Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 18:04
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Il governo M5S – PD potrebbe essere guidato dalla prima donna premier della storia d’Italia

Immagine di copertina
Marta Cartabia

Governo M5S - PD: per la presidenza del consiglio spunta un nome a sorpresa

Governo M5S – PD: per il premier spunta un nome a sorpresa

M5S e PD starebbero pensando a un nome a sorpresa per il ruolo di premier dell’eventuale governo giallorosso.

A rivelarlo in un retroscena a firma di Tommaso Labate è il Corriere della Sera.

Secondo quanto ricostruito dal quotidiano, infatti, dopo aver elencato i 5 punti, ritenuti fondamentali dal PD per aprire un confronto con il M5S, sarebbero partite le trattative tra il segretario dem Nicola Zingaretti e il capo politico del Movimento 5 Stelle Luigi Di Maio.

Uno dei nodi più importanti da sciogliere è quello del premier. Il PD ha chiesto “discontinuità” rispetto all’esecutivo precedente, chiudendo le porte, di fatto, all’ipotesi di un Conte bis. I pentastellati vorrebbero affidare nuovamente la guida di un eventuale governo giallorosso all'”avvocato del popolo”, vista anche l’alta popolarità di cui gode Conte in questo momento, ma sarebbero disponibili a trattare su un altro nome.

Ecco perché l’idea di un premier “terzo”, ovvero un tecnico equidistante dai due partiti, resta, al momento, l’ipotesi più plausibile. Escluso Mario Draghi, che si sarebbe detto onorato ma indisponibile ad assumere qualsiasi carica politica, restano in campo i nomi di Raffaele Cantone ed Enrico Giovannini.

Ma, nelle ultime ore, si sarebbe affacciata una terza nonché suggestiva ipotesi: quella di affidare la presidenza del Consiglio a una donna. L’idea, infatti, sarebbe quella di proporre una reale discontinuità con il passato, accordandosi sulla prima donna a Palazzo Chigi della storia d’Italia.

Escludendo una personalità politica, la scelta ricadrebbe sempre su un tecnico. Al momento il nome che circola maggiormente è quello del giudice costituzionale Marta Cartabia (qui il suo profilo).

Chi è Marta Cartabia, la prima donna che potrebbe diventare premier del governo M5S – PD

Le trattative, dunque, vanno avanti e al momento non si esclude nessuna ipotesi, inclusa la pista Fico. L’attuale presidente della Camera, infatti, potrebbe essere il nome che mette d’accordo tutti, anche perché libererebbe la presidenza della Camera, che a quel punto andrebbe al PD.

Ti potrebbe interessare
Politica / Il marito di Casellati inseguito dal Fisco per 145mila euro di Ici non pagata: la storia sul settimanale di TPI
Politica / Il governo pensa a uno stanziamento di 3 miliardi per limitare l’aumento delle bollette
Politica / M5S: Di Maio, Raggi e Fico in lizza per il comitato di garanzia di Conte
Ti potrebbe interessare
Politica / Il marito di Casellati inseguito dal Fisco per 145mila euro di Ici non pagata: la storia sul settimanale di TPI
Politica / Il governo pensa a uno stanziamento di 3 miliardi per limitare l’aumento delle bollette
Politica / M5S: Di Maio, Raggi e Fico in lizza per il comitato di garanzia di Conte
Politica / Roma, il candidato sindaco Roberto Gualtieri suona "Estate" in una jam session con tre musicisti
Politica / Candidata di Forza Italia al municipio e segretaria del ministro Franco al Mef: la doppia carica di Serena Piccardi
Politica / Il Governo ora vuole limitare l’aumento delle bollette: le misure allo studio
Politica / Il governo frena sull’obbligo vaccinale: Draghi non vuole rompere con Salvini per non perdere il Quirinale
Politica / Il social media manager di Taffo scende in campo per Roma: “Le nostre idee per migliorare la città”
Politica / Se non ci fosse Michetti bisognerebbe inventarlo
Politica / Cingolani: “Nel prossimo trimestre le bollette aumenteranno del 40%”