Coronavirus Italia, ultime notizie: i contagi salgono a 73.880 (+3815), i morti sono 10.779 (+756). Guariti: +13mila, casi totali: +97mila

Le ultime notizie dell'epidemia di Covid-19 in Italia

Di Clarissa Valia
Pubblicato il 29 Mar. 2020 alle 07:27 Aggiornato il 29 Mar. 2020 alle 20:18
145

Coronavirus in Italia: le ultime notizie di oggi in tempo reale

CORONAVIRUS ITALIA ULTIME NOTIZIE – Nella serata di sabato 28 marzo il presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha parlato alla nazione per annunciare uno stanziamento ai comuni da utilizzare per le famiglie indigenti che non hanno più i soldi per fare la spesa. Il nuovo dpcm dispone 4,3 miliardi a valere sul fondo di solidarietà dei Comuni per aiuti e 400 milioni per buoni spesa. (Qui i dettagli) L’ultimo  bollettino della Protezione Civile indica che l’Italia ha superato le 10mila vittime di Coronavirus, tornano invece a calare i nuovi contagi: +3.651. Guariti quasi triplicati. I nuovi casi sono in percentuale al minimo da inizio fase epidemica (+6,9 per cento). Qui le ultime notizie sul Coronavirus nel mondo. Di seguito le ultime notizie di oggi, domenica 29 marzo 2020, sul Coronavirus in Italia, aggiornate in tempo reale.

Ore 20.10 – Azzolina: “A breve novità su esami di Maturità” – “So benissimo che attendete risposte sugli esami di Stato, ci stiamo lavorando, a breve daremo delle risposte. Ho letto tutte le richieste, abbiamo bisogno di un veicolo normativo che ci permetta di modificare il decreto 62 del 2017, presto lo avremo e potremo darvi risposte precise su esami di Stato e sugli esami della scuola secondaria di primo grado”. Così la ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina in una diretta Facebook.

Ore 19.45 – 50 medici morti, 8.358 operatori contagiati – Sono 8.358 gli operatori sanitari rimasti contagiati dal Coronavirus in Italia dall’inizio dell’emergenza. E’ il dato aggiornato fornito dall’Istituto Superiore di Sanità, a cui si aggiunge l’elenco delle vittime tra i medici stilato quotidianamente dalla Fnomceo, la federazione degli ordini dei medici, che fissa il totale a 50.

Ore 19.35 – Arcuri: “Da domani al via a produzione italiana di mascherine” – “Come avevamo annunciato nei giorni scorsi, da domani parte una prima importante quota di produzione italiana di mascherine. È un risultato rilevante raggiunto in tempi brevi grazie alla collaborazione di tante aziende, dell’Istituto Superiore di Sanità, di alcune importanti università italiane ed alle nuove norme decise dal governo con il decreto legge del 17 marzo. Continuiamo a lavorare, senza sosta, per rendere l’Italia sempre meno dipendente dalle importazioni di mascherine da altri paesi”. Così il Commissario straordinario all’emergenza CoviD-19 Domenico Arcuri, al termine di una riunione con il gruppo di lavoro impegnato a sviluppare la produzione italiana di mascherine. In particolare le produzioni sono: le prime 25 aziende del settore della moda che, come il Commissario aveva annunciato lo scorso martedì 24, da domani produrranno 200.000 mascherine chirurgiche al giorno, che passeranno a 500.000 dalla prossima settimana ed a 700.000 al giorno in quella successiva. Le aziende del settore dell’igiene personale, a partire dalla Fater di Pescara, che da domani produrranno 150.000 mascherine chirurgiche al giorno, che passeranno a 400.000 dalla prossima settimana ed a 750.000 al giorno in quella successiva. “Queste produzioni – ha concluso il Commissario – verranno esclusivamente destinate a coprire, per il tramite della Protezione Civile, il fabbisogno delle Regioni italiane”.

Ore 18.50 – Borrelli, ordinanza di 400 milioni subito operativa – “​Firmerò a breve l’ordinanza, prevede una ripartizione sulla base del criterio della popolazione e della distanza del valore di reddito pro capite di ciascun comune rispetto a quello generale della popolazione”. Così il capo della Protezione Civile Angelo Borrelli, in merito all’ordinanza per la ripartizione di 400 milioni ai Comuni. Questi fondi “vengono gestiti attraverso dei buoni spesa per l’acquisto di generi alimentari. La gestione di questi buoni sarà a cura dei servizi sociali che normalmente erogano questi tipi di provvidenze, e i comuni potranno avvalersi anche del terzo settore per acquisto e distribuzione delle derrate. L’ordinanza sarà immediatamente operativa”.

