Me

Consultazioni al Quirinale: le ultime notizie sulla crisi di governo

Il presidente Mattarella incontra i rappresentati dei partiti per fare il punto: nuovo esecutivo o elezioni anticipate?

Di Enrico Mingori
Pubblicato il 22 Ago. 2019 alle 06:29 Aggiornato il 22 Ago. 2019 alle 20:30
Immagine di copertina
Il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. Credit: Vincenzo PINTO / AFP

Consultazioni Quirinale: le ultime news sulla crisi di governo

Seconda giornata di consultazioni al Quirinale, dopo le dimissioni del premier Giuseppe Conte che hanno aperto formalmente la crisi di governo. Il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, incontra i rappresentanti dei partiti che compongono l’arco parlamentare per ascoltare il loro punto di vista sulla crisi in atto. Il capo dello Stato ha sostanzialmente due opzioni: sciogliere le Camere e convocare elezioni anticipate oppure favorire la formazione di un nuovo esecutivo con una maggioranza differente da quella ormai cessata M5S-Lega (qui le ultime notizie sulla crisi di governo in tempo reale).

SE NON VISUALIZZI GLI ULTIMI AGGIORNAMENTI CLICCA QUI <

(Se non visualizzi gli aggiornamenti continua a cliccare)

LE ULTIME NEWS SULLA CRISI DI GOVERNO

COME SEGUIRE LE CONSULTAZIONI IN STREAMING ONLINE E DIRETTA STREAMING

Consultazioni: la diretta LIVE

Di seguito tutte le ultime news in diretta sulle consultazioni con aggiornamenti in tempo reale.

ore 20.00 – Mattarella: “Martedì nuove consultazioni” – Il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, parla al termine del giro di consultazioni: “Con le dimissioni presentate dal presidente Conte si è aperta la crisi di governo con una dichiarata rottura polemica del rapporto tra i due partiti che componevano la maggioranza parlamentare. La crisi va risolta con decisioni chiare e in tempi brevi, come richiede un grande Paese come il nostro. Sono possibili solo governi che raccolgano la fiducia del parlamento su un programma per il paese. In mancanza di ciò l’unica strada sono le elezioni, strada da non assumere a cuor leggero dopo poco più di un anno dall’inizio della legislatura. Nel corso delle consultazioni mi è stato comunicato da alcuni partiti che sono state avviate iniziative per un’intesa in parlamento per un nuovo governo. E mi è stata avanzata la richiesta di avere il tempo di sviluppare questo confronto. Anche da parte di altre forze politiche è stata rappresentata la possibilità di ulteriori verifiche. Il presidente della Repubblica ha il dovere di non precludere l’espressione di volontà maggioritaria del parlamento. Al contempo ho il dovere di richiedere decisioni sollecite. Svolgerò quindi nuove consultazioni, che inizieranno nella giornata di martedì prossimo, per assumere le decisioni necessarie”.

ore 19.25 – Attesa per il discorso di Mattarella – C’è grande attesa per il discorso che il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, dovrebbe tenere fra poco più di mezz’ora. Il capo dello Stato riferirà al termine della giornata di consultazioni con i leader dei principali partiti

COME SEGUIRE IL DISCORSO DI MATTARELLA IN STREAMING E IN TV LIVE

ore 17.50 – Mattarella parla alle 20 – Il portavoce del Quirinale: “Il presidente rifletterà per un paio d’ore e intorno alle 10 tornerà per incontrare la stampa”.

ore 17.40 – Di Maio al Pd: “Ecco i nostri 10 punti per fare il governo” – Luigi Di Maio, capo politico del M5S, parla al termine delle consultazioni con Mattarella: “In queste ore sono state avviate tutte le interlocuzioni necessarie per dare al paese una maggioranza in grado di portare avanti 10 punti: 1) Taglio del numero dei parlamentari. 2) Una manovra equa che preveda lo stop all’aumento dell’Iva e il salario minimo garantito. 3) Cambio di paradigma sull’ambiente: un’Italia 100 per cento rinnovabile, un Green New Deal. 4) Una legge sul conflitto d’interessi e sulla Rai. 5) Dimezzare i tempi della giustizia e riforma metodo elezione Csm. 6) Autonomia differenziata e riforma degli enti locali. 7) Legalità, carcere ai grandi evasori, lotta alle mafie e ai traffici illeciti. 8) Piano straordinario di investimenti per il sud. 9) Riforma del sistema bancario che separi banche d’investimento e banche commerciali. 10) Tutela dei beni comuni, a partire dalla scuola e dall’acqua pubblica”.

ore 17.30 – Il colloquio tra i Cinque Stelle e il capo dello Stato sarebbe terminato. A breve il discorso di Di Maio.

ore 17.05 – Ora tocca al M5S – Dopo la Lega, il presidente Mattarella sta incontrando in questi minuti la delegazione del M5S (qui la diretta).

