Covid ultime 24h
casi +11.629
deceduti +299
tamponi +216.211
terapie intensive +14

“Carabinieri venduti e giornalisti rompi****oni”: gli insulti di Anastasiya in un’intercettazione telefonica

Le frasi sono state estrapolate nel corso di una conversazione telefonica con un'amica giudicata dagli inquirenti non rilevante ai fini dell'indagine per l'omicidio di Luca Sacchi

Di Niccolò Di Francesco
Pubblicato il 19 Dic. 2019 alle 13:47 Aggiornato il 19 Dic. 2019 alle 14:30
10
Immagine di copertina

Omicidio Luca Sacchi: gli insulti di Anastasiya ai carabinieri e ai giornalisti

Non solo gli insulti alla mamma e ai familiari di Luca Sacchi: in un’intercettazione telefonica, considerata non rilevante ai fini dell’indagine per l’omicidio del giovane personal trainer, Anastasiya ne ha anche per i carabinieri e i giornalisti.

L’intercettazione risale al 3 novembre, pochi giorni dopo l’omicidio del suo fidanzato, avvenuto il 23 ottobre, e vede protagonista Anastasiya (qui il suo profilo), la quale parla al telefono con una sua amica.

Omicidio Sacchi: in un’intercettazione Anastasiya rivolge una serie di insulti alla mamma di Luca

Durante la conversazione, svelata dal Corriere della Sera, la baby sitter di origine ucraina svela di essersi trasferita a Rocca Priora a causa dei “giornalisti rompicoglioni” che si trovano sotto l’abitazione della mamma e del patrigno, situata nel quartiere Appio Latino, a pochi metri da dove Luca Sacchi (qui il suo profilo) è stato assassinato.

“Stanno là sotto, attaccati al citofono…” afferma Anastasiya che poi si lamenta del fatto che nessuno può allontanare i reporter: “Finché stanno per strada non possono fa’ niente. Le classiche leggi di merda italiane, no”.

“Le parole di Anastasiya si commentano da sole”: la mamma di Luca Sacchi risponde agli insulti della babysitter

La ragazza, poi, rivela alla sua amica di sentirsi assediata: “Non ce la faccio a usci’, c’ho paura che me li trovo pure qua, che ne so… i carabinieri tanto so’ i primi venduti, che ne so, me geolocalizzano, capito, dicono… So’ stati loro a di’ tutto…”.

Omicidio Sacchi: le drammatiche immagini che precedono lo sparo | VIDEO

L’attenzione successivamente si sposta sui familiari di Luca. Anastasiya sembra essere quasi incredula del fatto che sia il papà che la mamma, alla quale rivolge poi una serie di insulti come già emerso nei giorni scorsi, ce l’abbiano con lei.

Secondo la giovane, inoltre, i genitori di Luca mentono sul fatto di conoscere sommariamente Giovanni Princi, amico del liceo di Luca e considerato dagli inquirenti come l’organizzatore della compravendita di droga che doveva esserci la sera in cui Luca è stato ucciso.

“Era di casa anche lui e alle volte si fermava a dormire lì” afferma Anastasiya.

Intanto, nella mattinata di giovedì 19 dicembre, il tribunale del Riesame ha respinto le istanze di attenuazione presentate dai difensori della giovane.

Per Anastasiya, dunque, è confermato l’obbligo di firma, così come è stata confermata la misura cautelare per Giovanni Princi.

Leggi anche:

Omicidio Sacchi, le dichiarazioni dell’amico testimone: “Anastasiya disse a Luca che era tutto a posto”

Omicidio Sacchi: cosa non torna nel racconto della fidanzata di Luca, la misteriosa ed enigmatica Anastasiya

Omicidio Sacchi, il mediatore di Del Grosso accusa Anastasiya: ha avuto un ruolo centrale nella compravendita della droga

“Andiamo a mangiare un panino”: Alfonso Sacchi rivela le parole di Giovanni Princi subito dopo la morte del figlio Luca | VIDEO

“Qui non è il Bronx”: viaggio nell’Appio Latino di Roma, che piomba nell’orrore dopo l’assassinio di Luca Sacchi

Anastasiya al gip: “Non sapevo dei 70mila euro nello zaino”

La fidanzata di Luca, Anastasiya, aggredisce i giornalisti | VIDEO

10
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.