Ore 18.00 – Il bollettino di oggi domenica 29 marzo – Sale a 73.880 il totale dei pazienti positivi al Coronavirus in Italia (+3815 rispetto a ieri). I guariti salgono a 13.030 (+646), mentre il totale di deceduti sale a 10.779 (+756 rispetto a ieri). Il numero dei casi totali in Italia sale a 97.689 (+5217). (QUI il bollettino completo di oggi)

Ore 14 – Controllati 203mila cittadini: oltre 5mila denunce. 49 persone positive in giro in violazione di quarantena – Nella giornata di ieri sono stati controllati 203.011 persone e 84.941 esercizi commerciali e attività. Le persone sanzionate in via amministrativa per i divieti sugli spostamenti sono state 4.942; le persone denunciate per false attestazioni nell’autodichiarazione 142 e quelle denunciate per violazione della quarantena 49. Gli esercizi commerciali sanzionati sono stati 151; 22 i provvedimenti di chiusura delle attività. Dall’11 al 28 marzo sono stati controllati complessivamente 3.069.879 persone e 1.419.869 esercizi commerciali.

Ore 12,21 – Boccia: “Inevitabile prorogare le misure”. “Le misure in scadenza il 3 aprile inevitabilmente saranno allungate. I tempi li deciderà il consiglio dei ministri” sentito il parere del comitato scientifico e delle “categorie competenti”. E’ quanto ha affermato il ministro per gli Affari regionali, Francesco Boccia, intervistato da Maria Latella, per SkyTg24. “Parlare di riapertura è irresponsabile”, ha insistito Boccia.

Ore 11,35 – Sindaci lombardi Lega contro Conte: “Indignati presa in giro Dpcm”. I sindaci della Lega in Lombardia prendono posizione contro il Dpcm annunciato ieri dal premier Conte. “Come sempre questo governo, anche in piena fase di emergenza, scarica i problemi sui Comuni. Come sindaci ci sentiamo presi in giro: i cittadini devono sapere che i 4 miliardi e 300 milioni annunciati ieri sera da Conte non sono soldi che lo Stato dà ai Comuni, ma sono l’anticipo di quello che lo Stato deve già ai Comuni per il Fondo di Solidarietà comunale, alimentato dai soldi dei Comuni stessi. In sostanza il governo sta facendo l’elemosina con i nostri soldi, già alle prese con una coperta sempre troppo corta. Come amministratori ci chiediamo: come verranno ripartiti questi soldi?”. E aggiungono: “Noi sindaci del Nord siamo abbandonati a noi stessi e come al solito ci viene chiesto di cavarcela da soli, anche nel bel mezzo di un’emergenza sanitaria di questa portata”.

Ore 9,44 -Riaperture saranno lente e scaglionate: ultimi bar e discoteche. Controlli serrati per Pasqua. Qui la notizia completa.

Ore 8,12 – Aereo Gdf consegna 240mila mascherine in Veneto. Un aereo della Guardia di finanza ha trasportato in Veneto per conto della Protezione civile un carico di mascherine destinate agli operatori sanitari della regione. Per il volo, da Fiumicino a Venezia, è stato utilizzato uno dei nuovissimi Atr 72 del Gruppo esplorazione aeromarittima di Pratica di Mare. Sul velivolo sono stati caricati 140 colli contenenti 240mila mascherine.

Ore 8,05 – Reddito di emergenza, il governo punta ad aiutare 10 milioni di lavoratori anche precari e irregolari. Qui la notizia completa.

Ore 7,25 – Eurobond, Von der Leyen: “Non esclusa alcuna opzione in limiti trattato”. Gualtieri: “Prendo atto chiarimento”. La presidente della Commissione europea “in questo momento non esclude nessuna opzione entro i limiti del trattato” per aiutare i paesi membri a fronteggiare le conseguenze economiche del Coronavirus. Lo si legge in una nota del portavoce della presidente della Commissione, Ursula von der Leyen. “Prendiamo atto del chiarimento fornito dalla Presidente della Commissione europea von der Leyen rispetto alle parole sbagliate sui coronabond”, replica in un tweet il ministro dell’Economia, Roberto Gualtieri, che aggiunge: “Ora la Commissione lavori davvero a tutte le opzioni possibili, nessuna esclusa. Non c’è tempo da perdere”.



