Incidente Roma, Pietro Genovese al gip: “Sconvolto e devastato per quello che è successo”

Il 20enne, che nella notte tra il 21 e il 22 dicembre ha investito e ucciso due 16enni a Corso Francia, è stato interrogato dal giudice delle indagini preliminari Bernadette Nicotra

Di Niccolò Di Francesco
Pubblicato il 2 Gen. 2020 alle 09:32 Aggiornato il 2 Gen. 2020 alle 18:27
142
Immagine di copertina

Incidente Roma, l’interrogatorio di Pietro Genovese: “Sono devastato”

“Sconvolto e devastato per quello che è successo”: sono le parole pronunciate da Pietro Genovese oggi, giovedì 2 gennaio, davanti al giudice delle indagini preliminari Bernadette Nicotra durante l’interrogatorio sull’incidente avvenuto lo scorso 22 dicembre a Corso Francia, a Roma, in cui il giovane ha investito e ucciso le 16enni Camilla Romagnoli e Gaia Von Freymann.

L’interrogatorio

L’interrogatorio, secondo quanto si apprende, è durato circa un’ora. Genovese, che si è detto anche “sinceramente provato sul piano umano” era accompagnato dai suoi difensori, Gianluca Tognozzi e Franco Coppi.

“Sono partito con il verde”: ha ribadito Pietro Genovese rispondendo al gip. Nel corso dell’atto istruttorio l’indagato ha ricostruito, spesso interrotto dalle lacrime, la sera dell’incidente che aveva trascorso a casa di un amico per festeggiare il ritorno dall’Erasmus. Tornando a casa ha percorso Corso Francia dove, avrebbe affermato, è ripartito con il semaforo che segnava “verde”.

Arresti domiciliari

Genovese (qui il suo profilo), che si trova agli arresti domiciliari con l’accusa di omicidio stradale plurimo, è stato ascoltato dal giudice per chiarire diversi aspetti della vicenda: dalla velocità della sua auto al fatto di essere stato trovato positivo al test dell’alcol e della droga.

Secondo quanto riferito dai suoi legali, il ragazzo ha “risposto alle domande del gip, ma sul contenuto dell’atto istruttorio manteniamo il più stretto riserbo”.

Gli avvocato, poi, hanno affermato che Pietro Genovese “non è il killer che è stato descritto e merita rispetto e comprensione come le famiglie delle due ragazze”.

Le indagini

Genovese era già stato sentito dagli inquirenti nelle ore successive all’incidente. In quell’occasione, il giovane, figlio del noto regista Paolo, aveva detto, secondo quanto rivelato dal Corriere della Sera: “Gaia e Camilla sono sbucate dal nulla, non le ho viste attraversare”.

Intanto, sul fronte delle indagini sono ancora molti i dubbi da chiarire su ciò che è accaduto con precisione la sera del 22 dicembre scorso a Corso Francia.

Nella giornata di domani, venerdì 3 gennaio, intanto, dovrebbero essere riascoltati anche gli amici che si trovavano in macchina con Pietro Genovese al momento dell’impatto e che nei giorni scorsi avevano confermato la versione del 20enne, ovvero che le due 16enni non potevano essere evitate perché sbucate all’improvviso.

Leggi anche:

La morte di Gaia e Camilla e il gioco del semaforo rosso

Incidente di Roma, l’amica di Gaia: L’amica di Gaia: “Anche io attraversavo sempre quella strada col semaforo rosso. Qui lo fanno tutti”

Incidente di Roma, la testimonianza dell’amico di Pietro Genovese: “Ero sull’auto con lui, non era ubriaco”

Incidente di Roma: la videoricostruzione

Incidente a Roma, un testimone racconta la morte di Gaia e Camilla: “Si poteva evitare”

Funerale di Gaia e Camilla, l’omelia del parroco: “Senso della vita non è bere o fumarsela”

La sorella di Camilla: “Mi avevi chiesto quale fosse il senso della vita. Il mio oggi sei tu”

Incidente Roma, i genitori di Gaia contro i media: “Ricostruzioni fantasiose, Gaia era matura e responsabile”

142
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.