Covid ultime 24h
casi +19.350
deceduti +785
tamponi +182.100
terapie intensive -81

Coronavirus in Italia, ultime notizie. Bollettino: oggi 142 nuovi casi e 23 morti. Attualmente positivi scendono sotto quota 16mila

Le ultime notizie sul Covid-19 nel nostro paese

Di Anton Filippo Ferrari
Pubblicato il 30 Giu. 2020 alle 06:22 Aggiornato il 30 Giu. 2020 alle 19:57
17
Immagine di copertina
Luigi Di Maio e Vito Crimi. Credit: Ansa

Coronavirus in Italia, le ultime notizie

CORONAVIRUS ITALIA ULTIME NOTIZIE – È di 15.563 persone attualmente positive, 34.767 morti e 190.248 guariti, per un totale di 240.578 casi, il bilancio relativo all’epidemia di Coronavirus in Italia. Qui le ultime notizie sul Covid-19 nel mondo. Di seguito le ultime notizie dall’Italia sul Coronavirus di oggi, martedì 30 giugno 2020, aggiornate in tempo reale.

Ore 20,00 – Mondragone zona rossa fino al 7 luglio – Tutte le misure di prevenzione e contenimento di possibile contagio nell’area delimitata dagli ex palazzi Cirio di Mondragone, saranno prorogate ulteriormente fino al 7 luglio prossimo. Lo stabilisce una nuova ordinanza del presidente della regione Campania Vincenzo De Luca.

Ore 19,30 – Speranza: “Resta quarantena per arrivi extra Schengen” – “L’Italia sceglie la linea della prudenza e mantiene in vigore l’isolamento fiduciario e la sorveglianza sanitaria per tutti i cittadini provenienti dai Paesi extra Schengen. La misura si applica al nostro Paese anche ai cittadini dei 14 Paesi individuati dall’Ue nella “lista verde” e dai quali ci si può muovere liberamente da domani. Lo dichiara il ministro della Salute Roberto Speranza, svelando il contenuto dell’Ordinanza firmata oggi.

Ore 18,00 – Il bollettino di oggi – È di 15.563 (-933) attualmente positivi, 34.767 (+23) deceduti e 190.248 (+1.052) guariti, per un totale di 240.578 (+142) casi totali, l’ultimo bilancio sull’epidemia di Coronavirus in Italia emerso dal consueto bollettino diffuso dal ministero della Sanità. Dei 15.563 attualmente positivi, 1.090 (-30) sono ricoverati in ospedale, 93 (-3) necessitano di cure in terapia intensiva, mentre 14.380 (-900) sono in isolamento domiciliare. Il bollettino di oggi.

coronavirus italia

Ore 17,30 – Lazio: 5 casi e nessun decesso – “Oggi registriamo un dato di 5 casi positivi e zero decessi. A Roma città si registrano due nuovi casi”: lo afferma l’assessore alla Sanità della regione Lazio Alessio D’Amato nel corso della videoconferenza della task-force regionale per il Covid-19 con i direttori generali delle Asl e Aziende ospedaliere.

Ore 15.30 – In Veneto oggi 8 positivi e 5 ricoverati. Zaia: “Numeri non buoni, siamo preoccupati” – Il bollettino di oggi in Veneto preoccupa il presidente Zaia. Secondo gli ultimi numeri infatti si parla di 5 ricoverati in più, 35 in isolamento in più e 8 positivi in più. “Siamo preoccupati per il pericolo di una reinfezione in Veneto, la responsabilità risiede nei comportamenti dei cittadini. Quello di oggi, per me non è un bollettino positivo. Si tratta di una anziana di una casa di riposo di Cordignano, che ha un focolaio attivo, e una coppia di anziani, ci sono anche madre e figlio stranieri residenti a Vicenza (24 anni e 3 mesi), un ricoverato a Padova con sintomi lievi e un bergamasco di 72 anni”.