CORONAVIRUS ITALIA, COSA È SUCCESSO IERI: 

Conte firma nuovo Dpcm: “4,3 miliardi ai Comuni per aiuti alle famiglie” – “Lo Stato c’è. Sappiamo che ci sono tante persone che soffrono, c’è chi addirittura ha difficoltà a comprare generi alimentari. Ho firmato il Dpcm, giriamo 4,3 miliardi ai Comuni e aggiungiamo 400 milioni con ordinanza della Protezione civile con il vincolo di utilizzare queste somme per le persone che non hanno i soldi per fare la spesa. Da qui nasceranno buoni spesa ed erogazioni di generi alimentari”. Così il presidente del Consiglio Giuseppe Conte in conferenza stampa. Qui i dettagli 

Stretta sugli arrivi in Italia. Ministro della Salute: “Chi rientra in Italia da oggi deve specificare i motivi del viaggio” – Da oggi entrano in vigore disposizioni per chi entra in Italia e misure organizzative (tra le quali l’obbligo per i vettori di fornire mascherine ai passeggieri) che devono adottare i vettori e gli armatori per contrastare il diffondersi del contagio. È stata infatti firmata una nuova ordinanza dalla ministra delle Infrastrutture e dei Trasporti Paola De Micheli e dal ministro della Salute, Roberto Speranza. (Qui l’articolo completo)

Primo morto di Coronavirus a Ragusa- Ragusa ha registrato il primo morto per Coronavirus. Originario di Ragusa, ma da tempo viveva a Varese, il 71enne, che soggiornava a Marina di Ragusa assieme ad alcuni familiari, era stato ricoverato il 22 marzo scorso al Maggiore di Modica, Covid hospital, dove era giunto in condizioni definite sub critiche. Era stato trasferito in terapia intensiva a causa dell’aggravarsi delle sue condizioni. Allo stato attuale in provincia di Ragusa ci sono 28 positivi (8 ricoverati tra cui l’anziana rientrata da Pavia che versa ancora in gravi ma stabili condizioni); tra questi, 20 sono in isolamento domiciliare, 4 i guariti. L’Asp ha effettuato anche due tamponi di verifica a due anziani morti in una casa di riposo. L’esito degli esami è stato negativo. L’Asp di Ragusa informa che da lunedì, secondo le indicazioni dell’Assessore  Regionale della Salute, informato costantemente della situazione della Provincia, avranno inizio i prelievi dei tamponi alle persone in isolamento che singolarmente saranno chiamate e con la loro auto se disponibili potranno recarsi a Ragusa per effettuare il tampone senza scendere dall’auto. “Questo consentirà di velocizzare le procedure, effettuare più tamponi e dedicare il personale per le visite a domicilio per le persone più fragili e non autonome. Raccomandiamo, in previsione di un aumento dei casi in tutta la Regione e anche nella provincia di Ragusa – scrive l’Asp -, di rispettare rigidamente le regole”.

Direttore Oms: “Parole Mattarella straordinarie” – Il direttore generale dell’Organizzazione mondiale della Sanità (Oms), Tedros Adhanom Ghebreyesus, ha lodato su Twitter l’intervento di ieri del presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, in cui ha fatto appello per fare fronte comune contro la pandemia di Covid-19. “Il presidente Mattarella ha parlato alla nazione con parole straordinarie, indicando all’Italia e all’Europa come procedere. Siamo a fianco dell’Italia che sta dando segnali positivi nella traiettoria dell’epidemia. E’ una lezione per il mondo intero”, ha scritto Tedros in italiano condividendo il video del Quirinale.

Le onoranze funebri di Bergamo si fermano. Da lunedì 30 marzo le onoranze funebri  della Bergamasca non lavoreranno più: “Abbiamo dato tutto, ora basta: ci fermiamo”. Lo ha annunciato il presidente della categoria nella Lia. (Qui l’articolo completo)

La mappa dei contagi in Italia

Renzi: “L’Italia piano piano riapra, col virus si convivrà”. Il leader di Italia Viva Matteo Renzi lancia un appello a far ripartire le attività in Italia con un’intervista ad Avvenire. “Riapriamo. Perché non possiamo aspettare che tutto passi. Perché se restiamo chiusi la gente morirà di fame. Perché la strada sarà una sola: convivere due anni con il virus”, dice l’ex premier. “Serve un piano per la riapertura e serve ora. Le fabbriche devono riaprire prima di Pasqua. Poi il resto. I negozi, le scuole, le librerie, le Chiese. Serve attenzione, serve gradualità. Ma bisogna riaprire”, ha chiesto il leader di Italia Viva (qui la notizia completa e la replica degli scienziati).

