Covid ultime 24h
casi +10.593
deceduti +541
tamponi +257.034
terapie intensive -49

Coronavirus, a Napoli due pazienti gravi migliorano grazie a un farmaco anti-artrite

Di Carmelo Leo
Pubblicato il 9 Mar. 2020 alle 08:07 Aggiornato il 9 Mar. 2020 alle 13:39
1.9k

Coronavirus, farmaco anti-artrite dà speranza: migliorati due pazienti gravi

Mentre gli ultimi dati sull’epidemia da Coronavirus in Italia parlano di 366 morti e 6.387 contagiati, da Napoli arriva una notizia che dà un po’ più di speranza nella lotta contro il Covid-19: pare che un farmaco anti-artrite si stia dimostrando efficace nella cura. Negli ultimi giorni, infatti, il farmaco in questione è stato somministrato a due pazienti ricoverati all’ospedale Cotugno, che presentavano sintomi gravi di polmonite: secondo una nota dell’Azienda ospedaliera dei Colli, “già a distanza di 24 ore dall’infusione sono stati evidenziati incoraggianti miglioramenti soprattutto in uno dei due pazienti, che al suo arrivo in ospedale presentava un quadro particolarmente critico”.

Il farmaco anti-artrite reumatoide utilizzato a Napoli è il Tocilizumab, che viene utilizzato anche per il trattamento della sindrome da rilascio citochimica dopo trattamento con le cellule Car-T. Il suo utilizzo contro il Coronavirus è avvenuto per la prima volta, nelle scorse settimane, in Cina (epicentro dell’epidemia). I buoni risultati registrati a Pechino e la collaborazione dei medici cinesi con l’Azienda ospedaliera dei Colli e l’Istituto dei tumori di Napoli hanno fatto sì che il farmaco venisse sperimentato anche nel nostro Paese, con risultati finora considerati incoraggianti.

Ovviamente, è ancora presto per dire che il Tocilizumab sia utile nel trattamento generico di tutti i casi da Coronavirus, ma in un periodo in cui l’Italia si ritrova in quarantena e con l’umore sotto ai tacchi, di sicuro quella di Napoli è una notizia che fa ben sperare. “Nell’esperienza cinese – spiegano dall’Azienda ospedaliera dei Colli – sono stati 21 i pazienti trattati che hanno mostrato un miglioramento importante già nelle prime 24-48 ore dal trattamento, che avviene in un’unica soluzione e che agisce senza interferire con il protocollo terapeutico a base di farmaci antivirali utilizzati. Qui in Italia hanno risposto subito i due pazienti napoletani. La speranza è che la sperimentazione possa risultare efficace anche sugli altri pazienti italiani“.

Leggi anche:

1. Il testo integrale del decreto che “chiude” la Lombardia e altre 14 province / 2. Terapie intensive al collasso: “Rischio calamità sanitaria”/ 3. Stanno finendo i posti in terapia intensiva: tutti i dati della catastrofe sanitaria

4. Nuovo decreto Coronavirus, Lombardia e 14 province chiuse: 16 milioni di italiani in quarantena. Cosa è vietato fare da oggi nelle zone rosse (e nel resto d’Italia) / 5. Coronavirus, l’esperto: “L’epidemia non finirà quest’anno” / 6.Il Coronavirus “cancella” la Festa donna: tutti gli eventi annullati

7. Coronavirus, Giro d’Italia e Euro 2020: gli eventi sportivi a rischio stop (e quelli già cancellati) / 8. Coronavirus, il grande esodo degli incoscienti: centinaia di persone in fuga dalla Lombardia nonostante l’invito a restare a casa. Video reportage da Milano Centrale / 9. Coronavirus, i governatori del Sud Italia minacciano l’arresto per chi scappa dalle zone rosse

TUTTE LE NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO

1.9k
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.