Ore 12.16 – Migranti: positiva al Covid donna incinta evacuata da Moby Zazà – È positiva al Covid-19 la donna incinta, alle prime settimane di gravidanza, fatta evacuare dalla nave Moby Zazà dove stava facendo la quarantena. La migrante è stata destinata all’apposito reparto allestito all’ospedale “Cervello” di Palermo. La nave, che si trovava in rada a Porto Empedocle, è rientrata in porto per le operazioni di sbarco. Al momento sulla Moby Zazà restano circa 200 migranti di cui 28, salvati in acque internazionali dalla Sea Watch, isolati in una ‘zona rossa’ interna alla nave, in quanto risultati positivi al coronavirus

Ore 11.00 – Lombardia, nuovo focolaio nel Mantovano: chiuso un macello con 12 positivi – L’Ats ha predisposto oggi la chiusura a tempo indeterminato del macello Ghinzelli di Viadana (gruppo Pini) dove sono stati registrati 12 casi di positività al Covid-19, si tratta di dipendenti di una cooperativa che lavora all’interno. Per tutta la giornata sono continuati i tamponi sul resto degli operai, 300 in tutto, i cui risultati si conosceranno domani. Il macello è stato chiuso e i suini da macellare trasferiti in un altro stabilimento del gruppo. Per l’Azienda di Tutela della Salute la chiusura è di natura precauzionale. È il secondo focolaio di Covid-19 individuato a Viadana in un ambiente di lavoro nel giro di pochi giorni dopo quello nel salumificio Gardani: qui i contagiati sono stati 12 dipendenti più tre famigliari di un operaio, ma l’unità produttiva continua a funzionare.

Ore 10.30 – Mondragone, Salvini: “Ci torno, non mi fermano quattro scemi” – “Quando tornerò? Prima lo faccio, poi lo dico. Noto che di mattina presto questi dormono, si sono strafatti di canne la sera, magari torno alle 3 di notte”. Salvini spiega poi di aver chiamato ieri il prefetto di Caserta “per chiedere che la democrazia in provincia di Caserta sia tale”. “Polizia e carabinieri fanno più del proprio dovere, non so se c’e’ stata sottovalutazione – aggiunge – oggi mancano gli elicotteri, i vigili del fuoco e la marina militare, per il resto ci sono tutti”. Salvini torna a parlare di “inaccettabile violenza da parte di criminali”, ribadendo che i sospetti sulla possibilità che dietro ci sia “la mano della camorra, l’unica che ci guadagna dai rifiuti in strada e dal lavoro illegale. Tornerò con ancora più grinta, dispiace che tanta gente perbene sia stata vittima di questi cretini”.

Ore 09.30 – Morti Rsa, indagata direttore Asl Vercelli – Un altro nome è stato iscritto nel registro degli indagati nell’inchiesta sulle morti, oltre quaranta, durante l’emergenza Coronavirus nella casa di riposo di piazza Mazzini, a Vercelli. Si tratta di Chiara Serpieri, direttore generale dell’Asl di Vercelli. Omissione di atti d’ufficio il reato ipotizzato dal pm Davide Pretti. Al vaglio degli inquirenti, secondo quanto anticipato sulle pagine locali della Stampa, i ritardi nell’attivazione della commissione di vigilanza per gli accertamenti sul rispetto delle misure di sicurezza all’interno della struttura.

Ore 09.00 – Roma, “Se continua la movida sfrenata chiudiamo le piazze” – Adesso che la Fase 3 della lotta al Coronavirus in Italia è entrata nel vivo, la più grande paura è un ritorno del contagio: per questo motivo, a Roma, è stata emessa una nuova direttiva anti-assembramenti, valida da giovedì 25 giugno 2020, che prevede piazze chiuse in caso di movida sfrenata e incontrollabile. Il provvedimento è già stato applicato nel weekend appena trascorso: a piazza Trilussa, a Trastevere, è stata transennata la scalinata dove pochi minuti prima dell’intervento della Municipale erano accalcate decine di persone, quasi sempre senza mascherina. “Non è stato l’esperimento di un weekend – ha assicurato a Il Messaggero Antonio Di Maggio, comandante della polizia locale – ma questo tipo di interventi si ripeterà durante l’estate, fino a quando sarà necessario, in base al flusso di persone e agli assembramenti” (Leggi la notizia).

Ore 08,00 – Lombardia, Fontana: “Se commessi errori, pronti a riconoscerli” – “Siamo tutti quanti pronti a riconoscere degli errori, qualora fossero stati commessi, sottolineando il fatto che ci siamo ritrovati all’interno di un cataclisma che nessuno pensava potesse verificarsi”: con queste parole il governatore della Lombardia, Attilio Fontana, ha annunciato l’istituzione di una commissione di saggi per l’evoluzione del sistema sanitario della Regione. Il presidente, travolto nei giorni scorsi dalle polemiche per la sua presenza alla cerimonia in onore dei morti per il Coronavirus di Bergamo, ha risposto anche a Luca Fusco, presidente del comitato vittime “Noi denunceremo”: “Non ho incontrato Fusco, che non conosco, ieri. Mi sembra di aver già detto tutto quello che c’era da dire” (Qui tutti i dettagli).