ore 17.00 – Salvini: “Voto subito, ma se il M5S cambia i suoi no in sì noi siamo” – Salvini: Il leader della Lega, Matteo Salvini, parla al termine del colloquio avuto con il presidente Mattarella: “Abbiamo ribadito che i troppi no hanno portato alla fine di questa esperienza di governo che tante cose buone ha fatto. Oggi la via maestra non possono essere giochini di palazzo. Sono e dovrebbero essere le elezioni. Nessuno dovrebbe avere paura del giudizio del popolo. In questi giorni abbiamo letto che alcuni dei no sarebbero diventati dei sì e che in casa M5S ci sarebbero parlamentari che sosterrebbero una manovra coraggiosa, espansiva e importante e che scongiurerebbe l’aumento dell’Iva. Evidentemente aver scoperchiato il vaso è servito. L’unico collante tra Pd e M5S sarebbe il contro: contro Salvini, contro il decreto sicurezza, contro la flat tax, contro Quota 100. Se qualcuno mi dice: ragioniamo perché dei no diventano sì, miglioriamo la squadra, diamoci un obiettivo non contro ma per, io ho sempre detto che sono un uomo concreto. non porto rancore, non guardo mai indietro ma avanti” (qui il discorso integrale di Salvini).

ore 16.40 – Salvini non si è ancora presentato per rendere le sue dichiarazioni davanti alla stampa. Intanto, la delegazione M5S è arrivata al Quirinale.

ore 16.30 – Si è concluso l’incontro tra i rappresentanti della Lega e il capo dello Stato: tra pochi minuti il discorso di Matteo Salvini.

ore 16.15 – È in corso il colloquio tra la delegazione della Lega, guidata da Matteo Salvini, e il presidente della Repubblica.

ore 15.50 – La delegazione della Lega è arrivata al Quirinale.

ore 15.15 – Mancano circa 45 minuti all’arrivo al Quirinale della delegazione del Carroccio.

Consultazioni al Quirinale: la mattina

ore 13.00 – La giornata di consultazioni riprende alle 16.00 con la delegazione della Lega, guidata da Matteo Salvini.

ore 12.40 – Berlusconi: “Governo di centrodestra o voto subito” – Il leader di Forza Italia, Silvio Berlusconi, ha parlato al termine delle consultazioni con il presidente Mattarella: “La fallimentare esperimento di governo ha indebolito l’economia italiana. Le esperienze di governo si costruiscono col tempo e prima del voto. Dopo tanto avventurismo il Paese ha bisogno di un governo stabile, solido e con un programma coerente, una forte legittimazione democratica e una considerazione internazionale che oggi l’Italia non ha. Proponiamo il modello di centrodestra che governa oggi moltissimi Comuni e la maggioranza delle Regioni italiane e che ha dimostrato di governare bene in oltre 25 anni. Occorre in Parlamento una maggioranza di centrodestra che risponda al sentire degli italiani. Qualora ciò non sia possibile la via maestra sono le elezioni anticipate”.

ore 12.25 – Il colloquio tra Mattarella e Berlusconi è terminato.

12.05 – L’incontro tra il presidente Mattarella e la delegazione di Forza Italia è ancora in corso.

ore 11.30 – È arrivata al Quirinale la delegazione di Forza Italia. Presenti il leader Silvio Berlusconi, le due capigruppo Annamaria Bernini (Senato) e Mariastella Gelmini (Camera) e, a sorpresa, l’eurodeputato Antonio Tajani, ex presidente del Parlamento europeo. (qui la diretta di TPI).

ore 11.20 – Zingaretti: “Governo di svolta o voto” – Nicola Zingaretti, segretario del Pd ha parlato al termine della consultazione con il presidente Mattarella: “Abbiamo espresso al presidente Mattarella la nostra disponibilità a verificare l’esistenza di una nuova maggioranza e l’avvio di una fase nuova di un governo, di svolta programmatica e politica. Abbiamo evidenziato la distanza politica che ci separa da alcune forze che hanno fatto parte del governo uscente, come il M5S, ma siamo preoccupati per l’economia. Riteniamo utile provare a dar vita a un governo di svolta e abbiamo evidenziato i primi, non negoziabili, punti di questa proposta: vocazione europeista, lavoro, solidarietà, principio della democrazia rappresentativa con centralità del parlamento, svolta economica sul tema ambientale, redistribuzione della ricchezza, investimenti, lavoro e attenzione all’equità fiscale, evitando l’amento dell’Iva. Svolta con l’Europa nella gestione con l’Europa dei flussi migratori in discontinuità con i recenti decreti. Un governo alternativo alle destre con un’ampia base parlamentare. Se non dovessero esistere queste condizioni, lo sbocco naturale della crisi sono nuove elezioni anticipate, a cui il Pd è pronto”.

ore 11.15 – L’incontro tra il presidente Mattarella e la delegazione del Pd sarebbe terminato.

ore 11.00 – All’incontro con Mattarella partecipano, a sorpresa, anche il presidente del Pd, Paolo Gentiloni, e la vicesegretaria Paola De Micheli.

ore 10.40 – Al Quirinale è arrivata la delegazione del Partito democratico (qui la diretta di TPI).

