Covid ultime 24h
casi +16.377
deceduti +672
tamponi +130.524
terapie intensive -9

Fontana nomina cinque “saggi” per uscire dall’incubo del Covid-19

Il Presidente della Regione Lombardia ha prolungato fino al 14 luglio l'obbligo di usare la mascherina, anche all'aperto. Via libera alle fiere. "Cartellino giallo" per calcetto e altri sport di contatto: possono riprendere dal 10 luglio, ma solo a certe condizioni. Si può ballare, ma solo all'aperto

Di Lorenzo Zacchetti
Pubblicato il 29 Giu. 2020 alle 21:35 Aggiornato il 29 Giu. 2020 alle 21:36
1
Immagine di copertina

Il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, ha firmato una nuova ordinanza, che estende l’obbligo dell’uso della mascherina fino al 14 luglio, e ha nominato cinque consulenti per la gestione del sistema sanitario.

Viene quindi confermato l’obbligo di indossare mascherine anche all’aperto, tranne nel caso di intense attività motorie o sportive, oltre alle prescrizioni già previste per i datori di lavoro dai precedenti provvedimenti, tra cui l’obbligo di misurazione della temperatura di tutti i dipendenti e di comunicare tempestivamente i casi sospetti all’Ats di riferimento.

Gli sport di contatto, come calcio e basket, possono ripartire “a decorrere dal 10 luglio, previo il verificarsi delle condizioni previste dalla lettera ‘g’ dell’articolo 1 del Dpcm dell’11 giugno 2020”, ovvero che Regioni e Province autonome, d’intesa con il Ministero della Salute e dell’Autorità di Governo delegata in materia di sport, abbiano preventivamente accertato la compatibilità delle suddette attività con l’andamento della situazione epidemiologica nei rispettivi territori, in conformità con le linee guida dello stesso Dpcm. Sempre il 10 luglio è prevista la riapertura di discoteche e sale da ballo: in questo caso non ci sono pre-condizioni da rispettare, ma ballare sarà consentito solo all’aperto. Ripresa anticipata al 1° luglio per congressi e fiere.

Fontana ha inoltre nominato cinque consulenti per dare vita al “Comitato dei saggi per l’evoluzione del sistema sanitario lombardo”. I profili scelti sono decisamente di elevata caratura: Giuseppe Remuzzi, direttore dell’Istituto Mario Negri di Milano, Gianluigi Spata, presidente dell’ordine dei medici della Lombardia, Gianluca Vago, medico ed ex rettore della Statale, Alberto Mantovani, professore emerito di Patologia e direttore scientifico dell’Irccs Istituto Clinico Humanitas e Rosanna Tarricone, professoressa della SDA Bocconi School of Management, nonché unica donna del Comitato.

“Ho chiesto la consulenza a personalità che faranno riferimento a me e quindi non andranno a incidere sulle funzioni che già esistono e che continueranno il loro lavoro. Sono tutte persone di altissima qualità, che hanno idee anche completamente diverse, e che mi serviranno per avere le idee più chiare sul momento odierno e sulla evoluzione dell’epidemia”.

Il “Comitato dei saggi per l’evoluzione del sistema sanitario lombardo”, ha aggiunto Fontana, sarà anche incaricato di dare un parere “sulle situazioni che si sono verificate e alle eventuali correzioni che andranno apportate”.

1
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.