Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 12:34
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Incidente a Roma, le prime parole di Pietro Genovese dopo la morte di Gaia e Camilla: “Non le ho viste”

Immagine di copertina

Il figlio del regista Paolo, interrogato, è sotto shock. Si attendono i risultati definitivi per capire se la quantità di alcol e droga nel suo organismo superasse i limiti di legge

Incidente Roma, Pietro Genovese: “Gaia e Camilla? Non le ho viste”

Non si dà pace dopo l’incidente Pietro Genovese, il figlio del noto regista Paolo che nella notte tra sabato 21 e domenica 22 dicembre 2019 era alla guida della Renault Koleos che ha investito e ucciso le giovani Gaia e Camilla sul corso Francia a Roma, nella zona di Ponte Milvio. 

Genovese, 20 anni, si è subito fermato a prestare soccorso alle due sedicenni, per le quali però non c’è stato niente da fare. Così, è stato poi preso in custodia dalla polizia locale e sottoposto ai consueti test di alcol e droga, risultati positivi. Nell’attesa di capire se la quantità di alcol e stupefacenti nel suo corpo fosse sopra o sotto i limiti consentiti dalla legge, al ragazzo sono stati sequestrati auto e soprattutto cellulare, per capire se lo stesse utilizzando mentre era alla guida.

Un tasso alcolemico dell’1,4 ed esito non negativo per altre varie sostanze stupefacenti. Questi i risultati dei test compiuti su Pietro Genovese. Sul passato del 20enne ci sarebbero anche due casi di possesso di droga.

Poi, nel pomeriggio di ieri, l’interrogatorio davanti al pm Roberto Felici. A raccontare cosa ha detto Pietro Genovese agli inquirenti è il Corriere della Sera: “Gaia e Camilla? Non le ho viste attraversare”, ha raccontato il ragazzo in evidente stato di shock.

Non ha avuto la forza di raccontare molto altro: la sua doveva essere una serata come tante altre. Aveva incontrato il suo gruppo di amici in un locale nelle vicinanze. Festeggiavano il ritorno a Roma di uno di loro. Poi, di ritorno, l’incidente che ha coinvolto e ucciso le giovani Gaia e Camilla.

L’avvocato di Genovese, Gianluca Tognozzi, ha dichiarato al Corriere della Sera che Pietro è “un ragazzo distrutto”. Su di lui è stata aperta un’indagine per duplice omicidio stradale. Il padre, il regista Paolo, è intervenuto ieri con un comunicato: “Il dolore per Gaia e Camilla e per i loro genitori è insopportabile. Siamo una famiglia distrutta, è una tragedia immensa che ci porteremo dentro per sempre”.

Leggi anche:

Il regista Paolo Genovese parla dell’incidente mortale in cui è coinvolto il figlio: “Dolore insopportabile”

Chi erano Gaia e Camilla, le due ragazze investite e uccise nei pressi di Ponte Milvio a Roma

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Pronto un nuovo decreto: green pass su treni e aerei, scuola in presenza da settembre
Cronaca / È di uno studente universitario di 23 anni il cadavere trovato carbonizzato vicino a Pisa
Cronaca / Tre regioni rischiano il passaggio in zona gialla entro fine agosto
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Pronto un nuovo decreto: green pass su treni e aerei, scuola in presenza da settembre
Cronaca / È di uno studente universitario di 23 anni il cadavere trovato carbonizzato vicino a Pisa
Cronaca / Tre regioni rischiano il passaggio in zona gialla entro fine agosto
Cronaca / Immunizzato il 59,1% della popolazione
Cronaca / Brusaferro: "Vaccinati? Pochi rischi ma possono contagiare"
Cronaca / Lazio, il consigliere no vax Barillari si punta una pistola al braccio: "Il vaccino è una roulette russa"
Cronaca / 18 morti e 6.619 casi nell'ultimo giorno: tasso di positività al 2,7%
Cronaca / “Vi aspetto in terapia intensiva, con un pizzico di piacere”: infermiere punito per un post contro i no vax
Cronaca / Pisa, operai licenziati dopo aver scioperato per il salario: la denuncia della Cgil
Cronaca / Focolaio Covid tra gli attori: “Tutto è partito da un festival in Sardegna”