Covid ultime 24h
casi +10.593
deceduti +541
tamponi +257.034
terapie intensive -49

Vaccino anti-Covid, la lettera di Crisanti: “Ho espresso un concetto di buon senso, contro di me un inferno mediatico senza precedenti”

Il professore di Microbiologia dell'università di Padova torna sulle sue parole a proposito del vaccino anti Covid in una lettera inviata al Corriere

Di Anna Ditta
Pubblicato il 23 Nov. 2020 alle 10:51 Aggiornato il 23 Nov. 2020 alle 13:17
242
Immagine di copertina
Il microbiologo Andrea Crisanti. Credit: Ansa

Il professor Andrea Crisanti, ordinario di Microbiologia e direttore del Dipartimento di Medicina molecolare presso l’Università di Padova, è tornato sulla questione del vaccino anti Covid in una lettera inviata al Corriere della SeraLo scienziato nei giorni scorsi era finito al centro di una polemica per aver affermato che a gennaio non farebbe il vaccino contro il Coronavirus (qui l’intervista di TPI a Crisanti).

“Ho affermato che non lo avrei fatto fino a che i dati di efficacia e sicurezza non fossero stati messi a disposizione sia della comunità scientifica sia delle autorità che ne regolano la distribuzione”, scrive il microbiologo, che rivendica: “Ho formulato un concetto di buon senso che non esprimeva alcun giudizio negativo sulla bontà del vaccino né tantomeno metteva in discussione la validità della vaccinazione come il mezzo più efficace per prevenire la diffusione delle malattie trasmissibili”.

Andrea Crisanti critica le “aziende produttrici” del vaccino anti Covid, che “invece di condividere i dati con la comunità scientifica, hanno privilegiato una comunicazione basata su proclami non sostanziati da evidenze”. Scrive Crisanti: “La notizia che dirigenti delle due aziende produttrici abbiano esercitato il loro diritto, ne sono certo legittimo, a vendere le azioni per sfruttare i vantaggi legati al rialzo di prezzo non ha contribuito a generare un sentimento di fiducia”.

Il professore dell’università di Padova aggiunge: “A poche ore dalla mia intervista si è scatenato un inferno mediatico senza precedenti, illustri colleghi in coro hanno fatto a gara per censurare le mie parole definite irresponsabili. Secondo alcuni avrei addirittura messo in pericolo la sicurezza nazionale!”. Poi passa al contrattacco: “Tra gli indignati si annoverano alcuni che durante l’estate ci hanno raccontato che le evidenze cliniche portavano a pensare che la crisi sanitaria fosse superata e che il virus fosse meno contagioso (…) Altri sono autorevoli membri del comitato tecnico scientifico a cui l’Italia si è affidata fiduciosa per prevenire una possibile seconda ondata, tutelare le attività commerciali, favorire la ripresa produttiva e garantire le attività didattiche. Lascio agli italiani e agli storici il giudizio sul loro operato. Sono ormai settimane che si registrano più di 35.000 casi di infezione e circa 700 morti al giorno”.

“La mia dichiarazione sul vaccino pronunciata con schiettezza ha toccato un nervo scoperto”, conclude Crisanti. “A questo punto tutte le speranze sono riposte nel vaccino come la pioggia per un popolo assetato nel deserto. Questo non giustifica la demonizzazione di chi possa avere dubbi, di chi chiede spiegazioni e di chi chiede trasparenza. Continuare su questa strada è il modo migliore per alimentari sospetti e fornire argomenti a chi si oppone all’uso dei vaccini”.

Leggi anche: 1. Covid, il vaccino Oxford/Astrazeneca ha un’efficacia media del 70% /2. Crisanti a TPI: “A mettere in dubbio il vaccino è il Ceo di Pfizer che vende le sue azioni, non io”

3.  “In Puglia rischiamo una nuova Bergamo, dovremo scegliere chi intubare”: parla il presidente dei rianimatori / 4. Esclusivo TPI. Tutti chiusi in casa, ma non l’ordine dei medici di Roma. La denuncia: “Ci sono le elezioni e il presidente vuole far votare 43mila colleghi in presenza”

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO

CORONAVIRUS ULTIME NOTIZIE: TUTTI I NUMERI

242
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.