Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:10
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Due anni di pandemia: gli errori commessi in Val Seriana e una tragedia che forse si poteva evitare

Immagine di copertina

Era il 17 marzo del 2020 quando, sulla testata online TPI, scrivevo il mio primo articolo sul focolaio della Val Seriana, dal titolo: “Coronavirus Anno Zero, quel 23 febbraio all’ospedale di Alzano Lombardo: così Bergamo è diventata il lazzaretto d’Italia”. Un articolo, il primo di tanti, che ho faticato a pubblicare, sebbene avessi già da almeno due settimane informazioni cruciali e inedite tra le mani.

Ho preso tempo, ho fatto decine di verifiche, ho raccolto testimonianze drammatiche, ho faticato per convincere le persone a parlare, ho garantito loro l’anonimato, poi ho cercato riscontri, chiesto repliche ufficiali (che mi sono state negate), ho avuto accesso a documenti riservati, ho incrociato i dati con quello che leggevo sui giornali, che vedevo in tv. Da nessuna parte, almeno sulla stampa nazionale, trovavo la messa in fila delle tante, troppe incongruenze.

Il documento esclusivo scritto il 25 febbraio dal direttore dell’ospedale Pesenti Fenaroli di Alzano Lombardo Giuseppe Marzulli e diretto alla direzione sanitaria dell’ASST Bergamo Est

E soprattutto avvertivo che nel Paese non vi fosse la consapevolezza che quello che stava accadendo a Bergamo, in Val Seriana, nella culla industriale della Lombardia, fosse collegato anche alla componente produttiva ed economica di questa terra e a un’impreparazione politica decennale.

C’era però un fatto innegabile: la gemma della sanità italiana, la Lombardia, uno dei modelli sanitari più carenati d’Europa, stava capitolando vertiginosamente sotto i colpi inferti da un’epidemia incontrollata. Quando, a inizio marzo, parlai per la prima volta con il direttore di TPI, Giulio Gambino, raccontandogli quali informazioni avessi raccolto e quali dubbi mi stessero tormentando, gli dissi anche che non volevo occuparmi io di questa storia.

Un’infermiera di Cremona stremata dopo il turno di notte: una delle foto simbolo della lotta al Covid

Troppo dolore, troppo coinvolgimento personale, troppa paura di sbagliarmi. Il rischio per me era evidente: temevo di aggiungere confusione e sconcerto a un’opinione pubblica già disorientata e travolta da un’infodemia pericolosa. Ma prima di essere una cittadina bergamasca, ero anche una cronista e in quanto tale non potevo voltarmi dall’altra parte. E allora, grazie anche al sostegno e alla spinta dell’intera redazione di TPI, ho accettato di imbarcarmi in questo viaggio, che non è ancora finito.

Le bare allineate in una chiesa di Bergamo in attesa di sepoltura

Sono passati due anni esatti da quei giorni indimenticabili. Due anni in cui, fino allo scoppio della guerra in Ucraina, non si è fatto altro che parlare di Covid. Due anni, che hanno cambiato per sempre l’umanità, che hanno spazzato via un’intera generazione, che hanno lasciato a terra morti e feriti, che hanno acuito le diseguaglianze, che hanno creato nuovi poveri, malessere diffuso, depressione, instillando dentro di noi un atroce interrogativo: tutto questo era davvero inevitabile?

La lunga fila di camion dell’esercito a Bergamo per trasportare le bare delle vittime del Covid fuori dalla Regione

Se ci concentriamo ad analizzare solo la prima fase di questa pandemia, oggi sappiamo che l’Italia, la Lombardia, Bergamo, la Val Seriana, hanno pagato il prezzo più alto al mondo in termini di vite umane. E allora, la semplice, seppur doverosa, commemorazione delle vittime COVID-19 di domani 18 marzo (data in cui la foto dei carri militari a Bergamo fece il giro del mondo), lascia il posto a un’altrettanta doverosa analisi degli errori, senza la quale non saremo mai all’altezza di nessuna emergenza, di nessuna sfida. Di nessuna tragedia.

Prossimamente l’inchiesta completa di Francesca Nava, in esclusiva su TPI in edicola.

L’INCHIESTA DI TPI SULLA MANCATA CHIUSURA DELLA VAL SERIANA PER PUNTI:

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Posillipo, colpisce un bagnante con il casco e tenta di annegarlo
Cronaca / Covid, oggi 13.668 casi e 102 morti: tasso di positività al 13%
Cronaca / Roma, incendio in una fabbrica di vernici a Monterotondo, pericolo intossicazione: “Tenete finestre chiuse”
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Posillipo, colpisce un bagnante con il casco e tenta di annegarlo
Cronaca / Covid, oggi 13.668 casi e 102 morti: tasso di positività al 13%
Cronaca / Roma, incendio in una fabbrica di vernici a Monterotondo, pericolo intossicazione: “Tenete finestre chiuse”
Cronaca / Quarte dosi di vaccino, la campagna non decolla: il governo si è scordato della pandemia?
Cronaca / Partorì la figlia mentre era in coma, dopo 2 anni la abbraccia per la prima volta
Cronaca / Morta dopo il vaccino, per lo Stato la sua vita vale 77mila euro
Cronaca / Pistoia, trova la fidanzata in casa con un altro e la accoltella
Cronaca / Roma, anziana rapinata al bancomat: un operaio segue il ladro e lo fa arrestare
Cronaca / Covid, oggi 27.162 casi e 62 morti: tasso di positività al 13,95%
Cronaca / Milano, barista 18enne pedinata e molestata: il padre raggiunge l’aggressore e lo picchia per strada