Provenzano: “A rischio la tenuta democratica, estendere subito reddito cittadinanza”. Qui la notizia completa.

Governo valuta proroga misure per altre due settimane. Il governo sta valutando l’ipotesi di confermare la chiusura totale e i divieti di spostamento per altre due settimane, valutando alcune minime deroghe per le aziende. Lo riporta il Corriere della Sera, anticipando il piano dell’esecutivo in vista del 3 aprile quando sarà firmato il nuovo decreto (qui la notizia completa).

Calabria, requisite 19 tonnellate materiale medico. I funzionari dell’Agenzia Dogane e Monopoli (Adm) di Gioia Tauro (RC), in servizio nel porto della città calabrese, con la collaborazione dei militari della Guardia di Finanza del comando provinciale di Reggio Calabria, hanno intercettato due importanti carichi di materiale medico e sanitario, contenenti: 364.200 paia di guanti sterili per uso chirurgico provenienti dalla Malesia e 9.720 dispositivi endotracheali, provenienti dalla Cina, utilizzati per l’intubazione. In tutto 19 tonnellate di materiale. Tenuto conto di quanto disposto dal Commissario straordinario per l’emergenza Covid-19, l’Agenzia Dogane e Monopoli ha requisito la merce e l’ha consegnata al Dipartimento della Protezione Civile.

Primo caso in centro Amazon italiano. Primo caso accertato di contagio da Coronavirus all’interno di un centro distribuzione di Amazon in Italia. È accaduto nelle ore scorse presso lo stabilimento FCO1 di Passo Corese, in provincia di Rieti, dove operano circa 1500 persone. Secondo quanto riportato dall’Agi, la persona risultata positiva al test Covid-19 è legata al cluster della zona rossa di Nerola, borgo non molto distante dal centro distribuzione Amazon di Passo Corese. La notizia è stata confermata nella notte anche dalla rappresentanza sindacale della Filt-Cgil nella struttura. Il dipendente è stato per l’ultima volta nella struttura il 22 marzo scorso.

Conte: “Coronavirus è sfida epocale per Ue, eviti errori tragici”.L’epidemia di Coronavirus rappresenta “una sfida epocale per l’Europa”: è l’avvertimento del presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, che in un’intervista al Sole 24 Ore ha invitato l’Ue “a non compiere errori tragici” e ha sottolineato che “l’intero edificio europeo rischia di perdere la sua ragion d’essere”.

Papa: “La gente ha fame, è l’inizio del dopo”. “In questi giorni”, ha detto Papa Francesco all’inizio della messa a Santa Marta, “in alcune parti del mondo si sono evidenziate alcune conseguenze della pandemia. Una è la fame. Si comincia a vedere gente che ha fame perché non può lavorare, perché non aveva un lavoro fisso. Cominciamo a vedere già a vedere il dopo. Verrà più tardi ma comincia adesso. Preghiamo per le famiglie che incominciano ad avere bisogno per la pandemia”, ha detto.

Ispi, in Italia 530mila positivi; letalità 1,1 per cento. Uno studio dell’Ispi, l’istituto Milanese di studi di politica internazionale stima che il tasso di letalità del Covid-19 in Italia (9,9 per cento al 24 marzo 2020) potrebbe non superare l’1,1 per cento, stimando però una platea di positivi di 530mila. In Cina la letalità è stimata allo 0,7 per cento, mentre Ispi stima in 1,14 per cento per l’Italia.

Leggi anche:  1. ESCLUSIVO TPI: Una nota riservata dell’Iss rivela che il 2 marzo era stata chiesta la chiusura di Alzano Lombardo e Nembro. Cronaca di un’epidemia annunciata / 2. Coronavirus Anno Zero, quel 23 febbraio all’ospedale di Alzano Lombardo: così Bergamo è diventata il lazzaretto d’Italia

3. Il sindaco Gori a TPI: “Le bare di Bergamo sono solo la punta di un iceberg, i nostri morti sono quasi tre volte quelli ufficiali”/ 4. Perché in Lombardia si muore? Gli errori di Fontana e altre sette importanti ragioni /

5. Coronavirus, tamponi per asintomatici? Solo ai privilegiati. Così prolifera il business dei test privati / 6. Coronavirus, parla la fidanzata di Rugani della Juve: “Il tampone? Sono venuti a farmelo a casa. Nessuna via preferenziale, il trattamento è uguale per tutti” (di Giulio Gambino)

TUTTE LE NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO

145
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.