Il caso dei camici forniti alla Lombardia dalla ditta della moglie di Fontana: aperta un’inchiesta

La procura ha aperto un'indagine, al momento senza indagati né ipotesi di reato, sulla commessa che vede coinvolta l'azienda della moglie e del cognato del governatore lombardo

Di Carmelo Leo
Pubblicato il 8 Giu. 2020 alle 19:06
890
Immagine di copertina
Attilio Fontana (Credits: Ansa)

Camici Lombardia forniti da ditta moglie Fontana, procura apre un’inchiesta

Non accenna a placarsi la polemica sul caso dei camici forniti alla Regione Lombardia dalla ditta controllata da Andrea e Roberta Dini, rispettivamente cognato e moglie del governatore Attilio Fontana, in piena emergenza Coronavirus: è notizia di oggi pomeriggio che la procura di Milano ha aperto un’inchiesta al momento senza ipotesi di reato né indagati, gestita dal procuratore aggiunto Maurizio Romanelli.

La vicenda, partita da un servizio di Report che andrà in onda stasera e anticipata da Il Fatto Quotidiano, ha al centro una fornitura di camici alla Regione Lombardia, per un valore di 513mila euro, da parte della ditta Dama SpA (riconducibile alla moglie e al cognato di Fontana), che ha ottenuto la commessa senza alcuna gara d’appalto. Nei giorni scorsi, però, Fontana ha negato di essere a conoscenza della procedura in questione (e ha annunciato di voler querelare Il Fatto) e il cognato, Andrea Dini, ha dichiarato che si tratta di una donazione e che i camici non sono stati dunque pagati.

I chiarimenti, però, non sono stati giudicati sufficienti dalle opposizioni, sia all’interno del Consiglio regionale della Lombardia, sia a livello nazionale. Il senatore di LeU Francesco Laforgia ha annunciato un’interrogazione urgente, mentre il presidente dell’Assemblea lombarda Alessandro Fermi ha formalizzato la richiesta al governatore affinché si presenti, nella seduta di domani, in Aula per riferire sulla vicenda. “I sottoscritti Consiglieri regionali chiedono che il Presidente della Giunta regionale voglia riferire all’Aula sull’effettivo svolgimento dei fatti e ci auguriamo fugare ogni ombra di dubbio sui fatti in oggetto o/e puntualizzare eventuali errori o inadempienze intervenute nel corso dei fatti in oggetto”, si legge nel documento, sottoscritto da Fabio Pizzul (Pd), Andrea Fiasconaro (M5S), Niccolò Carretta (Azione), Patrizia Baffi (Italia Viva) e Michele Usuelli (+Europa).

Leggi anche:

1. Azienda fallita ma licenziamenti vietati, il dramma degli esodati del Covid: “Noi, lavoratori sospesi, abbandonati dallo Stato” / 2. Test sierologici: il TAR della Lombardia annulla l’accordo tra il Policlinico San Matteo e Diasorin / 3. La mascherina al mare? L’immunologo Le Foche: “Non serve se c’è il rispetto delle distanze”

4. Isola di Ponza, arrivano le “Sentinelle del mare” per i controlli anti contagio Coronavirus / 5. Ragusa: “premio” di 1 euro per gli infermieri impegnati nell’emergenza Coronavirus / 6. Lombardia, i camici per i medici forniti dalla ditta della moglie di Fontana. Il caso

CORONAVIRUS ULTIME NOTIZIE: TUTTI I NUMERI

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO

890
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.