ore 10.30 – Meloni: “Elezioni subito o mandato a un premier di centrodestra” – Giorgia Meloni, leader di Fratelli d’Italia, ha parlato al termine della consultazione con il presidente Mattarella: “Avremmo voluto che qualche mese fa qualcuno ci avesse dato retta sul fatto che il governo gialloverde non potesse rispondere ai bisogni dell’Italia. Le elezioni sono per noi oggi l’unico esito possibile rispettoso dell’Italia e del suo popolo e il più rispettoso della Costituzione. Nell’ultimo anno il centrodestra ha vinto tutte le elezioni che si sono susseguite Non mi convince la visione secondo la quale bisogna fare un governo per bloccare le clausole di salvaguardia. Ricordo che Renzi e Di Maio hanno enormi responsabilità su queste clausole di salvaguardia: disinnescarle è possibile con un governo che porti avanti politiche economiche diverse da quelle che abbiamo in visto in questi anni. Noi chiediamo di andare subito a elezioni. Se invece il presidente Mattarella dovesse scegliere un mandato esplorativo, crediamo che lo dovrebbe affidare a un premier del centrodestra perché sarebbe quello più affine alla volontà popolare”.

ore 10.20 – Finito l’incontro tra la delegazione di Fdi e Mattarella.

ore 10.00 – Fratelli d’Italia al Quirinale – La delegazione di Fratelli d’Italia è arrivata al Quirinale per le consultazioni con il presidente Mattarella (qui la diretta dell’incontro tra Fdi e il capo dello Stato).

ore 9.00 – Una donna a Palazzo Chigi? – Secondo alcune indiscrezioni, il governo M5S – PD potrebbe essere guidato, per la prima volta nella storia d’Italia, da una donna. L’idea sarebbe stata avanzata durante le trattative tra i due partiti per la formazione di un esecutivo. Qui l’articolo completo.

Le consultazioni di Mattarella: il calendario completo

Di seguito il calendario delle consultazioni di oggi. Ecco l’ordine di svolgimento degli incontri di Mattarella.

Giovedì 22 agosto 2019

  • ore 10.00: gruppo parlamentare Fratelli d’Italia del Senato e della Camera (la diretta).
  • ore 11.00: gruppo parlamentare Partito democratico del Senato e della Camera (la diretta).
  • ore 12.00: gruppo parlamentare Forza Italia-Berlusconi presidente del Senato e della Camera (la diretta).
  • ore 16.00: gruppo parlamentare Lega-Salvini premier del Senato e della Camera
  • ore 17.00: gruppo parlamentare Movimento 5 Stelle del Senato e della Camera

Le consultazioni sono iniziate ieri. Ecco in quale ordine si sono svolti gli incontri di ieri al Quirinale.

Mercoledì 21 agosto 2019

  • Il presidente emerito della Repubblica, senatore Giorgio Napolitano, non trovandosi a Roma, è stato sentito telefonicamente.
  • ore 16.00: presidente del Senato: Maria Elisabetta Alberti Casellati.
  • ore 16.45: presidente della Camere: Roberto Fico.
  • 0re 17.30: gruppo parlamentare Per le Autonomie (Svp-Patt, Uv) del Senato
  • ore 18.00: gruppo parlamentare Misto del Senato
  • ore 18.30: gruppo parlamentare Misto della Camera
  • ore 19.00: gruppo parlamentare Liberi e Uguali della Camera

Consultazioni al Quirinale: la giornata di ieri

Le consultazioni sulla crisi di governo si sono aperte ieri, come da protocollo, con la convocazione al Quirinale della seconda e della terza carica dello Stato. La presidente del Senato, Elisabetta Casellati, e il presidente della Camera, Roberto Fico, hanno incontrato uno dopo l’altra il presidente Mattarella: entrambi hanno lasciato il Colle senza rilasciare dichiarazioni.

Successivamente il capo dello Stato ha ricevuto le delegazioni del Gruppo Per le Autonomie, del Gruppo Misto e di Liberi e Uguali.

I rappresentanti del Gruppo Per le Autonomie hanno dichiarato la loro contrarietà alla convocazione di elezioni anticipate e hanno aggiunto di essere pronti a sostenere un governo sostenuto da una nuova maggioranza, anche se a guidarlo dovesse essere ancora il premier dimissionario Giuseppe Conte.

Anche la delegazione del Gruppo Misto ha spiegato di essere contraria al voto anticipato in autunno. “Serve un governo concreto, che possa durare”, hanno spiegato i rappresentanti del Misto, che hanno però sottolineato di non essere stati contattati finora da nessun esponente di altri partiti per ragionare su una eventuale alleanza.

La delegazione di Liberi e Uguali si è detta “indisponibile a soluzioni tampone per evitare il voto”. Il gruppo auspica “un governo politico in grado di affrontare le questioni importanti del Paese. Un governo politico di svolta, che ponga al centro il lavoro, la lotta alla precarietà, alle disuguaglianze economiche, la lotta all’evasione e alle mafie, l’universalità del diritto alla cura, una grande riconversione ecologica della società”.

Consultazioni al Quirinale: la diretta di ieri 

I commenti di TPI: