Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 12:10
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Beppe Sala attacca Regione Lombardia: “Sulla sanità, è tutto da rifare”

Immagine di copertina

Il Sindaco di Milano lancia l'idea di una riforma radicale che smonti il modello del centrodestra, il quale risponde con un'iniziativa sulla ricostruzione della città che vede tra i partecipanti l'ex primo cittadino Gabriele Albertini e Stefano Parisi, candidato sconfitto nel 2016

Nella lunga partita a scacchi che precede il vero e proprio lancio della campagna elettorale per l’elezioni comunali del 2021, a Milano si registra un botta e risposta tra i due schieramenti principali. Beppe Sala attacca Regione Lombardia sul tema della Sanità, un fronte divenuto caldissimo a causa del Covid-19 e sul quale, come spiega lo stesso Sindaco, “ho molto limitato la mia critica, perché ci sono momenti in cui è più importante stare vicini alla comunità, tutta, il quotidiano ancora ci preoccupa, ma è tempo di guardare al futuro”.

E il fendente del primo cittadino non è certo timido: “Dai medici di base ai rapporti con i privati qui è tutto da rifare. Sono sotto gli occhi di ciascuno le carenze e le difficoltà manifestate dalla sanità, soprattutto territoriale, in questi drammatici mesi in Lombardia. Da ultimo con la vicenda dei vaccini antinfluenzali”, dice in un’intervista a Repubblica.

Sala spiega inoltre di aver ideato col Pd una proposta di riforma che comprende “l’istituzione di un’Agenzia per il governo della sanità nella quale devono essere chiare responsabilità e competenze di ogni attore del nostro sistema sanitario”. Dal suo punto di vista, “va riequilibrato il rapporto e va introdotto un sistema di rimborsi al privato che non si basi solo sulla fatturazione della singola prestazione, ma che tenga conto del risultato dell’intero percorso di cura” e “serve garantire la continuità dell’assistenza del paziente lungo tutto il percorso medico. Sarà una rivoluzione e, ovviamente con la giusta progressività”.

Se sul fronte del centrodestra ancora non si intravede la designazione del candidato sindaco che dovrà sfidare Sala, pare significativa l’annuncio di un convegno sugli stessi temi, il prossimo sabato. “Ricostruire Milano”, questo il nome dell’incontro che si svolgerà su Zoom, vedrà la presenza dell’ex sindaco Gabriele Albertini (che alcuni hanno indicato tra i papabili per una clamorosa ricandidatura, nonostante le sue smentite) e del candidato del 2016, Stefano Parisi, insieme all’ex ministro e presidente del Senato Carlo Scognamiglio. A promuovere l’iniziativa sono il docente della Bocconi Edoardo Croci, ambientalista, il consigliere comunale Matteo Forte (Milano Popolare) e Maurizio Petrò, dirigente di Energie Per l’Italia.

All’ordine del giorno ci sono le proposte per il prossimo futuro: “Far ripartire Milano dopo la pandemia richiede di ripensare in modo innovativo spazi, servizi e modalità di interazione sociale. Richiede di affrontare i nodi che la politica ha eluso per creare le condizioni per una nuova fase di sviluppo che crei opportunità per tutti e liberi energie oggi soffocate dal crescente statalismo e assistenzialismo.

Richiede di rilanciare la vocazione internazionale di Milano e il suo dinamismo imprenditoriale e culturale. Le elezioni comunali del 2021 rappresentano l’occasione per far convergere le forze sane e vitali della società su un nuovo progetto di sviluppo”, si legge nella presentazione dell’evento, al quale interverranno anche Simone Crolla (Presidente de L’Italia in movimento), Regina De Albertis (Presidente dei Giovani ANCE) e Lino Stoppani (Vicepresidente Confcommercio e Presidente FIP).

Leggi anche: 1. Crisanti a TPI: “A mettere in dubbio il vaccino è il Ceo di Pfizer che vende le sue azioni, non io”; // 2. Esclusivo TPI. La notte dei tamponi che imbarazza la sanità campana: in quella RSA test ogni due minuti senza cambiare guanti fatti dal medico indagato; // 3. Esclusivo TPI. Tutti chiusi in casa, ma non l’ordine dei medici di Roma. La denuncia: “Ci sono le elezioni e il presidente vuole far votare 43mila colleghi in presenza”

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO

CORONAVIRUS ULTIME NOTIZIE: TUTTI I NUMERI

Ti potrebbe interessare
Cultura / Quando Pennacchi mi disse: "Io non sono di destra, sono i fascisti che stavano a sinistra" (di C. Sabelli Fioretti)
Politica / Salvini ha presentato quasi mille emendamenti per fermare il Green Pass
Politica / Draghi non ha cancellato alcun segreto di Stato: ecco perché non vedremo mai i documenti scottanti NATO su Gladio e P2
Ti potrebbe interessare
Cultura / Quando Pennacchi mi disse: "Io non sono di destra, sono i fascisti che stavano a sinistra" (di C. Sabelli Fioretti)
Politica / Salvini ha presentato quasi mille emendamenti per fermare il Green Pass
Politica / Draghi non ha cancellato alcun segreto di Stato: ecco perché non vedremo mai i documenti scottanti NATO su Gladio e P2
Politica / La sindrome di Draghi nella Lega: Giorgetti è il leader parallelo che segue Mario
Politica / La Camera approva la riforma del processo penale: 396 sì
Politica / Nasce "Italia Domani", il sito per monitorare opere e costi del Pnrr
Politica / Viminale: elezioni amministrative il 3 e 4 ottobre
Politica / Dal fratello di Maradona al compagno della Carrà: quei vip candidati alle elezioni comunali
Politica / Draghi, Renzi, Di Maio: le tre spine per Conte nuovo leader M5S
Politica / Ddl Zan, il piano di Renzi e Salvini per farlo approvare subito (ma alle loro condizioni)