Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 06:05
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Chi è Armando del Re, il presunto responsabile della sparatoria di Napoli

Immagine di copertina

Armando del Re chi è – Dopo una settimana le forze dell’ordine il 10 maggio hanno fermato il presunto responsabile della sparatoria avvenuta a Napoli, in piazza Nazionale, in cui sono rimaste ferite tre persone: il pregiudicato Salvatore Nurcaro, una bambina di 4 anni e la nonna.

Sparatoria a Napoli: fermato il presunto responsabile

Napoli: chi è il responsabile della sparatoria in pieno centro

Secondo gli inquirenti, ad aver esploso i quattro colpi di pistola è stato Armando del Re. L’uomo è originario del quartiere delle Case Nuove, zona poco distante da piazza Nazionale dove la sparatoria ha avuto luogo.

Parente di Vincenzo del Re, arrestato 2011 a Secondigliano con l’accusa di traffico di droga e considerato uno degli esponenti di spicco del clan Di Lauro, Armando del Re è stato rintracciato e fermato dalle forze dell’ordine quando era già arrivato in provincia di Siena. Del Re aveva lasciato Napoli e aveva cercato di sfuggire alla giustizia.

L’accusa a suo carico è di triplice tentato omicidio: i colpi da lui esplosi in piazza Nazionale hanno raggiunto una bambina di 4 anni, la nonna e il vero obiettivo, Salvatore Nurcaro.

Vestito di nero e con il volto coperto da un casco, del Re ha aperto il fuoco in piazza Nazionale a Napoli e in pieno giorno.

Le forze dell’ordine hanno arrestato anche Antonio del Re, fratello di Armado, dopo averlo fermato a Nola. L’accusa è di aver dato protezione al presunto responsabile e di averlo aiutato a fuggire.

Fondamentali per la riuscita dell’arresto e l’individuazione dei fermati sono state i filmati delle telecamere di videosorveglianza.

Sparatoria Napoli, identificato l’uomo che ha sparato a Noemi | VIDEO

La bambina ferita – Nella sparatoria che si è verificata il 3 maggio nel centro di Napoli è rimasta gravemente ferita anche una bambina di 4 anni, Noemi, che si trovava in piazza Nazionale con la nonna quando Del Re ha aperto il fuoco.

La piccola è stata ricoverata in condizioni critiche anche se secondo l’ultimo bollettino medico pubblicato il 9 maggio, vi è un “lieve e graduale miglioramento della funzione respiratoria” di Noemi. (Qui le ultime news sulle condizioni di Noemi)

Salvini: “Nessuna tregua contro camorristi e criminali”

Ti potrebbe interessare
Cronaca / In centinaia in piazza per Musta, ucciso dall'assessore leghista Adriatici
Cronaca / Vaccini, l'appello di Vito Dell'Aquila: "Fatelo tutti"
Cronaca / 5 morti e 5.140 casi nell'ultimo giorno: crescono ricoveri e terapie intensive
Ti potrebbe interessare
Cronaca / In centinaia in piazza per Musta, ucciso dall'assessore leghista Adriatici
Cronaca / Vaccini, l'appello di Vito Dell'Aquila: "Fatelo tutti"
Cronaca / 5 morti e 5.140 casi nell'ultimo giorno: crescono ricoveri e terapie intensive
Cronaca / Voghera, convalidati arresti domiciliari per Adriatici, trasferito in un luogo segreto
Cronaca / Sbarchi senza sosta a Lampedusa, oltre 1.400 migranti arrivati in 3 giorni
Cronaca / Voghera, spunta un testimone: "L'assessore ha preso la mira e sparato"
Cronaca / Nelle chat dei vigili di Roma il Green Pass paragonato al nazismo: "Non faremo multe"
Cronaca / “Basta dittatura, libertà!”: manifestazioni in tutta Italia contro le nuove regole sui vaccini
Cronaca / Francia, 160mila in piazza per protestare contro il Green pass
Cronaca / Aggiornamento vaccini anti-Covid: quante dosi sono state consegnate e somministrate in Italia | 24 luglio 2021