Me

Lo stupro di Viterbo e le accuse ai militanti di Casapound arrestati: la ricostruzione

Immagine di copertina

Stupro Viterbo CasaPound – Il 12 aprile 2019 in un pub di Viterbo utilizzato come sede del movimento di estrema destra di CasaPound si sarebbe verificato il presunto stupro ai danni di una ragazza di 36 anni.

I presunti aggressori – Per l’aggressione sessuale il 29 aprile sono stati arrestati due uomini, Francesco Chiricozzi, 21 anni, consigliere comunale di CasaPound nel comune di Vallerano, a 18 chilometri da Viterbo e Marco Licci, 19 anni, militante del movimento di destra. [Qui il profilo completo]

Stupro Viterbo CasaPound, l’espulsione – I due sono stati espulsi dall’organizzazione politica e sono stati arrestati con l’accusa di violenza sessuale di gruppo e lesioni aggravate ai danni di una 36enne.

Il locale – L’aggressione sessuale sarebbe avvenuta nel locale “Old Manners Tavern” che come si legge sul sito di Casapound Italia nella sezione “Sedi e contatti locali”, è segnalato come luogo di aggregazione del movimento di destra. Nel locale dello stupro l’”Aperitivo antipartigiano”. 

Stupro Viterbo CasaPound, la vicenda – Al momento della violenza sessuale il locale era chiuso, ma i due erano in possesso delle chiavi. Secondo la ricostruzione fornita dalla polizia i due, dopo avere bevuto insieme alla ragazza, l’avrebbero ingannata dicendole che nel pub c’era una festa.

All’interno del locale non c’erano nessuno al di fuori di loro e i due giovani avrebbero approcciato la vittima. Al rifiuto della donna i due l’avrebbero presa a pugni e stuprata mentre era incosciente.

Gli autori hanno filmato la violenza con i loro telefoni.

La denuncia – La ragazza avrebbe denunciato la violenza sessuale subita nei giorni successivi.

Stupro Viterbo CasaPound – Simone Di Stefano, segretario nazionale di CasaPound –“Qualora e se risultassero colpevoli, auspico pene durissime come per ogni altro infame stupratore. Castrazione compresa”, ha scritto su Twitter.

Luigi Di Maio – “Quanto accaduto a Viterbo è scioccante. I balordi che hanno violentato questa ragazza la pagheranno cara. Se quanto riporta la stampa in queste ore corrisponde al vero mi auguro si facciano 30anni di galera. La mia vicinanza e tutto il sostegno possibile alla donna e alla sua famiglia”, ha commentato il vicepremier.

Matteo Salvini – “Nessuna tolleranza per pedofili e stupratori: la galera non basta, ci vuole anche una cura”, e ha annunciato anche l’imminente presentazione di una proposta di legge sulla castrazione chimica per gli stupratori. [Qui l’articolo completo]

“Chiamatela castrazione chimica o blocco androgenico, la sostanza è che chiederemo l’immediata discussione alla Camera della nostra proposta di legge, ferma da troppo tempo, per intervenire su questi soggetti: chiunque siano, bianchi o neri, giovani o anziani, vanno puniti e curati”, attacca il vicepremier Salvini che provoca la reazione infastidita del collega di governo Di Maio.

“Basta con questa storia, è una presa in giro alle donne e non è nel contratto di governo”, ha dichiarato Luigi Di Maio in risposta a Salvini. “Anche CasaPound la chiedeva, ma quello che serve è la certezza della pena e anni e anni di detenzione, perché lo strumento della castrazione chimica lascia i violentatori a piede libero”.

I militanti di Casapound si difendono: “Sesso consenziente”- Francesco Chiricozzi e Riccardo Lecci, i due militanti di Casapound arrestati per lo stupro di Viterbo, si difendono sostenendo la tesi del “rapporto consenziente”. [Qui l’articolo completo]

Quando il consigliere comunale di CasaPound pubblicava manifesti fascisti contro i “neri violentatori” – Qualche mese fa sul suo account Instagram il consigliere comunale di CasaPound accusato dello stupro, il 21enne Francesco Chiricozzi, condivideva post razzisti che inneggiavano al fascismo e un manifesto della propaganda del Ventennio che invitava gli italiani a difendere le donne dalle violenze sessuali degli stranieri. [Qui l’articolo completo]

“Alle donne serve disciplina”: i post contro le donne dell’ex consigliere di CasaPound accusato di stupro Il leader di CasaPound canta: “Donna cesso! Feticcio sessuale! Prendi più ca**i!” – Una delle esponenti femminili di CasaPound ha preso le difese del movimento accusato di maschilismo, ma leggendo i testi delle canzoni del gruppo musicale del movimento politico, gli Hate For Breakfast, non sembra esserci un grande rispetto per le donne. Nel brano “Donna Cesso” si trovano parole come: “Donna cesso! Feticcio sessuale! Prendi più cazzi! Compra meno cazzate!”. [Qui l’articolo]

Il racconto shock della vittima – La ragazza italiana di 36 anni vittima dello stupro di Viterbo ha raccontato al suo avvocato Franco Taurchini la vicenda. “Mi sono fidata, sembravano persone perbene. Ricordo un pugno. Poi, nulla. Mi sono svegliata piena di lividi”. [Qui il racconto completo]