Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 20:33
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Incidente a Roma, le prime parole di Pietro Genovese dopo la morte di Gaia e Camilla: “Non le ho viste”

Immagine di copertina

Il figlio del regista Paolo, interrogato, è sotto shock. Si attendono i risultati definitivi per capire se la quantità di alcol e droga nel suo organismo superasse i limiti di legge

Incidente Roma, Pietro Genovese: “Gaia e Camilla? Non le ho viste”

Non si dà pace dopo l’incidente Pietro Genovese, il figlio del noto regista Paolo che nella notte tra sabato 21 e domenica 22 dicembre 2019 era alla guida della Renault Koleos che ha investito e ucciso le giovani Gaia e Camilla sul corso Francia a Roma, nella zona di Ponte Milvio. 

Genovese, 20 anni, si è subito fermato a prestare soccorso alle due sedicenni, per le quali però non c’è stato niente da fare. Così, è stato poi preso in custodia dalla polizia locale e sottoposto ai consueti test di alcol e droga, risultati positivi. Nell’attesa di capire se la quantità di alcol e stupefacenti nel suo corpo fosse sopra o sotto i limiti consentiti dalla legge, al ragazzo sono stati sequestrati auto e soprattutto cellulare, per capire se lo stesse utilizzando mentre era alla guida.

Un tasso alcolemico dell’1,4 ed esito non negativo per altre varie sostanze stupefacenti. Questi i risultati dei test compiuti su Pietro Genovese. Sul passato del 20enne ci sarebbero anche due casi di possesso di droga.

Poi, nel pomeriggio di ieri, l’interrogatorio davanti al pm Roberto Felici. A raccontare cosa ha detto Pietro Genovese agli inquirenti è il Corriere della Sera: “Gaia e Camilla? Non le ho viste attraversare”, ha raccontato il ragazzo in evidente stato di shock.

Non ha avuto la forza di raccontare molto altro: la sua doveva essere una serata come tante altre. Aveva incontrato il suo gruppo di amici in un locale nelle vicinanze. Festeggiavano il ritorno a Roma di uno di loro. Poi, di ritorno, l’incidente che ha coinvolto e ucciso le giovani Gaia e Camilla.

L’avvocato di Genovese, Gianluca Tognozzi, ha dichiarato al Corriere della Sera che Pietro è “un ragazzo distrutto”. Su di lui è stata aperta un’indagine per duplice omicidio stradale. Il padre, il regista Paolo, è intervenuto ieri con un comunicato: “Il dolore per Gaia e Camilla e per i loro genitori è insopportabile. Siamo una famiglia distrutta, è una tragedia immensa che ci porteremo dentro per sempre”.

Leggi anche:
Il regista Paolo Genovese parla dell’incidente mortale in cui è coinvolto il figlio: “Dolore insopportabile”
Chi erano Gaia e Camilla, le due ragazze investite e uccise nei pressi di Ponte Milvio a Roma
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Ratzinger, la lettera al suo biografo: “Nel 2013 mi sono dimesso per colpa dell’insonnia”
Cronaca / Le immagini esclusive del luogo dove è morto Stefano Sparti: ecco quello che non torna sul suo suicidio
Cronaca / Mutolo sull’arresto di Matteo Messina Denaro: “Una messa in scena, la trattativa tra Stato e mafia c’è sempre stata”
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Ratzinger, la lettera al suo biografo: “Nel 2013 mi sono dimesso per colpa dell’insonnia”
Cronaca / Le immagini esclusive del luogo dove è morto Stefano Sparti: ecco quello che non torna sul suo suicidio
Cronaca / Mutolo sull’arresto di Matteo Messina Denaro: “Una messa in scena, la trattativa tra Stato e mafia c’è sempre stata”
Cronaca / “Siamo sicuri che Messina Denaro sia un assassino?”: bufera su un tweet di Vittorio Feltri
Cronaca / Dai peluche ai poster del Padrino e di Joker: le immagini del covo di Messina Denaro | VIDEO
Cronaca / Preferisce il carcere ai servizi sociali: “Riportatemi in cella, lì si fatica di meno”
Cronaca / Alfredo Cospito, udienza in Cassazione anticipata a marzo per le condizioni di salute del detenuto
Cronaca / Pisa, coppia litiga in casa: lui esce in bicicletta, le lo segue in auto e lo investe
Cronaca / A scuola di Grandi opere: “Così Venezia insegna il Mose a New York”
Cronaca / Detersivo al posto dell’acqua, cliente muore dopo 8 mesi di agonia: barista accusato di omicidio