Aumentano i focolai di Coronavirus nelle ditte di spedizione, le indicazioni dell’Iss per chi riceve i pacchi

Di Niccolò Di Francesco
Pubblicato il 11 Lug. 2020 alle 13:19
0
Immagine di copertina

Focolai di Coronavirus nelle ditte di spedizione: le indicazioni anti-contagio per chi riceve i pacchi

Diversi focolai di Coronavirus sono stati registrati nelle ditte di spedizione, gettando nel panico chi riceve quotidianamente pacchi e plichi: ecco perché l’Istituto Superiore di Sanità ha fornito delle indicazioni volte a evitare qualsiasi forma di contagio. Dopo i 140 positivi riscontrati presso la ditta di logistica Bartolini, a Bologna, un altro focolaio è stato riscontrato sempre a Bologna, ma questa volta nella ditta di spedizioni Tnt, dove finora sono stati registrati 29 casi di Covid-19. L’elevato numero di contagiati in questo settore ha fatto innalzare il livello di preoccupazione da parte di chi abitualmente riceve pacchi di ogni genere, servendosi dei servizi di spedizione.

Coronavirus, ecco quanto servono mascherina e distanziamento: il video-esperimento

Ma si può essere contagiati toccando un pacco? A tal proposito l’Oms non molto tempo fa aveva dichiarato che “Non ci sono evidenze scientifiche che il virus si possa diffondere attraverso i pacchi”. A fornire un ulteriore chiarimento a riguardo è ora l’Istituto Superiore di Sanità che ha sottolineato come al momento non siano noti casi di infezione da pacchi e che comunque il virus sul cartone non sopravvive a lungo. L’Iss, comunque, invita tutti coloro che maneggiano i pacchi a non collocarli sul letto o in cucina e a lavarsi immediatamente le mani una volta maneggiato il plico, che deve essere immediatamente buttato via.

Leggi anche: 1. Il Cdm approva il decreto Semplificazioni “salvo intese”: ecco cosa prevede / 2. Roma, positivo al Covid con tosse e febbre fermato alla stazione Termini. Aveva viaggiato per cinque giorni / 3. Test sierologici a docenti e bidelli o la scuola a settembre non riapre: ecco il piano del Cts

4. Bergamo, dopo 4 mesi la terapia intensiva è Covid-free: nessun paziente ricoverato / 5. Gli specializzandi non medici in prima linea contro il Covid: “Noi considerati camici di serie B” / 6. Giovani, risorse da sfruttare ma non stabilizzare. E anche dopo il Covid il Governo li ignora

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.