Covid ultime 24h
casi +17.012
deceduti +141
tamponi +124.686
terapie intensive +76

Giorgetti: “Salvini non è garantista sulla droga? Bisognerebbe chiedere alle famiglie che hanno vissuto questo dramma”

Di Marta Vigneri
Pubblicato il 24 Gen. 2020 alle 14:21 Aggiornato il 24 Gen. 2020 alle 14:24
109

Salvini dice che in tema di droga non è garantista? “Bisognerebbe chiederlo alle famiglie che questo dramma l’hanno vissuto se sono garantiste. Ci sono tante idee diverse su come affrontare questo fenomeno: io penso che sia condivisibile l’approccio della Comunità di San Patrignano”. Lo dice Giancarlo Giorgetti, numero 2 della Lega, intervistato da TPI sul caso della citofonata di Salvini al presunto spacciatore del quartiere Pilastro a Bologna.

L’ex sottosegretario alla Presidenza del Consiglio si pronuncia anche sulle imminenti elezioni regionali in Emilia-Romagna e Calabria. “Conte dovrà prendere atto del voto. Come tutti coloro che fanno politica, dovrebbe essere attento a quello che pensa il popolo”, osserva Giorgetti. “E quindi dovrà prendere atto del voto in Emilia-Romagna e Calabria, come dovremo prendere atto noi: sono le regole basilari della democrazia”.

Leggi anche: 

ESCLUSIVO TPI / Parla Prodi a tre giorni dal voto in Emilia: “Sfida sul filo di lana. Borgonzoni inesistente, Salvini urla e basta. Le Sardine? Non ci sono io dietro”

Elezioni Emilia-Romagna, TPI intervista Bonaccini: “Domenica sarà una bella notte, Salvini il 27 torna a casa”

“Cara Lucia ti scrivo”. Il padre della Borgonzoni legge una durissima lettera alla figlia: “Hai detto falsità in campagna elettorale e hai scatenato contro di me la macchina del fango leghista”

Siamo alla Caporetto della politica. Salvini oggi si sconfigge sui social (di G. Gambino)

Abbiamo incontrato il Bruce Willis della politica italiana: Stefano Bonaccini

Il sindaco, il governatore e l’ex premier: lo speciale di TPI a tre giorni dal voto in Emilia Romagna

Esclusivo TPI, parla la signora che ha portato Salvini dal tunisino: “È stata la Lega a contattarmi”

Salvini scarica la donna che l’ha portato dal tunisino ‘su input della Lega’: “Non l’ho mai chiamata” | VIDEO

“Lei spaccia?”. Salvini che citofona a casa di un tunisino è il vero punto di non ritorno (di L. Telese)

Se Salvini può citofonare sentendosi uno sceriffo la colpa è nostra: ormai tutto è permesso (di L. Tosa)

Salvini vada a caccia di spacciatori senza telecamere e senza scorta (di L. Tomasetta)

109
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.