Chi era Luca Sacchi: il ragazzo ucciso a Roma dopo aver tentato di salvare la fidanzata da un rapinatore

Il ragazzo faceva il personal trainer e avrebbe compiuto a febbraio 25 anni

Di Madi Ferrucci
Pubblicato il 24 Ott. 2019 alle 15:10 Aggiornato il 25 Ott. 2019 alle 14:10
119
Immagine di copertina

Chi era Luca Sacchi, il ragazzo ucciso a Roma

È morto oggi 24 ottobre Luca Sacchi, il 24enne che ieri sera è stato ferito con un colpo di pistola alla testa di fronte al John Cabot Pub a Roma, dopo aver cercato di difendere la sua fidanzata da un rapinatore che voleva rubarle lo zaino. Il colpo sparato da uno dei rapinatori lo ha preso alla testa ed è rimbalzato sulla vetrina del locale dietro di lui, rompendone il vetro.

Il ragazzo faceva il personal trainer e avrebbe compiuto a febbraio 25 anni. Era appassionato di palestra e amava molto anche il motocross. La fidanzata Anastasia lavora come babysitter e al momento si trova ancora ricoverata in ospedale per una contusione alla testa.

Chi era Luca Sacchi

Il rapinatore gli ha sparato intorno alle 23.30 di ieri sera ed è fuggito poco dopo. I soccorsi del 118 sono intervenuti subito e Luca Sacchi è stato portato immediatamente all’ospedale San Giovanni di Roma dove è stato operato d’urgenza. La sparatoria è avvenuta poco distante dall’abitazione del ragazzo, all’angolo tra via Teodoro Mommsen e via Bartolini, in zona Caffarella, nel quadrante est di Roma.

Al momento dell’aggressione i due fidanzati stavano andando insieme al loro pub preferito di via Franco Bartoloni per trascorrere una serata insieme agli amici nel locale vicino casa.

La procura di Roma indaga per omicidio volontario: la titolare del fascicolo è la pm Nadia Plastina.

Roma, vuole difendere la fidanzata da uno scippo ma viene colpito da uno sparo alla testa: muore Luca Sacchi

119
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.