Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:59
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Coronavirus, Fontana: “Non potevamo istituire zona rossa Alzano e Nembro”

Immagine di copertina

Continua il botta e risposta tra Lombardia e governo sulla mancata chiusura dei comuni bergamaschi che, come svelato da un'inchiesta di TPI, era stata richiesta dall'Iss a causa dell’alta incidenza di casi di Covid-19

Coronavirus, Fontana: “Non potevamo istituire zona rossa Alzano e Nembro”

Il governatore della Lombardia Attilio Fontana torna a parlare della mancata chiusura di Alzano Lombardo e Nembro, nella bergamasca, affermando che la Regione non aveva il potere “giuridico” di istituire autonomamente una zona rossa per i due comuni epicentro del Coronavirus. “Io non potevo farla, non ero nelle condizioni da un punto di vista giuridico” ha affermato Fontana a Telelombardia. “Il punto, però, è che noi l’abbiamo chiesta al governo – ha aggiunto Fontana – Poi si è fatta una zona rossa in tutta la Lombardia. Noi avevamo chiesto zona rossa nell’area di Alzano e Nembro, e la presidenza del Consiglio l’ha fatta in tutta la Lombardia”. Secondo Fontana a confermarlo c’è anche un indicazione del ministero dell’Interno che “che diceva che le zone rosse sono di competenza esclusiva del governo centrale”.

Prosegue, dunque, lo scontro tra Regione e Governo sulla mancata chiusura dei due comuni della bergamasca, che si sono rivelati dei veri e propri focolai di Coronavirus in Lombardia. La mancata zona rossa di Alzano e Nembro è stata resa nota grazie all’inchiesta di Francesca Nava su TPI, che ha svelato come l’Iss il 2 marzo scorso avesse chiesto di chiudere i due comuni a causa dell’alta incidenza di casi. Richiesta che è rimasta inascoltata. Da chi? Il governo sostiene che la Regione poteva chiudere in autonomia le zone, mentre Fontana incolpa l’esecutivo.

L’inchiesta di TPI sulla mancata chiusura della Val Seriana per punti:

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO
Ti potrebbe interessare
Cronaca / La Cei appoggia lo Ius scholae: “Basta con le ideologie, è una riforma che serve all’Italia”
Cronaca / Morto Aldo Balocco, l’inventore del panettone mandorlato
Cronaca / Aborto, lo tsunami pro-life può travolgere anche l’Italia
Ti potrebbe interessare
Cronaca / La Cei appoggia lo Ius scholae: “Basta con le ideologie, è una riforma che serve all’Italia”
Cronaca / Morto Aldo Balocco, l’inventore del panettone mandorlato
Cronaca / Aborto, lo tsunami pro-life può travolgere anche l’Italia
Cronaca / A Torino la prima laurea nel Metaverso: Edoardo all’esame dal vivo e con l’avatar
Cronaca / Iscritta all’università da 18 anni senza laurearsi, il giudice: “Stop ai soldi del padre”
Cronaca / Covid, aumentano i casi e i ricoveri. Speranza: “Mascherine raccomandate, in autunno vaccino per le varianti”
Cronaca / Bambina di cinque anni ascolta la voce di Gigi D’Alessio e si risveglia dal coma
Cronaca / Saldi estivi 2022: il calendario regione per regione. Date, inizio
Cronaca / Salva moglie e figli in mare ma ha un infarto: muore papà eroe
Cronaca / Venezia, si entra su prenotazione: da agosto la sperimentazione. Nel 2023 arriva il ticket