Covid ultime 24h
casi +12.415
deceduti +377
tamponi +211.078
terapie intensive -17

Coronavirus, ultime notizie dal mondo. Francia, Macron annuncia le prime riaperture. Russia, efficacia vaccino Sputnik V oltre 95%

Di Carmelo Leo
Pubblicato il 24 Nov. 2020 alle 06:29 Aggiornato il 24 Nov. 2020 alle 21:26
0
Immagine di copertina

Coronavirus, ultime notizie dal mondo: tutte le news in tempo reale

CORONAVIRUS, ULTIME NOTIZIE DAL MONDO – Sono oltre 58 milioni i casi di Coronavirus (Covid 19) accertati finora nel mondo, a fronte di più di 1,3 milioni di morti. Qui le ultime notizie sul Covid in Italia. Di seguito le notizie dal mondo sul Coronavirus di oggi, martedì 24 novembre 2020, aggiornate in tempo reale.

Ore 21,00 – Macron annunciale nuove misure in Francia – Il picco dei contagi della seconda ondata della pandemia “è ormai superato” ma la situazione resta grave in Francia, che oggi ha superato i 50 mila decessi dall’inizio dell’emergenza. Il presidente della Repubblica ha mantenuto la promessa di cominciare ad allentare la pressione delle misure restrittive da questo sabato, ma resta prudente: se le cose andranno ancora bene, ci saranno ulteriori aperture il 15 dicembre ma è dal 20 gennaio che, se si sarà riusciti a mantenere il controllo della situazione, si tornerà a una vita quasi normale. “Da sabato 28 novembre – ha detto Macron – continueremo con le regole che ci hanno permesso di arrivare ai risultati positivi, e continueremo a dover rinunciare a una parte della nostra attività. Sarà però possibile uscire per una passeggiata o per fare sport e saranno consentiti gli spostamenti fino a 20 km da casa, e molti negozi potranno riaprire fino alle 21”.

Se librerie, negozi di dischi e biblioteche saranno di nuovo disponibili, cinema e teatri dovranno aspettare il 15 dicembre per tornare a programmare un’attività. Da quella data, “ci sarà un coprifuoco notturno dalle 21 alle 7 del mattino, ma con l’eccezione del 24 e del 31 dicembre, quando si potrà festeggiare il Natale e il Capodanno con i propri cari, sempre facendo molta attenzione a non essere in troppi e a tenere la mascherina in presenza di persone vulnerabili e degli amici con cui non si vive”. In quelle due serate, saranno solo vietati gli assembramenti nelle strade e le stazioni sciistiche resteranno chiuse. La terza scadenza fissata dal presidente è al 20 gennaio: se a quella data le cose andranno bene, e si sarà riusciti a superare indenni le feste natalizie, si potranno riaprire anche i ristoranti e le palestre. Esprimendo comprensione per le difficoltà degli operatori di questi settori, Macron ha promesso ulteriori aiuti, “anche se sappiamo bene che quello che volete è tornare a lavorare e a una vita normale. Speriamo di arrivarci il 20 gennaio”, ha detto il capo dello Stato. Quanto alla strategia di “test, tracciamento, trattamenti”, verrà resa più efficace e in particolare si punta a test rapidi molto diffusi. Una campagna di vaccini non obbligatori partirà poi fra la fine di dicembre e l’inizio dell’anno prossimo.

Ore 16,00 – Ippolito: “Ok Fda a vaccino Moderna l’11 dicembre” – “Credo che l’11 dicembre la Food and Drug Administration darà il via libera al vaccino” messo a punto da Moderna. Lo dichiara all’Agi il direttore scientifico dell’ospedale Spallanzani di Roma. “Sono convinto che i dati li hanno già ricevuti e, quindi, penso che per quella data si chiuderà” la pratica.

Ore 15,30 – Austria: no a richiesta Italia su chiusura impianti sci – L’Austria dice no alla richiesta dell’Italia di chiudere gli impianti sciistici a causa della pandemia di Covid-19. “Non otterremo nulla dalla richiesta avanzata dall’Italia di tenere chiusi i nostri impianti di risalita” ha detto la ministra del Turismo, Elisabeth Koestinger. “Le vacanze invernali in Austria saranno sicure, le nostre aziende dispongono già di concetti di sicurezza completi per le vacanze sugli sci”. Il ministro delle Finanze, Gernot Bluemel, invece, ha affermato: “Se l’Unione Europea vuole veramente pesare alle restrizioni per la stagione sciistica, dovrà assicurare l’80 per cento dei proventi, in linea con quanto prevede lo Stato austriaco in termini di risarcimento agli esercizi commerciali chiusi”.

