Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 22:15
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Opinioni

La rivincita dei pop corn (di Giulio Gambino)

Immagine di copertina
Matteo Renzi

Chi ci ha governato negli ultimi anni è stato talmente scarso da riuscire a far riabilitare un uomo, Matteo Renzi, che era politicamente morto e sepolto

Fissate sul vostro calendario questa data: il 7 agosto 2019. Il tradimento di Sabaudia e il seguente bombardamento da Pescara. Una mitragliata la sera prima e poi una cannonata violenta quella dopo. La fine del governo giallo verde.

Quattordici mesi di storia. Fatta di piccoli e grandi tradimenti. Continui. Estenuanti. Ma anche di conquiste storiche: penso ad esempio al reddito di cittadinanza, che nulla ha a che vedere con lo sviluppo del paese come piace a noi, e che per nulla agevola la produttività e la creazione di nuovi posti di lavoro in Italia, vero, ma che consegna pur sempre un briciolo di dignità a milioni di italiani che dopo vent’anni di depauperamento culturale e finanziario si sono risvegliati poveri.

Provvedimento, quello bandiera-simbolo del M5S, senz’altro criticabile e non privo di pecche, anche stilistiche e di forma oltre che di sostanza. Ma un segnale grosso a una parte del paese del tutto dimenticata e lasciata indietro, emarginata.

Perdenti contro vincitori, gufi contro l’Italia del fare. E così la retorica del paese reale ha preso forma distanziando sempre più le élite dal popolo. Popolo che invece Matteo Salvini, anche noto come Matteo Selfini, ha davvero saputo conquistare e intercettare.

Ora però l’harakiri del ministro dell’Interno, che ha perso la testa e ha deciso di fare tutto da solo, cancella e tradisce tutto quanto era stato fatto.

Gli equilibri di forza e la sete di potere sono un elemento importante nel ponderare l’azione politica, ma questi leader di oggi non capiscono più cosa voglia dire rispettare la parola data agli italiani.

E in questo senso trova perfettamente spazio il leitmotiv dei pop corn lanciato un anno e mezzo fa dall’ex premier Matteo Renzi, vincitore uscente per caso di questa crisi di governo (Luigi Di Maio invece: rimandato, nel senso che ormai non parla nemmeno più).

Ci divertiremo a vedere questi cialtroni mentre fanno macello e mandano in vacca il paese – parafrasando a memoria – dicevano Renzi e il Pd in seguito alle elezioni politiche del 2018 che – ricordiamocelo, la memoria è importante – videro i 5 Stelle trionfare come primo partito italiano con il doppio dei voti da loro oggi raccolti alle ultime elezioni europee.

È l’era-breve dei leader. Renzi è durato 2 anni. Salvini forse meno. I 5 stelle hanno tenuto un anno scarso, salvo poi dilapidare tutto perdendo credibilità, anima e visione, cedendo ogni centimetro di campo alla Lega che intanto dilagava.

Ed è davvero questa la rivincita dei pop corn. E beninteso non certo perché aveva ragione il Pd 14 mesi fa, quando mai, quanto piuttosto perché chi abbiamo chiesto, eleggendolo, che ci governasse negli ultimi anni è stato talmente scarso da riuscire a far riabilitare un uomo, Matteo Renzi, che era politicamente morto e sepolto.

Forse come nessun altro leader italiano negli ultimi 15 anni, secondo solo a Silvio Berlusconi e per certi versi anche più odiato, complice anche l’influenza dei social oggi, che hanno amplificato i tre punti su cui è caduto l’apprezzamento dell’ex segretario dem: i conflitti d’interesse del padre, la questione banche e la negazione del tema flussi migratori. Giusto per non parlare del referendum.

Quel 7 agosto sera a Sabaudia io c’ero. Matteo Salvini aveva l’Italia ai suoi piedi. Era davvero il padrone d’Italia. È in quel momento, mentre il leghista sganciava dal cielo di Sabaudia le prime bombe a mano contro il governo di cui fa(ceva) parte, che il forno a microonde ha iniziato a tintinnare: erano i pop corn pronti per essere gustati.

Dieci giorni di follia. Crisi. Poi l’affondo. Poi la non parlamentarizzazione della crisi stessa. Il non-ritiro dei ministri. Le non-dimissioni. E l’inerzia delle cose che ti si ritorce contro. Quel folle ritiro della mozione di sfiducia.

E poi in extremis: “Scusa non volevo lasciarti, era uno scherzo”. Ma è troppo tardi: Giuseppe Conte improvvisamente è lo statista “che non pensa alle prossime elezioni ma alla prossima generazione”.

E Di Maio, fortunatamente costretto a un mutismo selettivo per i giorni della crisi, è la “vittima” di una crisi che egli stesso ha in fondo voluto perché incapace di ribattere a ogni richiesta della Lega, pur avendo una posizione di forza superiore, quantomeno formale.

Questa è la rivincita dei pop corn, del “ve l’avevamo detto”. Sì, certo, ma non per merito dell’opposizione.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Mors tua, dose mea: ecco perché lo stop a Reithera dimostra che è in atto una guerra sui vaccini (di L. Telese)
Opinioni / Quando una biografia cede il passo alla mistificazione della realtà (di E. Franchin)
Opinioni / Il libro di Giorgia Meloni regalato agli studenti: l’indottrinamento di Fdi fuori dai licei non possiamo accettarlo (di I. Melio)
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Mors tua, dose mea: ecco perché lo stop a Reithera dimostra che è in atto una guerra sui vaccini (di L. Telese)
Opinioni / Quando una biografia cede il passo alla mistificazione della realtà (di E. Franchin)
Opinioni / Il libro di Giorgia Meloni regalato agli studenti: l’indottrinamento di Fdi fuori dai licei non possiamo accettarlo (di I. Melio)
Opinioni / Il centrodestra sogna il Corriere della Sera: ecco cosa c’è dietro l’operazione Sallusti-Libero
Opinioni / Se Roberto Angelini riceve più solidarietà della donna che l'ha denunciato per lavoro nero (di G. Sias)
Opinioni / L'ipocrisia degli antipopulisti che ora incensano il Draghi "premier gratis" (di G. Cavalli)
Opinioni / Michele Santoro AnnoZero: Sabelli Fioretti racconta il ritorno dell’uomo che ha fatto la storia della tv
Opinioni / Gli autogrill, monumenti al boom economico che ancora affascinano gli italiani
Opinioni / Caro Di Maio, la strategia del silenzio sul caso Zaki è solo l'ennesimo regalo all'Egitto (di R. Bocca)
Opinioni / Si lavora alla nomina dei vertici Rai. E intanto fioccano le indiscrezioni sui palinsesti tra novità e conferme