Via alla Fase 2 in Lombardia, ma Ferrovie Nord avverte: “Rischiamo una situazione non gestibile”

Il Presidente Andrea Gibelli: "I mezzi sono stati ridotti ad un quarto e questo rischia di portare la situazione in una condizione peggiore rispetto a prima"

Di Lorenzo Zacchetti
Pubblicato il 3 Mag. 2020 alle 20:02
194
Immagine di copertina
Credits: ANSA / MATTEO BAZZI

Fase 2 in Lombardia, l’allarme di Gibelli (Ferrovie Nord): “Situazione non gestibile”

“I mezzi sono stati ridotti ad un quarto e questo rischia di portare la situazione in una condizione peggiore rispetto a prima, comunque non gestibile”. Lo ha detto il presidente di Ferrovie Nord Andrea Gibelli questa mattina a RTL 102.5 parlando della ripresa delle attività produttive nella Fase 2 della lotta al Coronavirus in Italia, che comincia il 4 maggio, e dei suoi riflessi sul trasporto pubblico soprattutto in Lombardia.

“Il problema della norma – ha spiegato Gibelli – è che obbliga il distanziamento anche sui mezzi: abbiamo cercato di spiegare che la distanza di un metro, sulle pensiline, nelle stazioni se può essere gestibile con l’educazione e con la segnaletica, i comportamenti a bordo di autobus, treni e metropolitane difficilmente riusciranno ad ottemperare alla distanza del metro”.

“Confidiamo – ha proseguito il presidente di Ferrovie Nord – che le indicazioni ricevute dal Governo in termini codici Ateco abilitati alla mobilità siano compatibili con la riduzione del numero dei posti: è indubbio che domani non torna il 100% delle persone a lavorare, e ci auguriamo che le persone che si muoveranno a lavorare saranno, come hanno detto in base alle loro previsioni, un numero importante, ma non da mettere in crisi il sistema”.

“Il nostro dubbio è che ci sono diversi provvedimenti e diversi atteggiamenti: se ci riferissimo solo i codici Ateco, si muoverebbero migliaia di persone in Lombardia, se si aggiungono le norme empiriche in aggiunte al decreto che consente ricongiungimenti e quindi la possibilità si muoversi fino al sesto grado di parentela, non sono in grado di prevedere quella misura empirica, ma i mezzi mi sono stati ridotti ad un quarto e questo rischia di portare al situazione in un condizione peggiore rispetto a prima, comunque non gestibile”.

Al conduttore di Rtl, che gli ha chiesto “Mi sembra di capire che Lei sta dicendo che in queste condizioni non siete in grado di fornire il servizio, lo conferma?”, Gibelli ha risposto: “Sì, lo confermo, perché i comportamenti a bordo di un mezzo in movimento sono dettati da movimenti condizionati dal piano del progettato di un mezzo”.

Leggi anche:

1. “Perché vorrei che la Fase 2 coincidesse con la mia Fase 1” / 2. Vespignani a TPI: “I virologi italiani non hanno capito nulla, per sconfiggere il virus servono le 3T” / 3. Cinque anziani rifiutati da una Rianimazione muoiono dopo pochi giorni: l’ospedale aveva dato precedenza ai malati più giovani

4. Renzi e la frase sui morti di Bergamo: “Nessuna strumentalizzazione, ma se qualcuno si è sentito offeso mi dispiace” / 5. Coronavirus, sapete quanti sono i morti sotto i 40 anni di età in Italia? Solo 60 / 6. Chi sono i congiunti, spostamenti tra Regioni, sport all’aperto: i chiarimenti del governo sulla Fase 2

7. I cani possono sentire l’odore del Coronavirus? Cosa dicono i primi studi / 8. Il ministro Boccia impugna l’ordinanza della Calabria sulla riapertura di bar e ristoranti nella Fase 2 / 9. Fase 2, ecco la nuova autocertificazione valida dal 4 maggio

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO

194
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.