Ore 14.47 – Giappone supera la soglia dei 2mila decessi – Il Giappone ha superato la soglia dei 2mila morti (2.002) per Covid-19, dopo aver registrato otto nuovi decessi nelle ultime 24 ore. Lo ha annunciato il ministero della Salute aggiornando a 134.639 il bilancio totale dei casi, con 1.522 nuovi contagi diagnosticati ieri. Sullo sfondo dell’incremento delle infezioni, il governo giapponese sta valutando di sospendere parzialmente la sua campagna per incoraggiare i viaggi nazionali. I governatori delle prefetture di Hokkaido e Osaka hanno concordato sulla sospensione di sconti per le prenotazioni di viaggio nelle città di Sapporo e Osaka, dove si sta assistendo a un rapido aumento dei casi: Tokyo ha registrato nelle ultime 24 ore 314 nuovi contagi, mentre le due città in questione rispettivamente 281 e 206.

Ore 13.11 – Nuovo record di morti in Russia, 491 in 24 ore – Il numero di decessi legati al Coronavirus in Russia è aumentato di 491 nelle ultime 24 ore, stabilendo un nuovo record giornaliero dall’inizio della pandemia. Lo certificano i dati pubblicati dal centro nazionale anti-Coronavirus. In totale 37.031 persone sono morte a causa del COVID-19. Le nuove infezioni sono invece aumentate di 24.326 casi, arrivando a quota 2.138.828. Il numero di nuovi casi giornalieri e’ stato superiore a 24.000 per cinque giorni di fila. Secondo il centro di crisi, il tasso di crescita del Coronavirus è rimasto pari o inferiore all’1,2% per quattro giorni. Lo riporta la Tass.

Ore 11.46 – Laender tedeschi, Natale con massimo 10 persone – I ministri-presidenti dei Laender tedeschi hanno trovato un accordo per le misure di contenimento per Natale e Capodanno: dal 23 dicembre al primo gennaio sarà possibile ritrovarsi con altri nuclei familiari o altri singoli per un massimo di 10 persone, mentre si invitano tutti i cittadini ad una quarantena preventiva auto-imposta prima delle festività. Lo riferisce Dpa, dopo aver preso visione di una bozza del documento che sarà discusso mercoledì in riunione con la cancelliera Angela Merkel.

Ore 10.30 – Spagna, a Natale limite di 6 persone – Il governo spagnolo ha proposto di limitare a sei persone le riunioni familiari e sociali che durante le vacanze di Natale e un coprifuoco dall’1 alle 6 il 24 e il 31 dicembre. Lo riporta El Pais. Nella bozza del documento  del ministero della Sanità si legge inoltre che per gli incontri familiari si raccomanda di limitare la partecipazione ai conviventi.

Ore 09.45 – Russia, efficacia vaccino Sputnik V oltre 95% – Il vaccino russo Sputnik V ha superato il 95% di efficacia, dopo il secondo richiamo, raggiungendo lo stesso livello dei vaccini sviluppati da Pfizer e Moderna e superando quello di AstraZeneca. Lo ha annunciato con un comunicato il Fondo di investimenti diretti russo (Rdif), che finanzia la ricerca portata avanti dall’Istituto Gamaleya. “I dati preliminari sui volontari, 42 giorni dopo la prima iniezione (vale a dire 21 giorni dopo il secondo richiamo), mostrano un’efficacia superiore al 95%”, si legge nella nota. Su 14 mila volontari a cui è stato somministrato il vaccino, otto hanno contratto il Covid. Al 28esimo giorno dalla prima iniezione, avevano fatto sapere le autorità russe nei giorni scorsi, l’efficacia del vaccino era del 91,4%. La comunità scientifica aveva sollevato dubbi sui dati russi, anche perché basati su un campione troppo esiguo di volontari.

Ore 06.30 – Usa: via libera al Regeneron, da oggi le prime 30mila dosi – La terapia anticorpi Regeneron, utilizzata per curare Donald Trump e diventata nota dopo la guarigione lampo del presidente, sarà disponibile da oggi negli Stati Uniti con le prime 30 mila dosi. Lo ha annunciato il segretario alla Sanità, Alex Azar. La terapia ha ottenuto il via libera dalla Food and Drug Administration per essere utilizzata in pazienti dai 12 anni in su che mostrano moderati sintomi del Covid.

