Covid ultime 24h
casi +16.079
deceduti +136
tamponi +170.392
terapie intensive +66

Elezioni Emilia-Romagna, TPI intervista Bonaccini: “Domenica sarà una bella notte, Salvini il 27 torna a casa”

Di Giulio Gambino
Pubblicato il 22 Gen. 2020 alle 19:21
650

Elezioni Emilia-Romagna, TPI intervista Stefano Bonaccini

Il direttore di TPI, Giulio Gambino, intervista Stefano Bonaccini, candidato del centrosinistra alle elezioni regionali dell’Emilia-Romagna, in programma domenica 26 gennaio 2020. L’appuntamento è molto atteso anche a livello nazionale: dall’esito del voto potrebbe dipendere la tenuta del governo.

Abbiamo chiesto in diverse occasioni un’intervista anche alla candidata di centrodestra Lucia Borgonzoni, ma non ha mai risposto.

Bonaccini, fiducioso per domenica?

Siamo fiduciosi perché crediamo che, accanto a tante cose di buon governo che ci vengono riconosciute anche dagli elettori di Lega e Cinque Stelle, abbiamo messo in campo un programma che punta a migliorare questa regione: a riportare la piena occupazione, a ridurre ulteriormente i tempi di attesa nei Pronti Soccorso.

In campagna elettorale Salvini è stato molto presente, quasi a oscurare Borgonzoni. La sua è stata una scelta diametralmente opposta, quasi a dire ai vertici del Partito democratico: non venite qua in Emilia-Romagna. È così?

In campagna elettorale ho fatto diverse iniziative con Zingaretti, con alcuni ministri, con Emma Bonino, con Matteo Renzi, con Carlo Calenda, con esponenti anche europei dei Verdi e di altre forze politiche. Ma l’ho detto subito: qua si parla di Emilia-Romagna, chi viene qui deve venire a dare risposte ai problemi dell’Emilia-Romagna. Borgonzoni si è vista in pochissimi Comuni, Salvini è il benvenuto, ma è qui un ospite: il 27 gennaio tornerà a casa e non lo vedrete mai più. Mentre questa è la mia casa: io c’ero prima, ci sono oggi e ci sarò dopo.

Lei ha levato l’immagine del Pd dalla sua candidatura: ha personalizzato la sua candidatura?

Io ho sei liste che mi sostengono: se avessi messo un solo simbolo, avrei tolto dignità alle altre liste. Ma le dirò di più: il nome Bonaccini è nel simbolo delle liste del Pd e di Emilia coraggiosa.

Parliamo di Sardine: non le ha chiamate. Perché?

Mi sono rivolto a loro dal palco di Bologna il 7 dicembre, quando abbiamo riempito con 10mila persone una piazza in cui il centrosinistra non andava da quindici anni. Le Sardine hanno avuto il merito straordinario di riportare tanta gente a partecipare e di dimostrare che non solo Salvini riempie le piazze.

E adesso entrambi riempiranno quella di Bibbiano.

La strumentalizzazione su quella vicenda fatta dalla Lega in modo così indegno è una cosa che non si era mai vista nella storia repubblicana.

Non la strumentalizzano anche le Sardine?

Loro vanno a Bibbiano per dire l’esatto opposto: che c’è una comunità che non merita di essere messa all’indice a livello globale.

Borgonzoni è sicura di vincere.

Non decidono le nostre convinzioni, i selfie o i sondaggi. L’importante saranno i voti nelle urne e credo che per noi sarà una bella nottata.

Leggi anche:

Chi è Stefano Bonaccini

Tutte le notizie sulle elezioni in Emilia-Romagna | Guida al voto

Il programma di Bonaccini

Viaggio elettorale in Emilia-Romagna alla vigilia del voto che può cambiare l’Italia

Pizzarotti a TPI: “Il Pd dovrebbe sciogliersi, il mio impegno per un nuovo progressismo”

Emilia-Romagna, il politologo Pasquino a TPI: “Bonaccini senza carisma, Salvini ignorante, Borgonzoni incapace”

“Sono antifascista, alle Sardine ho chiesto un incontro ma hanno rifiutato”: parla il sindaco leghista di Ferrara

“Io sono Mattia: eravamo 6mila e ora siamo 200mila. Noi Sardine da tutt’Italia salveremo i giovani e sconfiggeremo l’odio di Salvini”

650
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.