiano una ragionevole speranza di sopravvivere”.

“La situazione è così grave che siamo costretti a operare al di sotto dei nostri standard di cura”, prosegue la lettera. “I tempi di attesa per un posto in terapia intensiva durano ore. I pazienti più anziani non vengono rianimati e muoiono in solitudine senza neanche il conforto di appropriate cure palliative. Siamo in quarantena dal 10 marzo”.

“Stiamo imparando che gli ospedali possono essere i principali veicoli di trasmissione del Covid-19”, continua la lettera di denuncia dei medici, “poiché si riempiono in maniera sempre più veloce di malati infetti che contagiano i pazienti non infetti. Lo stesso sistema sanitario regionale contribuisce alla diffusione del contagio, poiché le ambulanze e il personale sanitario diventano rapidamente dei vettori. I sanitari sono portatori asintomatici della malattia o ammalati senza alcuna sorveglianza. Alcuni rischiano di morire, compresi i più giovani, aumentando ulteriormente le difficoltà e lo stress di quelli in prima linea”.

Leggi anche:

1. Coronavirus Anno Zero, quel 23 febbraio all’ospedale di Alzano Lombardo: così Bergamo è diventata il lazzaretto d’Italia /2. Perché in Lombardia si muore? Gli errori di Fontana e altre sette importanti ragioni (di S. Lucarelli)

3. Sindaco di Brescia a TPI: “Qui i contagi e i morti sono molto di più rispetto a quelli che ci dicono, qualche giorno e superiamo Bergamo”/4.Lo sfogo di un medico a TPI: “Se la Lombardia non cambia strategia, la gente continuerà a morire”

5. “Bergamo abbandonata a se stessa: c’è il mercato nero delle bombole, ti salvi se un amico ti fa un piacere” 6. Bergamo: così vengono curati i pazienti, sistemati anche nei corridoi | VIDEO

TUTTE LE NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO

53k
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.