Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 21:55
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Sparatoria Napoli, Salvini: “Nessuna tregua contro camorristi e criminali”

Immagine di copertina

“Complimenti a forze dell’ordine, inquirenti e magistratura per la cattura del delinquente che ha sparato alla piccola Noemi. Nessuna tregua contro camorristi e criminali, lo Stato e i napoletani vinceranno la sfida. Lo stato risponde con i fatti e non con le parole”.

Chi è Armando del Re, il presunto responsabile della sparatoria di Napoli

Il ministro dell’Interno Matteo Salvini ha commentato così la notizia dell’arresto del presunto responsabile della sparatoria avvenuta il 3 maggio in piazza Nazionale, a Napoli.

Il capo del Viminale ha anche colto l’occasione per annunciare che sarà a Napoli per il Comitato per l’ordine e la sicurezza pubblica.

Napoli: chi è il presunto responsabile della sparatoria in pieno centro

L’arresto – I fratelli Armando e Antonio Del Re sono stati fermati nella mattina del 10 maggio con l’accusa di essere i responsabili della sparatoria avvenuta il 3 maggio in piazza Nazionale, in pieno centro di Napoli.

Sparatoria a Napoli: arrestato il presunto responsabile

Il procuratore di Napoli, parlando in conferenza stampa, ha specificato che Armando Del Re è accusato di aver aperto il fuoco contro il pregiudicato Salvatore Nurcaro, vero obiettivo della sparatoria, e di aver ferito una bambina di 4 anni e la nonna.

Sparatoria Napoli: stabili le condizioni di Noemi, la bambina ferita

Il fratello invece è stato fermato perché avrebbe offerto protezione e aiutato ad organizzare l’attacco.

Sparatoria Napoli, identificato l’uomo che ha sparato a Noemi | VIDEO

Salvini a Napoli – Il 6 maggio il ministro degli Interni si era recato all’ospedale Santobono per far visita a Noemi.

“Prometto alla famiglia della piccola e a tutti i cittadini che non avrò pace finché i responsabili non saranno arrestati, processati, condannati e sbattuti in galera per il resto dei loro giorni”, era stato il primo commento rilasciato dal vicepremier subito dopo la sparatoria.

Salvini aveva anche specificato che “Solo nell’ultimo anno a Napoli sono arrivati 137 poliziotti in più”, promettendo un potenziamento di 592 unità di forze dell’ordine.

L’applauso dei capi di Stato per Noemi

Fico a Salvini: “Bisogna agire subito per la città”

Ti potrebbe interessare
Cronaca / 3.797 nuovi casi e 52 morti nell'ultimo giorno: tasso di positività all'1,4%
Cronaca / Trovato morto Giacomo Sartori, il 29enne scomparso una settimana fa a Milano
Cronaca / A chi esulta per Dell’Utri do una notizia: non è stato assolto dalle condanne precedenti
Ti potrebbe interessare
Cronaca / 3.797 nuovi casi e 52 morti nell'ultimo giorno: tasso di positività all'1,4%
Cronaca / Trovato morto Giacomo Sartori, il 29enne scomparso una settimana fa a Milano
Cronaca / A chi esulta per Dell’Utri do una notizia: non è stato assolto dalle condanne precedenti
Cronaca / Rilasciato l’ex presidente catalano Puigdemont: era stato arrestato in Sardegna
Cronaca / È arrivato il numero 2 del settimanale di The Post Internazionale. Da oggi potete acquistare la copia digitale
Cronaca / 4.061 nuovi casi e 63 morti nell'ultimo giorno: tasso di positività all'1,3%
Cronaca / Draghi all’assemblea di Confindustria: “Il green pass è strumento di libertà, no a nuove tasse”
Cronaca / DIG Festival 2021: il giornalismo investigativo a Modena dal 30 settembre al 3 ottobre
Cronaca / Milano, 30enne scomparso da 5 giorni: sparito dopo il furto del suo zaino
Cronaca / 3.970 nuovi casi e 67 morti nell'ultimo giorno: tasso di positività all'1,3%