Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 00:17
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Omicidio Sacchi, le dichiarazioni dell’amico testimone: “Anastasiya disse a Luca che era tutto a posto”

Immagine di copertina

Le rivelazioni di Domenico Costanzo Marino Munoz su ciò che avvenne il 23 ottobre scorso nel quartiere Appio Latino

Omicidio Sacchi: le dichiarazioni del testimone, amico di Luca e Anastasiya

“Ho intuito che stavano facendo qualcosa di poco lecito”: inizia così il racconto di Domenico Costanzo Marino Munoz, amico di Luca Sacchi e Anastasiya, considerato un testimone chiave della vicenda che è sfociata nell’omicidio del giovane personal trainer.

Il verbale con le dichiarazioni di Munoz è stato depositato dalla Procura di Roma al Tribunale del Riesame.

“La sera dell’aggressione ho percepito che Luca (qui il suo profilo), Anastasiya (qui il suo profilo), Giovanni Princi e le persone notate in via Latina stavano facendo qualcosa di poco lecito e, come da mia abitudine, ho preferito farmi i fatti miei” ha affermato Munoz.

Il testimone, poi, racconta nel dettaglio ciò che ha visto prima dell’aggressione mortale nei confronti di Luca Sacchi.

Su quello che diventerà il luogo del delitto, erano presenti Giovanni Princi, Luca Sacchi, la fidanzata di quest’ultimo Anastasiya Kylemnyk, e lo stesso Munoz.

“Giovanni Princi, amico del liceo di Luca con precedenti per droga, ci ha salutato sul marciapiede di via Bartoloni mentre eravamo presenti io, Luca ed Anastasiya”.

Poi, secondo Munoz, “Anastasiya si è allontanata”.

“Non ho visto cosa facesse perché si trovava alle nostre spalle e avrà detto qualcosa a Luca che io non ho percepito. Anastasiya aveva lo zaino in spalla e credo che sia tornata indietro verso via Latina, ma non l’ho vista perché io e Luca avevamo già svoltato l’angolo su via Mommsen. La fidanzata di Luca dopo circa due minuti ci ha raggiunti e ha detto a lui: ‘tutto a posto!'”.

Le dichiarazioni di Munoz, quindi, sembrano confermare le accuse nei confronti di Anastasiya, sospettata di aver ricoperto il ruolo di cassiera del gruppo impegnato nella compravendita della droga: ruolo che, sempre secondo le affermazioni di Munoz, di cui era quantomeno a conoscenza anche Luca Sacchi.

Una trattativa, quella per l’acquisto degli stupefacenti, portata avanti da Giovanni Princi così come affermato anche da Munoz.

“Dopo la morte di Luca ho deciso di allontanarmi dagli amici. La sera dopo, Giovanni Princi mi ha detto di voler passare la serata con me per “soffrire” la morte di Luca insieme, ma io palesando la voglia di stare solo con la mia fidanzata, ho declinato l’invito”.

“La verità – racconta ancora Munoz – è che avevo intenzione di non incontrare Princi perché ho percepito che lui aveva avuto un ruolo nella vicenda criminale che ha portato alla morte di Luca”.

Sul perché sia stato reticente nelle fasi iniziali delle indagini, Munoz afferma: “Temevo una eventuale ritorsione da parte dei criminali che mi avevano visto lì con Luca e che avevano puntato la pistola anche nella mia direzione, sebbene non proprio nei miei confronti”.

Leggi anche: 

Omicidio Sacchi: cosa non torna nel racconto della fidanzata di Luca, la misteriosa ed enigmatica Anastasiya

Anastasiya aveva 70mila euro per acquistare 15 kg di droga, Luca forse non sapeva: la ricostruzione dell’omicidio Sacchi alla luce delle ultime novità

Omicidio Sacchi, il mediatore di Del Grosso accusa Anastasiya: ha avuto un ruolo centrale nella compravendita della droga

“Andiamo a mangiare un panino”: Alfonso Sacchi rivela le parole di Giovanni Princi subito dopo la morte del figlio Luca | VIDEO

Le parole del padre del ragazzo ucciso a Roma: “Mio figlio non c’entra nulla con la droga. Anastasiya? Dice la verità altrimenti è una diva di Hollywood” | VIDEO

“Qui non è il Bronx”: viaggio nell’Appio Latino di Roma, che piomba nell’orrore dopo l’assassinio di Luca Sacchi

Anastasiya al gip: “Non sapevo dei 70mila euro nello zaino”

La fidanzata di Luca, Anastasiya, aggredisce i giornalisti | VIDEO

Delitto Sacchi, la conferma dei magistrati: “Anastasiya e il pusher Princi avevano una relazione”

Delitto Sacchi, le immagini riprese fuori dal pub negli attimi del delitto | FOTOSEQUENZA

Ti potrebbe interessare
Cronaca / 27 morti e 4.845 casi nell'ultimo giorno: tasso di positività scende al 2,3%
Cronaca / “Neanche la terza dose basterà, dovremo farne una quarta”. L’avvertimento del prof Silvestri
Cronaca / Papeete, sequestro da 500mila euro per evasione fiscale
Ti potrebbe interessare
Cronaca / 27 morti e 4.845 casi nell'ultimo giorno: tasso di positività scende al 2,3%
Cronaca / “Neanche la terza dose basterà, dovremo farne una quarta”. L’avvertimento del prof Silvestri
Cronaca / Papeete, sequestro da 500mila euro per evasione fiscale
Cronaca / Modena, operaia di 41 anni muore incastrata in un macchinario
Cronaca / La trapper Chadia Rodríguez accusata di una rapina con lo spray al peperoncino
Cronaca / Sardegna e Sicilia rischiano la zona gialla: i ricoveri superano la soglia del 10%
Cronaca / Come scaricare il Green Pass se non hai ricevuto l’sms
Cronaca / Pisa, il mistero dello studente morto carbonizzato: si indaga sulle chat di un gioco online
Cronaca / Governo verso il nuovo decreto: green pass obbligatorio per i trasporti e ristoranti, no aziende e scuola
Cronaca / “Lei sarà dispensato dal lavoro”: azienda di Bologna licenzia 90 persone con un messaggio Whatsapp