Me
HomeSport

Euro 2020, i sorteggi dei gironi: la data e chi può pescare l’Italia, testa di serie

Dopo un percorso di qualificazione perfetto, l'Italia è in attesa dei sorteggi per Euro 2020: sabato 30 novembre si scopriranno i nostri avversari nel girone. Ecco chi potremmo pescare

Di Carmelo Leo
Pubblicato il 19 Nov. 2019 alle 13:37 Aggiornato il 19 Nov. 2019 alle 14:53
Immagine di copertina

Euro 2020, sorteggi gironi: quando si terranno e chi può pescare l’Italia, testa di serie

L’Italia ha strappato la qualificazione a Euro 2020 con un percorso netto, condito da dieci vittorie su dieci e diversi record macinati: adesso però è il momento di pensare ai sorteggi degli Europei itineranti del 2020.

Nonostante gli azzurri, letteralmente risorti dopo il fallimento del 13 novembre 2017 (lo 0-0 contro la Svezia che sbarrò la strada per i Mondiali in Russia), abbiano convinto a suon di gol e prestazioni tifosi e critici, il responso dell’urna di Bucarest sarà essenziale per capire le ambizioni dell’Italia a Euro 2020.

Il regolamento dei sorteggi: ecco tutto quello che c’è da sapere

La Nazionale allenata da Roberto Mancini è sicura di essere in prima fascia, quella dedicata alle teste di serie. Ma non mancano pericoli anche nelle altre fasce, visto che alcune delle squadre più importanti non sono riuscite a qualificarsi a Euro 2020 da prime nel loro girone.

DOVE VEDERE IL SORTEGGIO

Sorteggi Euro 2020, la data

Ma quando si terranno i sorteggi per gli Europei del 2020? La data fissata è quella di sabato 30 novembre 2019, alle ore 18, al Romexpo di Bucarest, in Romania.

Sarà lì che si formeranno i sei gironi da quattro squadre ciascuno: le 24 Nazionali qualificate conosceranno così le loro prime avversarie e anche le città in cui si giocheranno le partite (ricordiamo, infatti, che Euro 2020 sarà il primo campionato europeo itinerante che si giocherà in ben 12 città ospitanti).

I sorteggi dei gironi di Euro 2020 saranno trasmessi sui canali Rai, in diretta, anche se ancora non è stata stabilita la programmazione dettagliata. Di conseguenza, sarà possibile vederli anche in streaming su RaiPlay.

Nazionale italiana, la nuova maglia verde: ecco il significato

Euro 2020, chi può pescare l’Italia ai sorteggi

Torniamo dunque ai principali spauracchi per la Nazionale italiana presenti nell’urna di Bucarest. Le 24 squadre qualificate saranno divise in quattro fasce a seconda dei risultati ottenuti nei gironi di qualificazione a Euro 2020. Le fasce, a oggi, non sono ancora complete (19 squadre su 24): stasera, al termine delle ultime partite, si aggiungerà una tra Galles, Ungheria e Slovacchia. Le ultime quattro, invece, accederanno alla quarta fascia in seguito ai playoff della Nations League.

L’Italia è certa, come già anticipato, di essere inserita in prima fascia. E anche di far parte del girone A. In prima fascia con gli azzurri, al momento, ci sono Belgio, Inghilterra, Spagna e Ucraina. La sesta squadra, in base ai risultati delle ultime partite che si disputeranno oggi, sarà una tra Francia, Germania e Polonia.

Di conseguenza, soprattutto una tra Francia Germania scivolerà in seconda fascia, con la possibilità di un accoppiamento con la nostra Nazionale. Al momento, l’impressione è che la Germania andrà facilmente in prima fascia, mentre la Francia sarà in seconda e dunque una papabile avversaria. Stessa situazione per il Portogallo, l’Olanda e la Polonia, squadre temibili e ben attrezzate che finiranno quasi certamente in seconda. In terza fascia, tra le altre, c’è anche quella Svezia che ci eliminò agli spareggi per i Mondiali in Russia.

Dovesse andare malissimo, quindi, l’Italia ai sorteggi per Euro 2020 potrebbe capitare in un girone con Francia, Portogallo e Svezia. Ma non è detto che la Dea bendata ci volti le spalle: potrebbe arrivare anche un girone cuscinetto con Svizzera (seconda fascia), Austria (terza) e Finlandia (quarta).

La parola, in questo caso, va alle urne: sabato 30 novembre dalle 18, dopo i sorteggi, Euro 2020 prenderà definitivamente corpo.

Dentro il Rojava, guerra di Siria

La Nazionale italiana in visita a Venezia