Coronavirus, sul sito del comune di Roma un’area per segnalare gli assembramenti di persone: ma è polemica

Di Carmelo Leo
Pubblicato il 27 Mar. 2020 alle 11:20 Aggiornato il 27 Mar. 2020 alle 11:24
162

Coronavirus Roma, sul sito Comune la funzione “segnala assembramento”

Il Comune di Roma ha deciso di contrastare l’emergenza Coronavirus anche implementando sul proprio sito internet una nuova sezione, denominata “Segnala un assembramento“, che in poche ore ha diviso i cittadini e scatenato fiumi di polemiche. Nelle scorse settimane la sindaca, Virginia Raggi, si è più volte scagliata contro tutti quei romani che non stanno rispettando le prescrizioni del governo e continuano a uscire anche in assenza degli ormai noti “comprovati motivi di necessità e urgenza”. E adesso l’iniziativa del Campidoglio si inserisce proprio nel tentativo di spingere il maggior numero di cittadini a rimanere a casa.

Da oggi, infatti, chiunque noti in strada un assembramento di persone, magari senza mascherina o che semplicemente non rispettano la distanza di sicurezza di almeno un metro, può segnalarlo al Comune di Roma. Basta infatti accedere all’area dedicata del sito. “Hai notato un assembramento?”, recita la sezione dedicata sul sito. “Puoi segnalarlo con il SUS, sistema unico di segnalazione di Roma Capitale”. Per poter portare a termine la segnalazione, è necessario accedere tramite SPID, CIE, CNS o con le credenziali rilasciate da Roma Capitale e poi compilare l’apposito modulo.

coronavirus roma segnala assembramento

In questo modo, dei moderatori del Comune analizzeranno le segnalazioni ed eventualmente allerteranno l’Autorità competente per la vigilanza. Tuttavia, sui social, montano le polemiche dei cittadini, che accusano Virginia Raggi di mettere le persone l’una contro l’altra. “Bentornati nell’epoca della caccia alle streghe”, scrive un’utente su Facebook a commento del post di Roma Capitale che informa del lancio dell’iniziativa. “Specificate che questa roba non è a nome dei cittadini romani. Non siamo così”, scrive un altro. Qualcuno, addirittura, si spinge più in là: “Mi ricorda i tempi bui del fascismo…”.

La sindaca, intervenuta stamattina ad Agorà su Rai 3, ha difeso l’iniziativa: “In questi giorni abbiamo ricevuto migliaia di segnalazioni su tanti canali diversi – ha dichiarato Raggi – e abbiamo solamente detto di convogliarle in un unico canale. Si tratta semplicemente di segnalare la presenza di persone, soprattutto nei parchi. Non è una delazione, convogliamo solo le informazioni in un unico spazio. Il rispetto delle regole da parte dei cittadini romani ha impedito che a Roma fosse necessario schierare l’esercito”.

Leggi anche:

1. ESCLUSIVO TPI: Una nota riservata dell’Iss rivela che il 2 marzo era stata chiesta la chiusura di Alzano Lombardo e Nembro. Cronaca di un’epidemia annunciata / 2. G7, Trump vuole chiamare il Coronavirus “virus di Wuhan”. Gli altri stati: “Inaccettabile” / 3. L’Italia dice no alla bozza Ue. Conte: “10 giorni per trovare una soluzione”

4. Armani converte la produzione di moda in camici per i medici  5. Al via il bando della Protezione Civile per una task force di 500 infermieri volontari / 6. Cambia nuovamente il modulo per l’autocertificazione: ecco il nuovo modello

7. La bufala del decreto intercettazioni approvato in piena emergenza Coronavirus che sta girando su Whatsapp / 8. Le rivelazioni dei medici dell’ospedale Villa Scassi a Genova: “Costretti a lasciar morire i pazienti” / 9. L’intervista impossibile al Coronavirus: tutte le domande che vorreste fare al Covid-19 (e le sue risposte)

TUTTE LE NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO

162
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.