Ore 06.00 – Austria, test di massa 19-20 dicembre, “salvare il Natale” – In Austria il test di massa alla ricerca dei positivi asintomatici al Coronavirus molto probabilmente inizierà il 19 e 20 dicembre perché, come sostiene il governo, è necessario “salvare il Natale”. È quanto stato deciso questa sera nel corso di una videoconferenza al quale hanno preso parte, tra gli altri, il cancelliere Sebastian Kurz (OeVP), il ministro della Salute, Rudolf Anschober (Verdi), il ministro dell’Istruzione, Heinz Fassmann (OeVO), il ministro della Difesa, Klaudia Tanner (OeVP), i governatori dei singoli Laender e i rappresentanti delle forze armate. In Austria, dove il contagio è sempre molto alto, fino al 6 dicembre è in vigore un ‘duro lockdown’. Il comparto istruzione, ovvero gli insegnanti, si sottoporranno al test il 5 e 6 dicembre in modo da poter riaprire  le scuole il giorno 7. Seguiranno le forze dell’ordine. Per quanto concerne lo screening di massa, le forze armate dovrebbero occuparsi della logistica. I soldati austriaci hanno collaborato durante i test sulla popolazione in Slovacchia e lo scorso fine settimana in Alto Adige erano osservatori della vasta campagna di tamponi.

CORONAVIRUS, ULTIME NOTIZIE DAL MONDO: COSA È SUCCESSO IERI

I numeri in Francia continuano a calare, 13 mila casi – Calano in Francia, per il sesto giorno consecutivo, i pazienti affetti da Covid-19 ricoverati in unità di terapia intensiva, secondo gli ultimi dati ufficiali diffusi che confermano il miglioramento della situazione ospedaliera. La Francia ha registrato 13.157 nuovi casi di coronavirus nelle ultime 24 ore (17.881 ieri e 22.882 due giorni fa). Il numero totale dei contagi è di 2,14 miliardi. Nell’ultimo giorno sono stati segnalati 215 decessi, (ieri erano stati 276 e 386 il giorno prima), per un totale di 48.732 decessi causati nel Paese dalla pandemia. Gli ospedali francesi hanno ricoverato 31.522 pazienti con Covid-19, con 4.491 in unità di terapia intensiva. Pur trattandosi di una riduzione minima rispetto ai 4.493 di ieri, è il sesto giorno consecutivo in cui il parametro cala. Allo stesso modo continua il calo del tasso di positività, che oggi è stato del 14%, dal 14,8% di ieri.

Covid, il vaccino Oxford/Astrazeneca ha un’efficacia media del 70% – Un tipo di dosaggio è risultato efficace al 90 per cento e un altro al 62 per cento, per questo la società farmaceutica ha calcolato una media di efficacia al 70 per cento. Qui la notizia completa.

Germania, 10.864 nuovi casi in 24 ore – La Germania ha registrato nelle ultime 24 ore 10.864 nuovi casi di coronavirus, un dato parziale dal momento che nel fine settimana non tutti i Lander comunicano i dati. Lo riferisce il Robert Koch Institut. In totale la Germania ha registrato 929.133 contagi e 14.112 decessi legati al Covid. Le persone guarite sono 618.800 mentre altri 296.200 casi restano attivi. L’incidenza è pari a 140,7 casi ogni 100 mila abitanti.

Germania prevede avvio vaccinazioni a metà dicembre – Il governo tedesco prevede di avviare la campagna di vaccinazioni contro il Coronavirus a metà dicembre. Lo ha dichiarato il ministro della Salute, Jens Spahn, in un’intervista a Rnd. “C’è ragione di essere ottimisti sull’approvazione di un vaccino in Europa quest’anno, cosi’ possiamo poi avviare la vaccinazione immediatamente”, ha detto Spahn, “ho chiesto che i lander abbiano i centri vaccinali pronti a essere operativi per metà dicembre. Credo che funzionerà”. Spahn non si sbilancia sul tempo che reputa necessario a vaccinare l’intera popolazione. “Ad ogni modo molti potenziali vaccini non richiedono un’intensa refrigerazione. Possono essere somministrati nello studio del medico di base, quindi si farà presto”. Se tutto andrà come previsto, prosegue il ministro, la Germania riceverà oltre 300 milioni di dosi del vaccino.

Leggi anche: 1. Stretta sul Natale: governo verso limiti a spostamenti, no a vacanze sugli sci e veglioni / 2. Bologna, studenti Erasmus organizzano festino in casa: i vicini chiamano la polizia / 3. Beppe Sala attacca Regione Lombardia: “Sulla sanità, è tutto da rifare”

4. Covid, il vaccino Oxford/Astrazeneca ha un’efficacia media del 70% / 5. Vaccino anti-Covid, la lettera di Crisanti: “Ho espresso un concetto di buon senso, contro di me un inferno mediatico senza precedenti” / 6. “In Puglia rischiamo una nuova Bergamo, dovremo scegliere chi intubare”: parla il presidente dei rianimatori

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO

CORONAVIRUS ULTIME NOTIZIE: TUTTI I NUMERI

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.