Ore 06.00 – Mes: riunione di governo del M5s, confermata la contrarietà – A quanto di apprende nel corso della riunione di governo del Movimento 5 stelle a Largo Chigi è stato fatto il punto sui prossimi provvedimenti di governo, a partite dal decreto semplificazioni che è già in una fase avanzata ma che sarà oggetto nei prossimi giorni di un confronto con le altre forze di maggioranza. All’inizio dell’incontro è stato toccato anche il tema del Mes, che vede il Movimento compatto sulla contrarietà. Il capo politico Vito Crimi ha fatto sapere di non aver apprezzato che sull’argomento esponenti dei partiti di maggioranza “si stanno muovendo con modi e accenti che non si conciliano con questa fase cruciale per il Paese”. Crimi ha infine ribadito l’importanza del pieno coinvolgimento del Parlamentari “anche nella fase preparatoria dei decreti”, ed è in questa direzione ci si sta già muovendo per i prossimi provvedimenti in elaborazione.

CORONAVIRUS ITALIA – COSA È SUCCESSO IERI

Zaia: “In Veneto 22 focolai” – “Attualmente in Veneto ci sono 22 focolai. Guardando il trend settimanale a partire dal 25 maggio contiamo 135 focolai, scesi poi a 75, 56, 35 e ora 22. Quindi non è vero quindi che sono aumentati i focolai. Attualmente dei 22, 13 sono in famiglie e 9 in strutture per anziani. I due focolai che preoccupano maggiormente sono quello di Feltre e quello definito delle badanti romene perché sviluppatosi tra 8 badanti che hanno viaggiato assieme in un pullman dalla Romania all’Italia”. Lo ha detto il governatore del Veneto, Luca Zaia, parlando nel corso del consueto punto stampa. Il governatore ha poi detto di aver disposto “test per tutti i familiari (datori di lavoro, ndr) e per tutte le badanti a rischio”. “In Veneto si curano le persone a prescindere da ogni documento, credo religioso, orientamento sessuale, colore della pelle e altro” ha poi aggiunto rispondendo ai giornalisti.

Scuola, Azzolina conferma rientro a scuola per tutti il 14 settembre. “Le scuole riapriranno per tutti dal 14 settembre. Non ci sono dubbi. Dal primo settembre riapriranno per quelli che hanno da recuperare o potenziare gli apprendimenti dell’anno scolastico appena concluso”. Lo ha ribadito la ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina a ’24 Mattino’ su Radio 24. “L’Election day non riguarda le scuole di secondo grado, ma gli ordini delle scuole precedenti, ma il ministro dell’Istruzione non decide dove si svolgono le votazioni. In ogni caso la sanificazione della scuola dura un giorno non certo una settimana come ho sentito dire. Io sarò felice quando vedrò i miei studenti tornare a scuola”.

Coronavirus, ultime notizie – Lombardia, obbligo mascherina fino al 14 luglio. “Nonostante il fastidio della mascherina, soprattutto con il caldo di luglio, sono dell’idea che occorra proseguire con il suo mantenimento sino al 14 luglio. Come vedete anch’io la indosso, non senza sacrificio”. A scriverlo su Facebook è il presidente della regione Lombardia, Attilio Fontana, confermando l’intenzione di estendere l’obbligo di indossare la mascherina. “Pulizia delle mani, distanziamento e mascherine ci stanno dando una risposta confortante, limitando il numero delle persone costrette a ricorrere ad un ricovero o peggio alla terapia intensiva”, ha aggiunto il governatore. “Fa caldo, molto caldo, ma il parere dei virologi – ha concluso – è ancora di mantenere le precauzioni anti contagio, prima fra tutte, l’uso della mascherina”.

Leggi anche:

1. Mattarella a Bergamo per la Messa da Requiem in onore ai morti per Coronavirus / 2. Altro che lockdown: durante il Covid Europa inondata di droga, traffici raddoppiati. Tutti i numeri e le rotte / 3. L’Italia può farcela, ma la classe dirigente deve pensare alla storia e non ai propri interessi e carriere personali

4. Mondragone, Bartolini, Val Seriana: tra profitto e salute indovinate chi vince col Covid / 5. Perché questa fase di impasse rischia di logorare più Salvini e Meloni che la maggioranza giallorossa / 6. “Il piano Azzolina? Siamo in ritardo per settembre”: intervista a un preside di periferia

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO

CORONAVIRUS ULTIME NOTIZIE: TUTTI I NUMERI

17
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.